Taj Mahal: consigli utili per visitarlo - Viaggi Low Cost

Consigli utili per visitare il Taj Mahal

Consigli utili per visitare il Taj Mahal

Un complesso enorme e ricco di fascino, pieno di luce e di marmo bianco, se desiderate visitare lo splendido Taj Majal, leggete questo articolo con tanti consigli per scegliere il momento ideale da dedicare alla visita.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Il Taj Mahal rientra tra i luoghi da sogno che si desiderano visitare almeno una volta nella vita, se poi si pensa che questo è un monumento dedicato a una storia d’amore dai risvolti tristi, accentua ancora di più l’interesse nei suoi confronti. Ecco alcune dritte utili per organizzare una visita al sito e godere appieno della sua bellezza leggendaria.

Come organizzare la visita al Taj Mahal

Innanzitutto dovete alzarvi presto! 5.30 massimo 6.00 del mattino dovrete presentarvi ai cancelli e talvolta troverete comunque una lunga fila di turisti. Il biglietto d’ingresso potrete comodamente prenotarlo online e questo facilita molto la procedura di ingresso. Da tenere presente che all’interno del Mausoleo non è possibile portare cibo, oggetti elettrici, treppiedi o zaini troppo ingombranti. Vi verranno assegnati dei copri-scarpe per evitare di dover camminare completamente scalzi. L’afflusso giornaliero consentito è di un massimo di 40 mila persone, già ridotto rispetto agli anni passati, per tutelare la fragilità dei marmi di cui è costituito il Taj Mahal. Il prezzo del biglietto di ingresso è lievitato già da qualche anno appunto per ridurre ulteriormente il flusso turistico che danneggia i preziosi marmi. Purtroppo anche il turismo a volte più che una risorsa diventa un problema da gestire come in questo caso.

Consigli per visitarlo

Il momento migliore per fotografare il Taj Mahal è all’alba, quando le folle di turisti non sono così numerose e potrete godere di una visuale magnifica del mausoleo i cui colori sono accentuati dal sole che sorge. È un monumento alla pura perfezione e risale all’epoca Moghul.
Dopo aver superato gli ingressi, vi si apre davanti agli occhi l’immenso giardino con la sua fontana e i canali, che solitamente non vengono azionati prima delle 8.00, dentro cui il Mausoleo si specchia. La tomba centrale è costruita interamente di marmo bianco, al centro del mausoleo vi è una stanza principale ottagonale che ospita i cenotafi del re e la regina sepolti qui, ma le cui tombe si trovano al piano di sotto. Per entrare nella Moschea è obbligatorio togliersi le scarpe mentre per visitare il Mausoleo saranno sufficienti i copri-scarpe usa e getta forniti all’ingresso.

Un fascino senza tempo

Non esiste una durata consigliata per la visita, certamente il fascino che vi trasmetterà vi farà perdere la cognizione del tempo e vorrete fotografare il Taj Mahal da ogni angolatura possibile. Per chi preferisce non spendere i soldi del biglietto, c’è anche la possibilità di ammirare il Taj Mahal dal fiume Yamuna, attraverso una strada retrostante al Mausoleo che porta direttamente sulle sponde del fiume. Oppure arrivando in barca, e penso sia una maniera suggestiva per poterlo fotografare anche se non si è intenzionati a entrare. Ultimamente alcuni turisti prediligono questa opzione reputando il biglietto d’ingresso ingiustificatamente costoso. Ad ognuno il suo Taj Mahal insomma.
Fate attenzione anche ai venditori di finto marmo che trovate all’esterno del sito, non tutti vendono prodotti di qualità e giocano molto sui prezzi e sull’ingenuità dei turisti.
Buon viaggio!

Booking.com

© 2020 - Riproduzione riservata

commenti

Che meraviglia leggere! Posso vagamente immaginare cosa sarà visitarlo! Lo metto in lista tra i papabili :)

Gianluigi

febbraio 18, 2020 | Rispondi | report

Ti auguro tanto di visitarlo ☺☺☺

Laura Casarini

febbraio 18, 2020 | Rispondi | report

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mini guida

Kyoto, cosa fare in tre giorni

Kyoto, mini guida per 3 giorni in Giappone

Dopo aver visitato Kyoto in inverno ho pensato a quanto potrebbe essere incredibilmente meravigliosa in primavera. Kyoto mi è piaciuta da impazzire,...