Come viaggiare di più spendendo di meno

DestinazioniFederchicca

Space Invaders e dove trovarli nel Mondo

2 minuti di lettura
Gli Space Invaders come videogioco negli anni '70, ma poi un artista francese riporta in auge il videogioco trasformandolo in arte e tappezza, letteralmente, tutte le strade del Mondo, ma soprattutto di Parigi, la sua città. Ecco la storia e come scovare gli Invasori.

Cerchi un’assicurazione viaggio che copra le tue spese? (malattia o infortunio all’estero, compreso il Covid-19). Compra direttamente online la polizza viaggio Heymondo o fatti fare un preventivo con il mio codice sconto del 10%! Viaggi con la famiglia? Hai il 10% + il 15% di sconto se a viaggiare siete almeno in tre!

Questo articolo è stato aggiornato il Aprile 10, 2024

La storia degli Space Invaders è molto interessante, sia perché parte da lontano, siamo sulla fine degli anni ’70 in Giappone, sia perché attraversa tutto il Mondo e viene riportata in auge negli anni ’90 da un artista francese.

La storia di Space Invaders

Space Invaders nasce ufficialmente nel 1978 grazie a Tomohiro Nishikado, autore giapponese di videogiochi. Il videogioco era molto semplice quanto divertente: un attacco alieno da parte di omini pixelati che bisognava sconfiggere a colpi di arma da fuoco. Space Invaders ha fatto la sua fortuna anche perché è stato uno dei primi giochi a schermo intero, pensato per i cabinati arcade. Gli invasori, gli Invaders si manifestavano sotto forma di robot granchi, che volevano attaccare e occupare la terra. Un gioco semplicissimo che fece la sua fortuna a metà degli anni ’80.

L’evoluzione nella street art

Negli anni ’90, o meglio a cavallo tra i ’90 e i 2000, Frank Slama, un artista di Parigi il cui speudonimo era Invader, iniziò a riempire le strade della sua città con mosaici a forma di invasori alieni che richiamavano il gioco giapponese.

L’artista francese disse che scelse proprio gli Space Invaders per diverse ragioni: per la loro forma pixelata che si sposava alla perfezione con la tecnica del mosaico e perché, gli “omini digitali” rappresentavano perfettamente il nostro tempo fatto di connessioni e apertura alla tecnologia. Infine, la motivazione più interessante è forse quella artistica: l’invasione degli alieni non è malvagia, ma è benevola, è un’invasione artistica nelle nostre città.

Dove trovare Space Invaders e l’applicazione

L’idea è quella di dover scovare gli Invaders, quindi questi sono ben nascosti nelle città in cui sono stati apposti. Non c’è una mappa e non ci sono nemmeno troppe direttive, semplicemente si deve viaggiare e scoprire i luoghi in cui questi Invaders possono trovarsi. Gli spettatori che si imbattono in queste raffigurazioni sono parte integrante dell’opera stessa, ed è questo il suo bello, non sono solo osservatori ma diventano protagonisti essi stessi.

Ad oggi sono oltre 80 località ad ospitare le opere di Frank Slama e le opere sono oltre 4000. L’unica mappa, molto parziale che esiste, è stata pubblicata dall’artista stesso. In questa si trovano però solo le città in cui si trova almeno uno Space Invaders, non vengono menzionate strade o luoghi precisi e pare che le località non siano nemmeno tutte, quindi ti consiglio di non dare troppo credito a questa mappa. In Italia ad esempio le due città che vengono coinvolte sono Ravenna, la città dei mosaici per eccellenza dove effettivamente se ne trovano diversi, e Roma. Fuori Italia si trovano in Marocco, in Canada, in Belgio e in tantissime destinazioni. La cosa bella è che sono tutti diversi, quando quindi ne si trova uno, è sempre una gioia.

Tra le altre cose è uscita un’applicazione FlashInvaders, che una volta scaricata ti permette di “catturare” gli Invaders che scopri e di fare punti. Esiste quindi una classifica dei punti e ci sono persone che usano questa applicazione da tutto il mondo. Un modo divertente e originale di visitare le città, fermo restando che la città ad oggi che contiene più “invasori” è la città di Parigi, la città dell’artista che li ha creati.

Questo articolo ti ha messo voglia di viaggiare? Benissimo!
Vai su Booking e trova l’hotel, il b&b o l’appartamento ideale per il tuo viaggio!
Oppure inizia la tua ricerca proprio qui sotto :)

Booking.com

Trova l’Hotel per te!

 

Stai cercando un volo per questa destinazione? Prenota con Skyscanner e trova facilmente il volo più economico secondo le tue date e le tue preferenze di aeroporto. Oppure, inizia la ricerca qui sotto!

Trova il tuo volo!

 

2080 articoli

Informazioni sull'autore
Federica è direttrice del giornale e fondatrice di Viaggi low Cost. Viaggiatrice incallita ha iniziato il suo diario di viaggio nel 2008. E` stata definita nel 2020 da Lonely Planet "la pioniera dei blog di viaggi in Italia". Nel suo profilo Instagram (@federchicca) e nel suo blog personale www.federicapiersimoni.it tante avventure, non solo di viaggi!
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Dove Mangiare

Dove mangiare l'anguilla a Comacchio

Mangiare l’anguilla a Comacchio, per provare qualcosa di locale, un sapore forte e deciso che in questa zona dell’Emilia Romagna è considerato un piatto unico. Scopri come e soprattutto dove mangiare l’anguilla a Comacchio.
Come Muoversi

Argine degli Angeli a Comacchio, la ciclabile in Romagna

Circa 5km di ciclabile a sud della Valli di Comacchio, è qui che si sviluppa la nuovissima pista ciclabile Argine degli Angeli. Sembra davvero di pedalare sull’acqua ed è una sensazione bellissima, tutto quello che devi sapere è nell’articolo.
Eventi

Capodanno in Piazza 2024: tutti gli eventi

Capodanno in Piazza 2024, tutti gli eventi in Italia e nelle Piazze principali per entrare nel nuovo anno a suon di musica, ballando e facendo festa con artisti nazionali e internazionali. Le migliori Piazze dove andare a festeggiare l’arrivo del nuovo anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×
Destinazioni

Ravenna città dei mosaici, quali vedere