Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Oman in kitesurfing: destinazione isola di Masirah

2 minuti di lettura
Vacanza sportiva negli Emirati Arabi, per gli amanti del kitesurf ecco l'indicazione ideale per fare una bella vacanza in Oman, vicino a Muscat, parliamo qui dell'Isola di Masirah.

Questo articolo è stato aggiornato il Maggio 18, 2016

Sono sempre di più gli appassionati del kitesurf, lo sport estremo che fa girare il mondo cercando la situazione migliore per poterlo praticare. Sì perchè kitesurfing necessita di vento.
Un’isola sempre più gettonata e presa di mira dai kitelovers è Masirah, localizzata a 6 ore da Muscat, la capitale dell’Oman e raggiungibile in 2 ore con un traghetto che parte dalla costa sudorientale del Sultanato.

Masirah

In estate, ossia da Maggio a settembre, i venti del kharef soffiano sul litorale, permettendo così di praticare lo sport durante questo arco di tempo. Alcune scuole di kitesurfing si spostano dalla capitale, Muscat, dove si può prendere la licenza per noleggiare l’attrezzatura e muovere i primi passi solo in presenza di vento e decidono di colonizzare l’isola facendone zona nevralgica per il kitesurfing.

Sull’isola ci sono dai 20 ai 45 nodi di vento di giorno e di notte, che soffia da sud, enormi lagune piatte sulla costa occidentale e onde dell’Oceano Indiano sulla costa orientale, quindi un paradiso per il kitesurf.
Anche se siamo in estate i monsoni tengono le temperature basse e, anche se i Oman si arriva anche a 50°C, sull’isola ci sono dai 24 ai 38°C anche in estate.

Masirah-kitesurf

Da qualche anno c’è un centro di kitesurfing che affitta attrezzatura e organizza corsi. È stato anche costruito un campo di tende beduine, per accogliere gli sportivi in accommodation più spartane, a 20 minuti di macchina dalle zone di kite. Per informazioni ci si può rivolgere direttamente al Majali Beach Camp.

Gli istruttori sono di diversa nazionalità: europei e omaniti. A tale proposito si annovera un ragazzo giovanissimo, Issa Salim Al Aamri, il primo omanita a saper praticare questo sport a livelli altissimi, essendo anche sposorizzato da Red Bull che gli permette di girare il mondo per partecipare a competizioni internazionali.

Masirah-omankitesurf

Le aree suggerite per fare kite sono nella parte meridionale dell’isola, dove si trovano spaigge di sabbia bianca finissima. Sur Masirah, Ghab e Gshar Sheikh sono i nomi delle aree più famose, i professionisti amano Amq, Khasit e Maglah. Essendo ancora incontaminata, Masirah offre paesaggi bellissimi e unici dal punto di vista naturalistico, come spiagge e colline.

Per il suo naturale isolamento, la zona è inoltre usata dagli uccelli migratori (tra i quali fenicotteri e pellicani) che vengono spiati dagli amanti del birdwatching. Se si cammina sulla battigia è facile imbattersi in carapace di tartarughe, che abitano l’isola, come le embricate, le olivacee e le verdi e le caretta caretta. Visite ad hoc possono essere organizzate dallo stesso centro kite ad al Jazir, Bar al Hickman o alla spiaggia di Aseelah.

Masirah-mare

Il business maggiore dell’isola è la pesca e molti appassionati vengono persino dal Qatar per praticarla in queste acque. Il pesce fresco può essere acquistato nel centro della capitale dell’isola, Ras Hilf, ed è divertente contrattare il prezzo sia al souq, il mercato principale che in quelli minori, chiamati bazaar.
Alcune informazioni pratiche:

Non ci sono aeroporti sul posto ma solo traghetti, come detto sopra, possono raggiungere questo angolo di paradiso omanita. Non si possono cambiare soldi nella valuta locale, OMR, sull’isola ma solo prelevare del contante. Ras Hilf è l’unico centro attrezzato di farmacia, un piccolo ospedale e supermercati per i beni di prima necessità. Prenotare i voli considerando che i traghetti non hanno sempre orari prestabiliti e che, per le condizioni del mare, potrebbero esserci dei problemi.

13 articoli

Informazioni sull'autore
Valentina ha 30 anni, mantovana solo di residenza. Viaggiatrice per passione, arabista ed egittologa per educazione. Disposta sempre ad assorbire altre culture che spaziano dall'Oriente, al Medio Oriente, all'Europa all'America, che ama vivere direttamente in prima persona. Si è appassionata di giornalismo e sport estremi. Si potrebbe definire una donna con gli occhi aperti sul mondo.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Laddu, ricetta indiana dei dolci delle feste

Laddu, i dolci delle feste per la tradizione indiana. Si preparano in poco tempo, sono gustosi e piacciono tanto ai bambini. Se vi trovate in India e siete invitati a casa di qualcuno, è buona norma portare una scatolina di Laddu.
Ricetta

Samosa, la Ricetta originale indiana anche a casa

La ricetta dei Samosa indiani, snack sfizioso di tanti paesi del mondo. Non solo in India infatti, ma anche in Nepal, in Iran e altre località del Mondo. Nell’articolo tutte le informazioni per prepararli a casa, anche quelli vegetariani.
Ricetta

Barfi al cocco, ricetta del dolce della cucina indiana

Banfi al cocco, la ricetta delle palline di cocco tipiche della cucina indiana. Gli ingredienti e i procedimenti per creare uno dei dolci più conosciuti e tipici dell’India che si preparano e consumo in diverse occasioni di festa, come durante la festa delle luci indiana, il Diwali.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.