Come viaggiare di più spendendo di meno

Ricetta

Panzerotti pugliesi, la ricetta originale

2 minuti di lettura
La ricetta originale dei panzerotti pugliesi, da replicare dopo un viaggio a Bari o per ricordare una vacanza. La ricetta originale dei panzerotti con mozzarella e pomodoro è fritta, non al forno.

I panzerotti sono un piatto tipico della tradizioni gastronomica pugliese, anzi uno street food tipico. Viaggiando in Puglia è molto facile imbattersi in questo tipo di specialità locali. Si trovano qui infatti friggitori che preparano e vendono solo questo genere di street food, ma anche nei locali, ristoranti e bar si trovano comunemente.

Durante un viaggio a Bari, una cosa è certa: tornare a casa senza averne mangiato uno locale è una vera eresia. Tornerete a casa con la voglia si riassaporare la Puglia, ed è per questo motivo che oggi vi racconto come poterli preparare a casa per ricordare con un po’ di nostalgia la vacanza in Puglia.

Panzarotti pasta

Prima di iniziare voglio suggerirti 5 panzerotti da assaggiare a Bari, nel caso tu sia in partenza per la città pugliese, ma anche 5 street food da non perdere a Bari Vecchia.

Quando ti troverai a Bari o in un’altra città della Puglia, ricorda che un panzerotto può salvarti il pranzo, la cena e a volte anche colazione e merenda! I panzerotti in Puglia sono consumati come le piadine in Emilia Romagna o come le sfogliatelle a Napoli. Non c’è giornata che non possa essere conclusa con un buon panzerotto e allora chi siamo noi per non avere la ricetta e per non provare a rifarli a casa? Iniziamo.

Informazioni pratiche
Difficoltà: media

Preparazione totale: +60 minuti
Preparazione: 20 minuti
Riposo in forno: 60 minuti
Cottura: 30 minuti
Dosi: 15 panzerotti circa

Panzerotti

Ingredienti

Per l’impasto:
100 gr acqua frizzante
100 gr latte intero
mezzo cubetto di lievito di birra
10 gr di zucchero semolato
400 gr di farina 0
30 gr di olio extravergine di oliva
q.b. sale

Per la farcitura:
400 gr di mozzarella
100 gr di parmigiano reggiano
400 gr di passata di pomodoro
q.b. origano
q.b. sale
q.b. olio extravergine di oliva

Panzarotti preparazione

Preparazione Panzerotto fritto

In un pentolino a fuoco bassissimo scaldare l’acqua e il latte e aggiungerci gradualmente il mezzo cubetto di lievito. Una volta sciolto e amalgamato tutto, a circa 40°C, portare su una ciotola lontana dal fuoco e aggiungere gradualmente l’olio, lo zucchero, la farina e il sale. Impastare fino a quando il composto non risulta essere liscio e senza grumi. Portatelo allora in una ciotola e lasciatelo nel forno spento con un panno sopra a lievitare per circa un’ora di tempo.

Intanto prepariamo la farcitura. Prendendo tutti gli ingredienti citati sopra, tagliamo la mozzarella a pezzetti e la lasciamo scolare in un setaccio o uno scolapasta fino a quando non avrà perso il liquido in eccesso. In un recipiente mettiamo la passata, l’origano, il parmigiano e un filo d’olio. Aggiungiamo a questo punto la mozzarella, una volta che ha perso il liquido, e amalgamiamo tutto a mano nella ciotola.

Panzarotti ripieni

Panzarotti e Frittura

Dopo un’ora riprendiamo l’impasto ormai raddoppiato (dopo la lievitazione) e lo stendiamo. Con un coppapasta o una tazza grande (diametro di circa 16 cm), facciamo dei cerchi nell’impasto. Mettiamo in ogni cerchio di pasta un po’ di mozzarella e un po’ di pomodoro (della ciotola precedentemente organizzata) e lo chiudiamo come a formare una mezzaluna. Chiudiamo bene la mezzaluna, possiamo farci aiutare da un goccino di olio, chiudendo poi a mano.

Friggere infine in abbondante olio di semi (arachidi o girasole come preferite) precedentemente scaldato. Friggete a fuoco lento, e aspettate che il panzerotto risalga in superficie e che sia dorato prima di girarlo dal verso opposto.

Panzarotti fritti

Consiglio

Il consiglio in più è quello di preparare e chiudere tutti i panzerotti prima di iniziare a friggere il primo. Così facendo potrete avere tutti i panzerotti fritti in meno tempo, non solo diminuendo il tempo di frittura, ma anche mangiando prima. I veri panzerotti infatti vanno mangiati non caldi, ma bollenti! Una volta stesso l’impasto, fatte le mezze lune di pasta, riempite e poi chiuse tutte, iniziate a friggere e poi buon appetito!

2009 articoli

Informazioni sull'autore
Federica è autrice e fondatrice del magazine Viaggi low Cost. Viaggiatrice incallita ha iniziato il suo diario di viaggio nel 2008. Per Viaggi Low Cost scrive ogni giorno tutto quello che trova di economico nei suoi numerosi viaggi.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Il Museo dell'Alto Medioevo all'EUR

Il Museo dell’Alto Medioevo dell’Eur di Roma è un museo che vale la pena di visitare e in cui non troverete mai troppe persone. Qui si trova anche la Domus di Porta Marina trovata a Ostia nel 1949.
Destinazioni

A Roma sulle orme di Caravaggio: itinerario d'arte

A Roma l’itinerario di Caravaggio per scoprire con Roma Guides e i suoi piccoli gruppi un itinerario artistico culturale di Michelangelo Merisi, in arte appunto Caravaggio.
News

Passaporto Sanitario Covid, cos'è e come si userà

Passaporto Sanitario Covid, ecco come si userà il passaporto che dovremmo iniziare a vedere nel primo trimestre del 2021 per tornare a viaggiare non solo in Italia, ma anche in tanti altri paesi.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×
Dove Mangiare

Quattro piatti scoperti in Puglia