Come viaggiare di più spendendo di meno

workaway
Destinazioni

Workaway: cos’è e come funziona

3 minuti di lettura
Se il tuo sogno è quello di scoprire il mondo, viaggiare low cost e provare esperienze uniche, Workaway è la piattaforma giusta per te! Avrai la possibilità di conoscere le persone del posto e di lasciarti contaminare dai loro consigli e dai loro usi, imparando ad apprezzare un paese non come un normale turista!

Questo articolo è stato aggiornato il Aprile 27, 2022

Workaway è un network, una piattaforma online che si basa sul lavoro volontario in cambio di vitto e alloggio, dove il lavoro è concentrato principalmente nell’ambito agricolo.
Grazie a workaway tantissimi viaggiatori possono scoprire nuovi paesi come dei local, vivendo in famiglie e imparando molto di più di quanto avrebbero fatto girando quel paese come turisti.

Ti piacerebbe provare un’esperienza del genere ma non sai da dove partire? Non preoccuparti, in questo articolo andremo ad analizzare ogni punto, dal come iscriversi, a come contattare un host fino ai costi.

workaway

Iscriversi a Workaway

Per partecipare ai progetti di Workaway bisogna aprire un account sul loro sito Internet e pagare una quota annuale di circa 38 Euro per i singoli o circa 46 Euro per chi viaggia in coppia. In questo modo, qualora tu voglia viaggiare con un amico o il tuo compagno, avrai la certezza di essere accettati entrambi dallo stesso host. Senza considerare che in due potrete dividere la spesa della piattaforma.

Iscriversi a Workaway è poi molto semplice, ti basterà cliccare su “Join Now” e poi su “Join as a Workawayer”. Una parte molto importante della registrazione corrisponde poi alla compilazione del proprio profilo.
Fare una descrizione di sé dettagliata, è un valore aggiunto, perché l’host avrà modo di capire meglio chi sei e a quel punto decidere di accettare la tua candidatura.

Allo stesso modo, quando sei tu a far richiesta per una posizione, scrivi sempre una lettera di presentazione, dove spieghi perché vorresti andare a lavorare lì e quale sarebbe il tuo valore aggiunto. Dal momento che andrai a vivere insieme all’host in questione, per loro è importante capire chi sei. Quindi non sottovalutare mai la fase della selezione.

Allo stesso modo, leggi bene tutte la descrizione dell’host, cosa dovrai fare, le tue mansioni e come sono strutturate le giornate. Questo ti aiuterà a farti meglio un’idea di ciò che farai una volta arrivato/a a destinazione.

Per evitare anche spiacevoli inconvenienti, non farti problemi a chiedere più informazioni all’host, per esempio foto della struttura, dei bagni, della tua stanza. In questo modo arriverai preparato/a e saprai meglio cosa aspettarti.
Essendo lavori come ti dicevo prima, principalmente in ambito agricolo o comunque manuali, spesso ti ritroverai più lontano dai centri città e più in mezzo alla natura. Per questo le condizioni non saranno mai ottimali al 100%. Lo spirito d’adattamento sarà fondamentale, dopo tutto non stai andando in vacanza.

workaway esperienze

Come funziona Workaway

Una volta trovato il tuo host, non ti rimane che comprare il biglietto aereo, fare l’assicurazione e partire. In linea generale, anche se non è una regola, ti verrà richiesto di lavorare intorno alle 5 ore al giorno, in cambio di vitto e alloggio, per un totale di circa 25 ore a settimana. Alcuni host offrono anche un piccolo contributo economico a settimana, ma questo la capirai dalla proposta, perché accanto ad ogni offerta troverai il bollino “paid position”.

Il periodo di volontariato poi può durare quanto vuoi: da un paio di settimane a un anno intero, basta mettersi d’accordo con l’ospite.

Per quanto riguarda le categorie di lavoro invece, sono davvero infinite: baby sitter, eco-turismo, lezioni di lingua inglese (ma anche italiana), agricoltura, costruzione, ostelli, eventi sportivi, giardinaggio, dog e cat sitter, reception, cucina e tanto altro.
Questo perché, a differenza di tante reti, hai il contatto diretto con le persone, che possono spiegarti di cosa hanno davvero bisogno loro. Questo poi ti darà modo di imparare un mestiere nuovo, di renderti umile e di metterti a servizio di altre persone, aiutandole nei loro progetti.

Il resto del tempo poi sarà solo tuo. Potrai trascorrere il resto delle tue giornate esplorando i dintorni, oppure semplicemente rilassandoti con un buon libro o una camminata.

Un’altra parte molto bella di workaway è che avrai la possibilità di conoscere altri viaggiatori come te. Potrai organizzare con loro gite, stringere nuove amicizie e imparare cose nuove. Si tratta infatti di un’esperienza di grande crescita personale, che ti arricchirà come persona.

workaway volontariato

Workaway come hai potuto capire è una piattaforma ottima per provare nuove esperienze e viaggiare come un local. Senza considerare che è un ottimo modo per risparmiare soldi. Oltre a questa piattaforma ne esistono tante altre, così come le esperienze insolite. Anche l’interrail è un bellissimo modo per scoprire nuovi paesi.

47 articoli

Informazioni sull'autore
Alice ama definirsi una viaggiatrice local, perché le piace entrare nel vivo di ogni paese che visita. E’ una grande amante dei roadtrip e dei viaggi zaino in spalla soprattutto oltre oceano.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

La filosofia di vita dietro l'ikigai

Sarà capitato a tutti di sentirsi demotivati, spenti e privi di stimoli. Questo perché molte volte ci ritroviamo a vivere una vita che non ci appaga e di cui non siamo soddisfatti. L’ikigai è invece un metodo giapponese che ci aiuta a riappropriarci della nostra vita, a vivere secondo il nostro ritmo, coltivando passioni e guadagnando di ciò che ci piace.
Destinazioni

Dove passare il Ferragosto in montagna

Consigli utili per passare il Ferragosto 2022 al fresco, in montagna, in mezzo alla natura e al verde. Curiosi di sapere le cinque mete ideali? Continuate a leggere e iniziate a preparare gli zaini!
Destinazioni

La cultura danese dell'hygge come stile di vita

Sei curioso di saperne di più della cultura hygge nata in Danimarca? In questo articolo scoprirai come mai è nato questo fenomeno e quali sono i suggerimenti principali per rendere anche la tua casa calda e accogliente. Ma non solo hygge è anche un invito ad apprezzare le piccole cose della vita ed essere grati di ciò che si ha, senza darlo mai per scontato.
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.