Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Tokyo e i fiori di ciliegio: quando e dove andare per ammirarli

3 minuti di lettura
Consigli per visitare il Giappone nel suo periodo più ambito: quello della fioritura dei ciliegi. Ecco i luoghi più frequentati dagli abitanti di Tokyo per godere dello spettacolo della natura.

Questo articolo è stato aggiornato il Febbraio 26, 2018

Il periodo più ambito per visitare Tokyo – la capitale giapponese – come azzeccarlo e godersene a pieno la bellezza.

Tokyo e i fiori di ciliegio

Impossibile pensare al Giappone senza pensare al fascino dei suoi ciliegi, ma malgrado in quasi tutte le foto online si vedano queste stupende piante piene di fiori rosa e bianchi, in realtà è molto difficile trovarsi in Giappone nel periodo esatto della fioritura.

I ciliegi giapponesi infatti, al pari dei loro parenti nel resto del mondo, raggiungono la piena fioritura in 2/3 giorni, e in altrettanti giorni sfioriscono completamente lasciando le piante spoglie o con solo qualche acerba fogliolina.

Il clima di Tokyo

Il clima primaverile di Tokyo è piuttosto simile a quello del nord Italia, i ciliegi dunque fioriscono più o meno tra metà marzo e metà aprile. Occorre precisare però che arbitro del periodo esatto è il clima. Quando siamo andati noi ad esempio li abbiamo trovati in piena fioritura al nostro arrivo nella città, il 12 aprile (un po’ in ritardo rispetto agli standard).

La fioritura: trucchi per non perderla

Esistono comunque vari trucchi per massimizzare le possibilità di successo.
Innanzitutto bisogna ricordare che il Giappone è un arcipelago di isole che si estende in una vasta area di Pacifico, dunque il clima da nord a sud varia molto (ad esempio, il clima mite primaverile nella parte più settentrionale può arrivare anche a maggio).

Se avete in programma un viaggio in primavera in cui passerete per varie isole, le possibilità di vedere i ciliegi in fiore aumenteranno di molto.

Un altro trucco da seguire per pianificare il vostro viaggio è consultare i siti metereologici giapponesi. Infatti, a partire dai primi giorni dell’anno, oltre al consueto meteo, questi iniziano a pubblicare previsioni sui periodi di fioritura nelle varie zone del paese e – esperienza nostra – sono piuttosto accurati e costantemente aggiornati.

Perché la fioritura è così importante in Giappone

Ma perché i giapponesi danno tutta questa importanza ai loro ciliegi facendone un simbolo e un vanto?
Sicuramente vedere tutte queste piante fiorite nello stesso momento è uno spettacolo che lascia senza parole e resta nel cuore anche a chi non conosce la cultura del sol levante, ma occorre ricordare che non parliamo solo di un puro fattore estetico.

I giapponesi infatti hanno portato l’osservazione dei fiori di ciliegio, o hanami, ad una vera e propria forma d’arte, ad un concetto filosofico e poetico.

Il significato di Hanami

Hanami (letteralmente “guardare i fiori”) è la sintesi del concetto di vita e di estetica dell’intera nazione: così come i fiori raggiungono la massima bellezza nell’attimo prima di sfiorire e cadere al suolo, così la vita e tutte le cose del mondo raggiungono la massima fioritura l’attimo prima di iniziare a deperire.

È il concetto di caducità di tutte le cose che fonda le basi del pensiero orientale e che rende i giapponesi, e la loro arte in genere, malinconici e nostalgici.

Dove ammirare la fioritura a Tokyo

Ma parliamo della capitale. Tokyo, con i suoi vasti e stupendi parchi, offre numerose possibilità di ammirare i ciliegi in fiore.
Il luogo che più ci è piaciuto nel nostro viaggio è il Palazzo dell’imperatore. Il palazzo è composto da numerosi edifici esternamente visitabili, un immenso parco e un ampio fossato circostante: forma un set degno delle più classiche cartoline.

I ciliegi si trovano ovunque: il fossato è letteralmente contornato dalle maestose piante, i parchi offrono scorci suggestivi e di studiata bellezza (preciso infatti che mai nei giardini giapponesi la posizione delle piante è casuale).

Il giardino del palazzo è inoltre pieno di camelie, fiori con petali dalla geometria ipnotica e di incredibile bellezza, che per me sono state una vera sorpresa.

Altri tre luoghi molto frequentati anche dai giapponesi per ammirare i fiori sono il Parco di Ueno, il Parco di Shinjuku e il Parco Yoyogi.

Questi tre parchi, i più grandi e famosi della città, sono allestiti per l’occasione con ampi teli azzurri stesi a terra sotto i ciliegi, questo per permettere alle persone in occasione dell’hanami di sostare sedendosi e rilassandosi all’ombra delle piante o di fare divertenti e chiassosi pic nic.

Tokyo, comunque, come ogni angolo del Giappone, è piena di ciliegi e la città sembra in tutto e per tutto ornata a festa nel periodo della fioritura.
Camminando per strada troverete ovunque giapponesi che scattano foto alle piante o si soffermano ad ammirarle con genuino stupore e quella malinconica nostalgia che li caratterizza.

5 articoli

Informazioni sull'autore
Laureata in lingue e letterature straniere, in Inglese Giapponese e Cinese, e da sempre appassionata di carte e mappe, Silvia ama partire alla scoperta di posti nuovi. In ogni suo viaggio cerca di entrare in punta di piedi nella cultura del luogo in cui si trova, di comprenderla il più possibile senza creare disturbo, ricavandone esperienze e ricordi unici. Appassionata di Oriente, ma non solo, visita ogni luogo preferendo come mezzo di trasporto le proprie gambe per non perdersi il pulsare della vita quotidiana locale. Suoi compagni inseparabili: una cartina del luogo, scarpe da ginnastica e il marito Manuel che l’accompagna ovunque.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Yakitori, ricetta per preparare lo street food giapponese

Yakitori, la ricetta degli spiedini giapponesi anche per vegetariani. In Giappone sono cibo da passeggio (street food) anche per vegetariani con il tufo invece del pollo. Ecco la ricetta per rifarli a casa durante una cena con gli amici (magari dopo un viaggio in Giappone).
Ricetta

Laddu, ricetta indiana dei dolci delle feste

Laddu, i dolci delle feste per la tradizione indiana. Si preparano in poco tempo, sono gustosi e piacciono tanto ai bambini. Se vi trovate in India e siete invitati a casa di qualcuno, è buona norma portare una scatolina di Laddu.
Ricetta

Samosa, la Ricetta originale indiana anche a casa

La ricetta dei Samosa indiani, snack sfizioso di tanti paesi del mondo. Non solo in India infatti, ma anche in Nepal, in Iran e altre località del Mondo. Nell’articolo tutte le informazioni per prepararli a casa, anche quelli vegetariani.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno.
Iscriviti alla newsletter!