Come viaggiare di più spendendo di meno

Ricetta carciofo alla giudia Roma
Ricetta

Carciofo alla giudia, ricetta e storia del piatto

2 minuti di lettura
La ricetta ufficiale per assaporare il carciofo alla giudia, storico piatto romano che nasce nel quartiere ebraico della Capitale. Il consiglio è quello di fare una gita a Roma dove degustare anche questo piatto e poi riprodurlo con questa ricetta a casa.

Tra i piatti della tradizione romana, il carciofo alla giudia è uno di quelli che maggiormente spicca per eleganza e per tradizione e storia. Non che gli altri piatti della tradizione, come l’abbacchio allo scottadito o la cacio o pepe, la gricia o i bucatini all’amatriciana siano da meno, ma questo è da sempre conosciuto anche per le sue tradizioni e per il fatto di aver tutta per sé una zona di Roma, che è il ghetto romano della Capitale.

Informazioni pratiche
Difficoltà: media
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 10 minuti
Dosi: 4 persone

Ricetta carciofo alla giudia Roma

Presentazione del piatto

Simbolo della cucina giudaico-romanesca sin dal XV secolo ma famosi ed apprezzati in tutta Italia: sono i carciofi alla giudia (e non alla giudea). Fritti due volte e serviti ben caldi, i carciofi alla giudia si presentano come dei fiori sbocciati dorati e dai petali croccanti, belli da vedere quanto sfiziosi da gustare.

I carciofi migliori per questa ricetta sono senza ombra di dubbio le ‘mammole’; questa varietà priva di spine cresce nel Lazio tra la fine dell’inverno e la primavera, e si caratterizza per la grande forma tonda e per il sapore delicato ma intenso. Ideali come contorno (la leggendaria Sora Lella li consigliava a fianco del pollo alla parmiggiana) i carciofi alla giudia danno forse il loro meglio se serviti come antipasto: pochi piatti come questo infatti sanno stimolare tutti i cinque sensi contemporaneamente ed accompagnare dunque il commensale al proseguo del pasto.

Ricetta carciofo alla giudia Roma

Ingredienti

4 Carciofi romaneschi della varietà ‘mammole’.
Sale q.b.
1 Lt di olio di oliva.

Preparazione

A differenza delle preparazioni simili, che prevedono l’immersione dei carciofi in acqua e limone per mantenerne il colore, questo passaggio non è indispensabile per i carciofi alla giudia, dal momento che verranno completamente immersi nell’olio e fritti.

Il primo passo consiste nella pulitura dei carciofi: eliminiamo le foglie esterne che risultano più coriacee, e tagliamo via i ¾ del gambo, precedentemente privato delle foglie e dello strato più esterno.
A questo punto dobbiamo aprire il carciofo, possiamo aiutarci pressandolo inizialmente contro un tagliere, continuando poi l’operazione con le dita. In ultimo eliminiamo la barbetta interna.
Una volta che il fiore è aperto proseguiamo con la doppia cottura: aiutandoci con un termometro da cucina, portiamo l’olio d’oliva alla temperatura di 140°C, preferibilmente in pentola alta, ed immergiamo i carciofi (non più di 2 alla volta) a testa in giù; durante la cottura si gireranno da soli. Questa fase servirà a cuocere le parti più interne del carciofo. Dopo 10 minuti possiamo estrarli, e adagiandoli su un piano li lasciamo riposare 5 minuti, aprendo ulteriormente i petali se necessario.

Ricetta carciofo alla giudia Roma

Infine, rituffiamo i carciofi nell’olio, questa volta portato alla temperatura di 180°C, e cuociamoli per 1 o 2 minuti al massimo, giusto il tempo di renderli perfettamente croccanti e dorati all’esterno.
Una volta estratti, asciughiamoli delicatamente con della carta assorbente, condiamo con del sale fino e serviamoli in tavola ancora fumanti.

Curiosità e Consigli

Se è accertato che questa ricetta nasce in grembo al ghetto ebraico di Roma, non è del tutto chiaro in che occasione i carciofi alla giudia venissero preparati. Secondo la versione più diffusa, i carciofi venivano serviti nel pasto serale al termine della festa del Kippur, una giornata durante la quale si osserva il digiuno. Per gustare ancor di più questo piatto, consiglio l’abbinamento con un vino bianco non troppo secco ma dalle accentuate noti minerali, che perfettamente si sposano con la ricchezza del carciofo fritto.

Ricetta carciofo alla giudia Roma

Sei desideroso di provare questa ricetta a Roma? Ti consigliamo di seguire la Guida 48 ore a Roma a piedi. Ti troverai al ghetto ebraico dove tra i ristoranti presenti ti suggeriamo di prenotare da Giggetto al Portico d’Ottavia.

7 articoli

Informazioni sull'autore
Giulio nasce a Roma 32 anni fa, e per i primi 25 anni non combina granchè. Poi, vivendo tra Roma, Londra e Milano, inizia a viaggiare, a cucinare, ad assaggiare; gioca a Lacrosse, si dottora in astrofisica, fa volontariato, lavora come analista finanziario, coltiva l’orto, e continua a viaggiare, e mai smetterà.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Dove vedere i fenicotteri a Comacchio

Se non hai la possibilità di andare all’estero ma vuoi comunque vedere i fenicotteri, a Comacchio potrai vivere questa bellissima esperienza. Attraverso diversi tour infatti potrai vederli in totale libertà e goderti una giornata in questa splendida zona dell’emilia romagna.
Dove Mangiare

Guida ai migliori street food di Palermo

Arancina, stigghiola, frittola, panino ca’ meusa, panelle e crocchè. Chi più ne ha più ne metta. Non basterebbe un trattato per elencare tutte le pietanze tipiche della cucina siciliana. Una cosa che probabilmente rende Palermo unica nel suo genere sono gli street food, nei quali è possibile consumare la propria merenda in piedi, in mezzo alla strada e agli odori tipici del capoluogo siciliano.
Ricetta

Tortionata di Lodi, la ricetta del dolce di mandorle

La Tortionata è la torta della città di Lodi, famosa in tutta la Provincia con una storia antichissima e un nome curioso. Leggi come preparare la torta e come gustarla, inoltre dove trovarla a Lodi e in Lombardia.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×
Ricetta

Baccalà alla vicentina: una ricetta di 400 anni