Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Un chay con vista su Sultanhamet, Istanbul

1 minuti di lettura

Che ci crediate o meno una delle attività principali qui a Istanbul è sedersi in un bar e perdere la cognizione del tempo davanti a una tazzina fumante di chay, il tipico thè turco. E’ un po’ l’equivalente del nostro caffè al bar, con la differenza che qui il chay non si prende al bancone: ci si siede rigorosamente al tavolino, e si aspetta che si raffreddi.

Il chay, quello buono, viene servito davvero caldissimo, in una tipica tazzina di vetro senza manici. Rosso, fumante, davvero squisito. I Turchi ne bevono innumerevoli tazzine durante la giornata: appena hanno un momento libero, si concedono una pausa a base di chay, cascasse il mondo! Pare che faccia anche molto bene: poco zucchero, molti antiossidati, un leggero effetto tonico. Tutt’altra storia il thè alla mela, il cosiddetto elma chay: pieno zeppo di zucchero, pallido pallido, è il preferito dai turisti, mentre i Turchi non lo bevono quasi mai.

Dopo una lunga giornata passata al mitico Gran Bazar, o magari in battello sulle gelide acque del Bosforo, non c’è niente di meglio di un chay “con vista” per riprendersi un po’.

Uno dei chioschi di chay che preferisco è il Kaptanlar Çay Bahçesi: si trova a Findikli, ai piedi di Taksim. Semplice e spartano, si affaccia sul mare, di fronte alle meraviglie di Sultanhamet: da qui si vedono benissimo il Topkapi, Santa Sofia e la Moschea Blu. Il chay è squisito e costa solo 1 TL, l’atmosfera è sempre rilassata, senza nemmeno un turista!. Local only, qui. Consigliatissimo soprattutto all’ora della preghiera, per ascoltare il canto dei Mufti: vicino c’è una moschea del 1500, la Molla Celebi Camii.

24 articoli

Informazioni sull'autore
Elisa viaggiatrice senza orari, descrittrice e cercatrice di tesori. Ha sognato fin da piccola rocambolesche avventure in terre lontane, alla ricerca dei colori del tramonto. Dopo la laurea è partita, ha vissuto due anni in Australia e in Tasmania, poi ha insegnato inglese in Giappone tra i campi di riso. Ora vive a Istanbul, scrive per lavoro, ha sempre mille grilli per la testa e tanta voglia di viaggiare.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Come Muoversi

Cappadocia, tre modi per raggiungerla da Istanbul

La Cappadocia è una meta spesso tralasciata perché considerata difficile da raggiungere: ecco come farlo senza difficoltà in auto, aereo o bus.
Destinazioni

Turchia, itinerario tra Istanbul e Izmir

Un viaggio in Turchia, tra Istanbul e Izmir, Smirne. Ecco cosa vedere in soli cinque giorni di viaggio, con un volo interno e tante dritte low cost.
Destinazioni

Tre giorni a Istanbul: cosa fare

Per visitare bene Istanbul ci vorrebbe un mese, se non l’avete e volete vedere le cose più belle in soli tre giorni, abbiamo la guida che fa per voi.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *