Come viaggiare di più spendendo di meno

Napoli Spaccanapoli
Destinazioni

Spaccanapoli, tour tra presepi sfogliatelle e cultura

2 minuti di lettura
Spaccanapoli, la strada cara ai napoletani, quella che taglia in due la città. Cos'è Spaccanapoli e come arrivare nel cuore e nella vera cultura della città di Napoli, attraverso un percorso e un tour molto affascinante.

Spaccanapoli. Se ne sente tanto parlare ma pochi sanno precisamente cosa sia, quali ne siano i confini e in che storia è calata.

Spaccanapoli è, in termini più aulici e meno popolani, il decumano inferiore che, ai tempi della società ellenica, era una delle tre più importanti arterie della città. I suoi confini si sono espansi nel corso dei secoli. Il progetto ellenico, quello iniziale, prevedeva un collegamento tra Via Duomo e Piazza San Domenico Maggiore, successivamente si è avuta una progressiva espansione giungendo, fino ai nostri giorni, a collegare, udite udite, i Quartieri Spagnoli a Forcella, passando per via Toledo, attraverando Piazza del Gesù, percorrendo via Benedetto Croce, fino ad arrivare a Piazza San Domenico Maggiore e proseguire poi lungo via San Biagio dei Librai per sboccare su via Duomo e quindi terminare a via Giudecca Vecchia che è una parte di Forcella.

Napoli Spaccanapoli

Non solo una strada quindi, ma un viaggio attraverso la società Napoletana, dal degrado dei quartieri, passando per lo sfarzoso shopping di via Toledo, fiancheggiando Gay Odin e Scaturchio, pasticcerie che hanno fatto la storia napoletana, e, ancora, la casa di Benedetto Croce, colui che la storia l’ha raccontata.

Per ritrovarsi poi, nel cuore della cristianità con la Chiesa del Gesù, il complesso di Santa Chiara e la Chiesa di San Domenico Maggiore, e, proseguendo verso San Biagio dei Librai, immergersi nell’eterno Natale di via San Gregorio Armeno (collegamento tra il nostro decumano inferiore e il decumano maggiore) e catapultarsi ancora, di nuovo, tra lo shopping d’elite di via Duomo, piccola parentesi modaiola prima della conclusione cupa in quel di Forcella, quartiere che troppe volte, in passato, suo malgrado, è stato teatro di sanguinosi agguati di camorra.

Napoli Spaccanapoli

Spaccanapoli, l’unione e la separazione. Unione di realtà agli antipodi tra di loro. Separazione della parte Nord della città dalla parte Sud. Per chi lo volesse è sempre disponibile un Free tour di Napoli per vedere tutto questo dal vivo.

Ma come arrivarci?

In auto, consiglio di prendere l’uscita Doganella della tangenziale, e proseguire verso piazza Carlo III, corso Garibaldi, poi Corso Umberto fino a piazza Bovio. Da Piazza Bovio, si sale lungo via Sanfelice e poi a destra su via Monteoliveto. Parcheggiare lungo la strada o in qualche sua traversa e iniziare la passeggiata. Prendendo una delle traverse sulla sinistra ci si ritrova tra lo shopping di lusso toledano, mentre, svoltando a destra, svetta l’obelisco dell’Immacolata in piazza del Gesù, quindi Spaccanapoli.

In treno, invece, consiglio di scendere a Piazza Garibaldi, prendere la linea 2 della metro fino a Cavour e da lì prendere la linea 1 fino a Dante. Scesi a Dante, passando per Port’alba e attraversando piazza Bellini costeggiando il conservatorio, superare piazza Miraglia e imboccare una piccola traversa pedonale immediatamente a destra. Pochi passi e ci si ritrova a Piazza San Domenico Maggiore, Spaccanapoli.

Napoli Spaccanapoli

Punti cardinali? Gay Odin tra piazza del Gesù e via Benedetto Croce, con i gelati e cioccolatini più famosi di Napoli. Scaturchio, a piazza San Domenico Maggiore con le sue sfogliatelle e babà, Carraturo, a via san Biagio dei Librai, con sfogliatelle e dolcini vari e, la mia ultima scoperta, il Caffè Aragonese a piazza San Domenico Maggiore, le cui sfogliatelle calde sono equiparabili se non superiori a quelle di Scaturchio. Il sepolcro del Cardinale Brancaccio, all’interno della Chiesa di Sant’Angelo a Nilo, realizzato da Donatello.

Il tesoro di San Domenico Maggiore all’interno dell’omonima Chiesa, il famosissimo Cristo Velato nella cappella di Sansevero, il complesso delle Clarisse, oltre ai su menzionati punti di riferimento. Per quanto riguarda quest’ultima indicazione non mi rimane che consigliarvi una visita guidata di Spaccanapoli + Cristo Velato. Ora che sapete tutto e ben sapete orientarvi, che aspettate? Partite subito alla scoperta del cuore di una delle città più belle del mondo.

Se ti sei incuriosito e vuoi fare un bel viaggio a Napoli, vieni a leggere anche la nostra guida di Napoli in 3 giorni.

77 articoli

Informazioni sull'autore
28 anni, studentessa di Medicina e Chirurgia, vive in provincia di Caserta. Approfitta di ogni momento libero per correre alla scoperta di profumi, colori e abitudini di ogni luogo in cui, per piacere o per dovere, le capita di passare. Ha deciso quasi subito che i viaggi organizzati non fanno per lei; così, pc alla mano, da qualche anno a questa parte, progetta da sé i propri spostamenti con gran soddisfazione personale, ottimizzazione dei tempi e notevole risparmio economico. Turista frenetica, della serie “non voglio perdermi niente”, intende la vacanza come un momento di conoscenza piuttosto che di relax.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Curiosità

Il rito di Halloween in Irlanda

Halloween è una festa nata in Irlanda e non in America come crede la maggior parte delle persone. Tutto ebbe inizio nella Contea di Meath, a pochi chilometri da Dublino. Definita come “Capodanno celtico”, Halloween si festeggia il 31 ottobre e un tempo rappresentava un rito che segnava il passaggio dalla luce alle tenebre, poiché coincideva con la fine dei raccolti e l’inizio del periodo invernale.
Destinazioni

Dove vedere i fenicotteri a Comacchio

Se non hai la possibilità di andare all’estero ma vuoi comunque vedere i fenicotteri, a Comacchio potrai vivere questa bellissima esperienza. Attraverso diversi tour infatti potrai vederli in totale libertà e goderti una giornata in questa splendida zona dell’emilia romagna.
Ricetta

Pissaladière, ricetta della Costa Azzurra arrivata in Liguria

Pissaladière, un piatto del sud della Francia arrivato anche in Liguria. Qui la ricetta con olive e capperi, ma qui anche il metodo di preparazione per un pasto che ricorda un viaggio in Francia o in Liguria!
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×
Destinazioni

Caserta, cosa fare in due giorni