Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Bangkok in 2 giorni, cosa vedere

2 minuti di lettura
Bangkok in 2 giorni: le principali attrazioni da vedere nella colorata e caotica capitale della Thailandia, leggi il post e prenota per il tuo prossimo viaggio low cost a Bangkok.

Questo articolo è stato aggiornato il Aprile 6, 2017

Bangkok molto spesso viene visitata in pochi giorni, come scalo prima di raggiungere altre parti dell’Oriente. Per quanto mi riguarda è una città unica al mondo, con una personalità che ho visto in poche altre metropoli. Se il vostro tempo per visitarla è ridotto, ecco allora cosa vi consiglio di vedere in pochi giorni.

Il Palazzo Reale

Una delle attrazioni più famose e visitate della città è il suo Palazzo Reale. Una visita a questo luogo monumentale non può mancare durante la vostra scoperta di Bangkok in 2 giorni.

Il Palazzo Reale e il vicino Wat Phra Kaew (il tempio del Buddha Smeraldo) furono eretti nel 1782 per celebrare la nuova capitale e ne diventarono il simbolo. Palazzo e tempio si trovano nella stessa enorme area, contraddistinta da giardini, cupole, statue e pagode dorate. Per entrare nel complesso è necessario indossare pantaloni lunghi, altrimenti non vi faranno accedere.

Il tempio Wat Pho

Sempre vicino al Palazzo Reale si trova uno dei templi più famosi di Bangkok: il Wat Pho. È conosciuto anche come tempio del Buddha sdraiato grazie alla gigante statua della divinità lunga ben 46 metri e alta 15 metri.

Appena fuori dal tempio lasciatevi trasportare dalla rumorosa vita di Bangkok: venditori, bancarelle, cibo appena preparato, vi faranno immergere nella vera anima della città.

Il tempio Wat Arun

Wat Arun è chiamato anche il tempio dell’alba e il motivo vi sarà chiaro se avrete la fortuna di osservare i bellissimi effetti cromatici che il sorgere del sole gli dona.

La sua cupola con i mosaici è visibile fin da lontano, così come la sua torre, alta circa 82 metri. Se ve la sentite, potete salire fino a raggiungerne quasi la cima e da lì avrete una vista speciale sul fiume Chao Praya.

Chinatown

Quello che più mi ha colpito della Chinatown di Bangkok è che sembra di essere in una città nella città. Definirla caotica sarebbe riduttivo. È un intrico di strade, negozi, bancarelle, persone che vanno e vengono in tutte le direzioni. Qui davvero ci si può aspettare di comprare di tutto.

Navigare sul Chao Phraya

Il Chao Praya è un fiume vivo, tanto quanto lo è Bangkok. Vivo nel senso che è fondamentale per la vita dei suoi abitanti. Io ci ho visto gente pescare, lavare gli abiti, barche di ogni tipo navigare. È ancora adesso una delle vie di comunicazioni principali della città.

Quello che balza agli occhi, in maniera anche un po’ inquietante, è il suo colore. Marrone-verde, colore del fango. Per spostarvi per Bangkok in 2 giorni potrete prendere il Chao Praya River Express e utilizzare le imbarcazioni per raggiungere le principali attrazioni della città.

Il mercato galleggiante

Per visitare al meglio questo mercato è consigliabile arrivarci al mattino presto, tra le 7 e le 10. Tenete presente anche che il mercato galleggiante di Damnoen Saduak è a circa 100 km dalla città, quindi organizzatevi per tempo.

Al mercato potrete provare la cucina tipica, comprando street food dai venditori che la cucinano direttamente sulle barche. Anche qui, oltre al cibo, potrete acquistare un po’ di tutto a prezzi convenienti.

74 articoli

Informazioni sull'autore
Viaggio-dipendente accanita, sperpera tutti i suoi soldi alla scoperta di nuove destinazioni. Mentre è in viaggio pensa già alla sua prossima meta. Napoletana importata a Parma, dove si è laureata in giornalismo, ha una passione per il Nord America e per i paradisi tropicali, vissuti però tutti in stile “low cost”. Viaggia spesso sola o in compagnia del suo fedele cane bassotto Nikita.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Yakitori, ricetta per preparare lo street food giapponese

Yakitori, la ricetta degli spiedini giapponesi anche per vegetariani. In Giappone sono cibo da passeggio (street food) anche per vegetariani con il tufo invece del pollo. Ecco la ricetta per rifarli a casa durante una cena con gli amici (magari dopo un viaggio in Giappone).
Ricetta

Laddu, ricetta indiana dei dolci delle feste

Laddu, i dolci delle feste per la tradizione indiana. Si preparano in poco tempo, sono gustosi e piacciono tanto ai bambini. Se vi trovate in India e siete invitati a casa di qualcuno, è buona norma portare una scatolina di Laddu.
Ricetta

Samosa, la Ricetta originale indiana anche a casa

La ricetta dei Samosa indiani, snack sfizioso di tanti paesi del mondo. Non solo in India infatti, ma anche in Nepal, in Iran e altre località del Mondo. Nell’articolo tutte le informazioni per prepararli a casa, anche quelli vegetariani.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno.
Iscriviti alla newsletter!