Come viaggiare di più spendendo di meno

Come Muoversi

Bike Sharing, turismo sostenibile a Rimini

2 minuti di lettura

Questo articolo è stato aggiornato il Gennaio 3, 2012

Come promesso vi riporto l’intervista integrale di Andrea Zanzini, assessore alle Politiche Ambientali ed energetiche del Comune di Rimini. Anche a Rimini è esplosa la moda del Bike Sharing, così come nella altre grandi città europee e la capitale del turismo non si fa attendere, rilancia e si lancia subito nella nuova grande sfida: il turismo sostenibile.

Cosa significa biciclette gratuite ad uso pubblico? Significa la possibilità di lasciare la propria auto in un parcheggio e con una chiave personalizzata e senza spendere un euro, raggiungere il centro storico della città con una delle 52 biciclette messe a disposizione dal Comune di Rimini. Con la stessa chiave è possibile farlo in altre 60 città italiane.

Cosa devo fare per poterla prendere? Per prelevare le biciclette è sufficiente avere più di 18 anni, raggiungere l’Ufficio Relazioni con il Pubblico-U.R.P. in corso d’Augusto, effettuare un versamento di 10€ (che verrà restituito quando il cittadino non vorrà più utilizzare il servizio), presentare un documento di identità e dopo qualche piccola formalità viene consegnata la chiave da inserire nelle rastrelliere per prelevare una qualsiasi delle 52 biciclette presenti in città.

Quanto tempo posso tenere la bicicletta? Ogni bicicletta può essere utilizzata anche ininterrottamente dalle 6 di mattina alle 23 di ogni giorno della settimana.

Sono robuste? Sì, sono robuste con gomme antiforatura ma non pesanti, immediatamente riconoscibili, con un rapporto fluido. Ovviamente standard, cioè devono poter essere utilizzate da tutti, difficilmente si potrebbe partecipare ad una gara ciclistica ma vi assicuro che ci si fanno anche lunghe passeggiate.

E se me la rubano? Ogni bicicletta ha un proprio lucchetto con il quale è possibile legarla a qualsiasi rastrelliera quando si vuole fare una pausa oppure ad esempio recarsi in un ufficio, dovesse in ogni caso essere rubata, fatta la denuncia agli organi competenti, se non vi sono responsabilità dell’utente, il Comune provvederà a proprie spese ad acquistarne una nuova.

E per il futuro? Non è un servizio immaginabile anche per i turisti, milioni, che d’estate vivono Rimini scoprendo il centro storico. Quante ne servirebbero, 5000? Bene, il progetto è costato complessivamente 50.000€ di cui più di 33.000 finanziati dal Piano di Azione Ambientale della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Rimini, con l’obiettivo comune di ridurre il traffico cittadino e l’inquinamento dell’aria che respiriamo.

I costi comprendono biciclette, rastrelliere con sistema elettronico di riconoscimento dell’utente e delle sue preferenze così come gli eventuali comportamenti scorretti, installazione delle rastrelliere stesse, un sistema di controllo e manutenzione periodico svolto con mezzi a metano da una cooperativa sociale, il monitoraggio telematico dell’utilizzo.

Inoltre la collaborazione gratuita dell’Associazione Pedalando e Camminando – Associata alla Federazione Italiana della bicicletta, ci permetterà di svolgere una supervisione del servizio per poterlo adattare nel tempo alle più diffuse necessità. Proprio questo tipo di progetto è stato premiato da un ulteriore finanziamento del Ministero dell’Ambiente che ci permetterà nel 2009 di poter almeno raddoppiare le biciclette disponibili. Si tratta del progetto più diffuso in Italia (60 città in rete) ed è allo stesso tempo il meno costoso, adatto a città di medie dimensioni come Rimini.

Sarebbe straordinario se l’interesse delle imprese turistiche, che potrebbe tradursi in un “punto Bikesharing” presso l’hotel o lo stabilimento balneare per esempio come servizio all’ospite, ci permettesse di raggiungere il numero di biciclette che lei ipotizza con indubbi vantaggi per il traffico cittadino e l’aria che respiriamo.

2042 articoli

Informazioni sull'autore
Federica è direttrice del giornale e fondatrice di Viaggi low Cost. Viaggiatrice incallita ha iniziato il suo diario di viaggio nel 2008. E` stata definita nel 2020 da Lonely Planet "la pioniera dei blog di viaggi in Italia". Nel suo profilo Instagram (@federchicca) e nel suo blog personale www.federicapiersimoni.it tante avventure, non solo di viaggi!
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Casa Batlló, la nuova esperienza immersiva a Barcellona

La nuova visita immersiva del capolavoro di Antonio Gaudi, parliamo di Casa Batlló e dei suoi nuovissimi 2000 mq dove sentirsi parte del genio e del capolavoro dell’artista spagnolo. Vola a Barcellona a vivere questa nuova esperienza e magia.
CuriositàDestinazioniDove Mangiare

I 4 migliori locali con vista a Rimini e dintorni

Se sei alla ricerca di locali panoramici da dove godere di splendide viste sulla riviera romagnola, non perderti questo articolo. Di seguito troverai 4 idee per un aperitivo o una cena speciali.
CuriositàDestinazioni

Guida ai più bei borghi e murales in Italia

Ami i borghi e la street art? Non perderti allora questo articolo dove ti verrà raccontata la storia di alcuni dei borghi più belli d’Italia, abbelliti da murales unici nel loro genere.
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.