Ile D’Orleans: gioiello della natura di fronte alle Cascate di Montmorency

Alla scoperta dell’Ile D’Orleans – Quebec

Alla scoperta dell’Ile D’Orleans – Quebec

Una tranquilla oasi dove gustare cibo speciale e perdersi tra scorci suggestivi: leggi il post per scoprire L’Ile D’Orleans.

di , | Cosa Fare

Booking.com

A breve distanza dalla storica Quebec City, L’Ile D’Orleans, nel mezzo del fiume San Lorenzo, è un autentico e suggestivo gioiello della natura posto di fronte alle imponenti Cascate di Montmorency.

La storia dell’Ile D’Orleans

Battezzata così dall’esploratore Jacques Cartier in onore del duca di Orleans, l’isolotto, lungo circa 35 km e largo 8, è facilmente raggiungibile grazie al ponte costruito nel 1935 che la collega alla terraferma.

La sua bellezza incontaminata la rende un luogo unico ed imperdibile per chi soggiorna nella città ed ha modo di aggiungere un’escursione di una giornata (o anche meno) alla sua visita.

L’Ile D’Orleans: natura incontaminata

Dichiarata area storica nel 1970 con l’obiettivo proprio di preservarne la sua identità, l’attrazione principale di quest’isola è principalmente la natura e la sua anima agreste che vi farà respirare l’atmosfera rurale dei diversi villaggi disseminati sulla strada di 60 chilometri che la percorre lungo l’intero suo perimetro.

Visitabile in poche ore e, per i più allenati, perfetta da girare in bicicletta visti i pochi sali e scendi.
Resterete affascinati dallo scenario che quest’isola sa offrire ai suoi visitatori con un’infinità di scorci da cartolina, i suoi mille vecchi fienili dai tetti rossi, bianchi o blu, con immensi campi ricchi di mirtilli, fragole o mele da raccogliere in base alla stagione.

Piena di fattorie a conduzione familiare o di piccoli produttori tutti da scoprire, qui il tempo sembra per certi aspetti essersi fermato con il ritmo della vita dettato ancora dalla terra che l’uomo coltiva con attenzione e rispetto.

Alla scoperta dell’isola

Appena superato il ponte, incominciate a scoprire l’isola percorrendola in senso orario e siate pronti a fermarvi nei numerosi ecomusée, le piccole aziende per lo più a conduzione famigliare dove potrete scoprire e degustare i tanti prodotti di questa terra.

Prima sosta imperdibile, a pochi minuti dall’inizio del percorso, è quella da Monna Cassis, celebre per il liquore realizzato con il ribes nero, la Creme de Cassis. Condotta dal padre e dalle due figlie, qui qualunque cosa assaggerete sarà a base di ribes nero coltivato negli adiacenti campi: dal gelato alle marmellate, dai succhi al tè.

Bellissimo il loro fienile completamente recuperato e spesso ambito come location per matrimoni da sogno.

Proseguendo sulla strada sarà un susseguirsi di cantine, cidrerie e piccoli chioschi dove comprare la gustosa frutta. Se vorrete, potrete divertirvi a raccoglierla direttamente.

Fermatevi alla Cidrerie Bilodeau in prossimità di Saint-Pierre e lasciatevi raccontare, oltre che a degustare, i numerosi prodotti realizzati con le mele, dal cidro al pregiato ice wine fino alle conserve e alle eccezionali salse da utilizzare sulle carni o formaggi.

A proposito di formaggi, Les Fromages de Île d’Orleans a circa metà della strada sul lato nord dell’isola, vi accoglierà con i suoi pregiati latticini fatti ancora secondo un metodo antico che si è voluto appositamente preservare.

La punta est dell’isola

Riprendete la strada verso la punta est dell’isola e fate attenzione a non mancare la Roulotte du Coin, un chiosco in perfetto stile street food dove gustare tutta una serie di piatti preparati rigorosamente solo con carne d’anatra.

Hamburger gourmet con foie gras, poutine (il tipico piatto quebecchese) e tanto tanto altro, tutto realizzato, compresi anche i buonissimi succhi di frutta, con ingredienti provenienti direttamente dal proprietario della fattoria, Francois.

Rimarrete conquistati dalla bontà dei piatti proposti, molto meglio di un ristorante stellato!

Superata la punta est dell’isola, a Saint-François è il momento del dolce… o meglio della cioccolata artigianale della Chocolaterie de l’Ile d’Orleans, vero cult dell’isola.

L’Ile d’Orleans diventa così una tranquilla oasi, il luogo ideale per perdersi tra buon cibo e scorci davvero unici. Come quello della Cantina Vignoble de Petronille: seduti tra le sue vigne rimarrete incantati dalla vista in lontananza delle maestose Cascate di Montmorency… In questo luogo forse deciderete di cambiare vita!

Booking.com

© 2018 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mini guida

New York, la mini guida della prima volta, prima parte

Viaggio a New York cosa vedere in 7 giorni

Il mio viaggio a New York è stato un sogno. Era da quando ero piccola che desideravo vedere la città di New York e quando mi hanno regalato i...