Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Musei Vaticani a Roma, la guida

2 minuti di lettura

Musei Vaticani

I Musei Vaticani di Roma offrono uno spettacolo che vale la pena vedere in una vacanza nella Capitale. Nonostante l’ingresso sia un po’ caro, nonostante ci sia sempre troppa gente, nonostante ci voglia almeno una mezza giornata per vedere bene almeno una sezione, i Musei Vaticani vanno visti.

Se dopo la visita alla Basilica di San Pietro siete saliti sulla Cupola e vi siete gustati lo splendido panorama tra Castel Sant’Angelo e le bellezze romane, per concludere al meglio una visita di Roma io vi suggerisco di vedere anche i Musei Vaticani.

L’ingresso viene 16€ per il biglietto intero e l’orario di apertura è tutte le mattine, esclusa la domenica alle 9 con chiusura alle 18, mentre le biglietterie chiudono alle 16. L’ultima domenica del mese l’ingresso è gratuito tranne in certe rare occasioni, quindi Pasqua, Natale, 1 Maggio e altre date che possono variare ma che trovate tutte sul sito. In queste domeniche l’orario di apertura dei musei è alle 9 e la chiusura avviene alle 14.

Se decidete di avventurarvi nella visita la domenica mattina, dato che è gratuita, ricordatevi solo che le porte del museo aprono alle 9, ma ci saranno persone in fila già alle 8. Io stessa sono arrivata alle 8.45 e la fila era già bella lunga, sono entrata solo alle 10. Svegliatevi presto quindi e arrivate presto, avrete più tempo per vedere le cose.

L’interno dei Musei Vaticani è molto bello. Troverete tanti negozi interni pronti a vendervi libri, monete, tazze ricordo e poster, tanti bagni e anche un ristorante e diversi bar. Non rimarrete senza cibo o senza souvenir quindi. Se volete comprare un guida, non vi consiglio di farlo anche perché le uniche cose che trovate scritte nella guida sono quelle che si trovano anche come spiegazione sotto le principali opere.

La sala più affollata, nemmeno a dirlo è quella della Cappella Sistina. Una meraviglia che vi impegnerà diverso tempo, sia perché dovrete arrivarci, e tra una sala e l’altra non è per niente facile. Sia perché è molto grande e se vorrete guardarla bene dovrete stare qui un bel pezzo. Un capolavoro che merita tutta la vostra attenzione.

Oltre alla bellissima Cappella Sistina troverete anche il Museo Gregoriano Egizio, la Galleria Lapidaria, il famoso Cortile della Pigna che è quello che vedete nella foto principale, qui inoltre troverete anche un bel bar all’aperto. Continuando la visita potrete anche vedere il Braccio Nuovo (quando sono andata io era chiuso per lavori), la Galleria degli Arazzi, la Galleria dei Candelabri, le bellissime Stanze di Raffaello, la Sala della Biga, la stupenda Galleria delle Carte Geografiche e tante altre stanze.

Le cose da vedere sono tantissime, tra tutte devo dire che la Sala degli animali mi ha colpito particolarmente e credo colpirà anche quanti di voi hanno dei bambini. Molte le scoperte e le bellezze artistiche e architettoniche che si fanno in una giornata ai Musei Vaticani e diverse le cose che si vorrebbero ricordare e portare a casa – se non altro nel ricordo.

Alla fine della visita troverete anche una scala molto particolare, è la stupenda Scala Elicoidale di Giuseppe Momo.
[vlcmap]

2018 articoli

Informazioni sull'autore
Federica è autrice e fondatrice del magazine Viaggi low Cost. Viaggiatrice incallita ha iniziato il suo diario di viaggio nel 2008. Per Viaggi Low Cost scrive ogni giorno tutto quello che trova di economico nei suoi numerosi viaggi.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Dove vedere i fenicotteri a Comacchio

Se non hai la possibilità di andare all’estero ma vuoi comunque vedere i fenicotteri, a Comacchio potrai vivere questa bellissima esperienza. Attraverso diversi tour infatti potrai vederli in totale libertà e goderti una giornata in questa splendida zona dell’emilia romagna.
DestinazioniDove Mangiare

Guida ai migliori street food di Palermo

Arancina, stigghiola, frittola, panino ca’ meusa, panelle e crocchè. Chi più ne ha più ne metta. Non basterebbe un trattato per elencare tutte le pietanze tipiche della cucina siciliana. Una cosa che probabilmente rende Palermo unica nel suo genere sono gli street food, nei quali è possibile consumare la propria merenda in piedi, in mezzo alla strada e agli odori tipici del capoluogo siciliano.
Ricetta

Tortionata di Lodi, la ricetta del dolce di mandorle

La Tortionata è la torta della città di Lodi, famosa in tutta la Provincia con una storia antichissima e un nome curioso. Leggi come preparare la torta e come gustarla, inoltre dove trovarla a Lodi e in Lombardia.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.