WHV Australia: tutto ciò che bisogna sapere dall'applicazione all'arrivo

Lavorare viaggiando: come funziona  WHV Australia

Lavorare viaggiando: come funziona WHV Australia

Se il vostro sogno è ampliare le prospettive lavorative, spostandovi in Australia, ecco il post che fa per voi: alla scoperta del visto lavorativo australiano.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Il Working Holiday Visa è un visto australiano che ti permetterà non solo di visitare la terra dei canguri ma anche di lavorare e studiare. L’Australia è, al giorno d’oggi, uno dei paesi che offre le migliori prospettive di lavoro e di qualità della vita, sono sempre di più i giovani (e non solo) che decidono di trasferirsi per scappare dal fenomeno disoccupazione che sta aumentando a dismisura in Italia.

WHV, ecco come fare per l’applicazione

Per applicare il vostro WHV bisogna avere tra i diciotto anni compiuti e i trentuno non compiuti, essere in possesso di almeno 2000 euro sul proprio conto e non aver applicato il visto in precedenza. Se rientrate in questi requisiti il primo passo è collegarvi al sito del governo australiano e fare richiesta per il visto, creare il vostro Immi Account e poi compilare diversi moduli in cui vi verranno richiesti i dati anagrafici, informazioni generali, ecc.
La fase finale è quella del pagamento, che corrisponde a circa 270 euro, la conferma di applicazione arriverà dopo qualche giorno o settimana a seconda del traffico sul sito.

Cosa fare dopo l’approvazione del visto

Quando il visto sarà stato approvato avrete 365 giorni a disposizione per utilizzarlo, e una volta arrivati in Australia ha valenza di un’anno, e l’unico modo per rinnovarlo per il secondo anno è lavorando ottantotto giorni in posti specifici indicati sempre nel sito del governo, come fattorie e miniere. Il rinnovo è necessario richiederlo prima della scadenza, perché per l’approvazione del secondo anno potrebbero volerci diverse settimane e si rischia di dover lasciare il paese nell’attesa.

I costi per arrivare in Australia dall’Italia sono elevati, ma prenotando con largo anticipo si può risparmiare sul biglietto, si tratta di voli molto lunghi e con almeno uno scalo.

La vita in Australia

L’Australia è un paese parzialmente caro, ma una volta che si inizia a lavorare ci si rende conto che è tutto proporzionato.
Prima di decidere la meta di arrivo, è bene assicurarsi del clima e del periodo migliore per cercare lavoro, essendo un paese molto grande le stagioni variano da uno stato all’altro, quindi la primavera di una città corrisponderà con l’inverno di un’altra.

Con il WHV si ha diritto a un’assicurazione sanitaria base: la Medicare, una volta arrivati basterà cercare il centro Medicare più vicino e andare ad attivarla, durerà sei mesi, ma se uscite dal paese dopo questi sei mesi e rientrate si rinnoverà automaticamente e gratis.

Un’altra cosa da fare appena arrivati è acquistare una sim locale (le più gettonate sono Telstra e Octopus), aprire un Bank Account per l’accredito dello stipendio, fare la Super Annuation una sorta di fondo pensionistico, e infine richiedere (anche online) il TFN ossia il Tax File Number che servirà per il conteggio delle tasse.

Prenotare un ostello o una qualsiasi sistemazione per i primi giorni sarà utile, in modo da avere una base da cui esplorare la città e conoscere le varie zone. Per trovare una casa sono numerosi i siti internet come Gumtree utile anche per cercare lavoro.

Cercare lavoro in Australia

Trovare lavoro non è complicato ma bisogna comunque impegnarsi, il curriculum australiano è diverso da quello italiano, ma su internet si trova facilmente la copia.
L’Australia viene spesso descritta come la Terra Promessa, ma bisogna tenere a mente che senza impegno non si riceve nulla in cambio. È bene informarsi sui diritti e sulle tipologie di contratti e paghe in modo tale da essere preparati a un’eventuale proposta di lavoro. Con il WHV il primo contratto di lavoro non potrà durare più di sei mesi.

Si avrà inoltre la possibilità di studiare per quattro mesi, e frequentare magari un corso d’inglese per migliorare la conoscenza linguistica. Attualmente il governo australiano sta elaborando alcune proposte di legge che potrebbero modificare queste regole, è bene quindi controllare sempre il sito ufficiale prima di partire.
Il visto permette di lavorare in tutti gli stati australiani, e crea l’opportunità di viaggiare lavorando e fare tante nuove esperienze!

Booking.com

© 2018 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Booking.com