Street Art Penang: fascino e atmosfera - Viaggi Low Cost

Le tappe imperdibili della Street Art di Penang

Le tappe imperdibili della Street Art di Penang

Esplorare la Malesia è un'esperienza unica, durante il vostro viaggio non può mancare una tappa a Penang e a George Town con le sue incredibili vie dedicate ai murales e a bravissimi artisti della Street art.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Quando sono arrivata a Penang, una delle tappe del mio viaggio in Malesia di questa estate, non pensavo che avrei perso la testa. Con questo post vorrei soffermarmi soprattutto sulla bellissima Street Art di Penang.

Penang è un’isola che si estende lungo la costa nord-occidentale della Malesia. È una conosciuta meta turistica, famosa, soprattutto, per essere la capitale del buon cibo di strada, il famosissimo Street Food di Penang che lascerà senza parole anche i più scettici.

George Town e la Street Art di Penang

Quello che mi ha colpito di più, oltre il buon cibo, la gentilezza delle persone e le sue bellezze vicine, è sicuramente la città di George Town, inserita tra i siti del patrimonio dell’UNESCO.

Non vedevo l’ora di girare per questa cittadina, famosissima per la sua street art e vi assicuro che le mie aspettative non sono state deluse, anzi, sinceramente non me ne sarei più andata.

Una città affascinante

Le strade di George Town hanno un fascino unico, ogni angolo di strada ha una storia e, proprio per questo, all’inizio delle principali strade storiche, sono presenti le targhe che riportano il nome della strada nelle varie lingue con un piccolo riassunto dell’origine della strada e del suo significato.

Troverete tantissimi edifici coloniali, shophouse, templi, insomma, rimarrete a bocca aperta.

Gli artisti della Street Art di Penang

Da quando Georgetown è stata inserita tra i Patrimoni dell’Unesco, il comune ha voluto arricchire ulteriormente la cittadina.

Proprio per questo, nel 2012, in occasione del Georgetown Festival, ha commissionato all’artista Ernest Zacharevic (Zachas), lituano classe 1986, un po’ di murales che raccontassero le abitudini e la vita degli abitanti di Georgetown in varie zone della città vecchia, come Armenian Street, Muntri Street ecc.

Successivamente, anche altri artisti come Tang Mun Kian, Baba Chuah e Julia Volchkova, hanno dipinto varie opere sui muri della città.

Ma quello che colpisce dei murales di Zachas è il fatto di aver unito alla pittura, oggetti veri e propri; questo rende l’opera molto più reale e crea qualcosa di unico.

Le opere più famose

Alcune delle sue opere più famose sono sicuramente:

Kids on Bicycle
Brother and Sister on a Swing
Boy on chair
Old Motorcycle
Impazzirete a farvi mille fotografie, sono davvero bellissime.

Oltre a queste opere, in giro per la città, troverete tantissime installazioni di metallo che raccontano, in modo simpatico, la storia sociale della città. Anche queste sono state volute dal comune per abbellire Georgetown.

Ogni angolo di questa città, trasuda storia, felicità, ti sembrerà di essere in un posto a parte, ti sembrerà tutto diverso da quello che hai visitato in Malesia.

Arte e atmosfera

È bellissimo camminare per le vie di Georgetown, cercare i murales (in hotel ci avevano dato una cartina con i vari punti dove trovarli), entrare nei negozietti, chiacchierare con le persone, entrare in un bar e bere un buon caffè o assaggiare un dolce al Durian. Tutto in questa cittadina sembra magico.

Sempre in tema arte, vi consiglio di non perdervi il Batik Painting Museum Penang; si tratta di una piccola galleria d’arte, che tratta della pittura Batik, tipica tecnica di pittura indonesiana.

Rimarrete affascinati dai bellissimi quadri e, il gentilissimo signore all’ingresso, vi farà innamorare di ogni quadro e vi spiegherà nei dettagli questo affascinate e bellissimo modo di dipingere.

Fidatevi, è assolutamente una tappa imperdibile.

Booking.com

© 2020 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mini guida

Kyoto, cosa fare in tre giorni

Kyoto, mini guida per 3 giorni in Giappone

Dopo aver visitato Kyoto in inverno ho pensato a quanto potrebbe essere incredibilmente meravigliosa in primavera. Kyoto mi è piaciuta da impazzire,...