Le meraviglie della Finlandia: cosa fare durante il vostro viaggio estivo

Estate in Finlandia: cosa fare e dove andare

Estate in Finlandia: cosa fare e dove andare

Finlandia: una terra affascinante che non smette mai di stupire. Leggete il post per organizzare un viaggio estivo all'insegna di scoperte originali, relax e divertimento.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Chi legge i miei articoli sulla Finlandia saprà ormai a memoria il fatto che sono un ‘mezzo sangue’, metà italiano e metà finlandese. Quindi ogni volta che ne scrivo so di farlo con gli occhi di un finnico, ma devo ricordarmi che l’obiettivo è quello di offrire spunti di viaggio ad un italiano.

Anche quest’anno ho speso ben dieci giorni guidando tra le enormi strade della Finlandia meridionale per poi spostarmi solo un po’ nella sua parte centrale per godere delle infinite foreste e dei suoi laghi. Sono atterrato a Vantaa, l’aeroporto internazionale di Helsinki e questa volta ho noleggiato l’auto direttamente lì.

Due giorni nella capitale della Finlandia: Helsinki

D’ora in poi potete scordarvi i contanti ed usare unicamente la vostra carta. Anche il più piccolo negozietto sperduto nella foresta ha un POS.

Ho scelto di trascorrere due giorni nella capitale soggiornando in un piccolo hotel a meno di un chilometro dalla basilica bianca di Helsinki.
Nella capitale ho avuto modo di provare l’esperienza di un vero ristorante russo – il più antico della capitale – e di accorgermi come sia ‘giovane’ questa città: attenta al wellness, all’alimentazione, all’allenamento.

Due tappe che consiglio sono quindi il piccolo mercato coperto (Kauppatori) – nei pressi del porto, fitto di negozietti e piccoli ristorantini – e il ristorante (Ravintola) Bellevue, locale dove assaporare la cucina russa proprio nei pressi della basilica ortodossa.

Shopping in Finlandia

Avete voglia di shopping sul modello di Harrods a Londra? Bene, potete fare un salto ai magazzini Stockmann, una tappa scontata a Helsinki ma sempre interessante.

Porvoo: piccolo borgo in legno

Senza dilungarmi troppo su Helsinki, anche perché trovate già altri articoli scritti da me sulla capitale, vi consiglio di muovervi fuori verso est e di raggiungere un grazioso borgo interamente in legno che si affaccia sul mare del Nord, ovvero Porvoo.

La cittadina è molto carina, turistica, ma non chiassosa e l’ho visitata in una giornata un po’ nuvolosa. Anzi è con stupore che, ad un certo punto, mi son visto arrivare sulla collina dove sorge la principale chiesa un gruppo di cinesi guidati da un accompagnatore da crociere.
Effettivamente Helsinki è uno snodo importante per le crociere nel Nord Europa e la spiegazione di un gruppo in un luogo così isolato è già data.

A Porvoo potete spenderci una mezza giornata tra negozietti di souvenir, bar all’aperto molto graziosi e ristorantini lungo il canale principale che attraversa la cittadina. Molto pittoresco. Ho scelto di pranzare al Ravintola Johans, molto carino, con una parte esterna sul canale ed una interna dal sobrio design nord europeo.

La parte centrale della Finlandia

L’indomani siamo poi partiti verso la parte centrale della Finlandia nella zona dei laghi intorno a Pieksamaki.
Qui abbiamo trascorso ben tre giorni in una casa sul lago da mille e una notte, facendo la sauna, tuffandoci nel lago, cucinando all’aperto, raccogliendo funghi e mirtilli nei boschi e navigando sul lago. Troverete decine di siti web specializzati nell’affitto di case sui laghi.

La Finlandia meridionale

Dopo tre giorni di isolamento nella foresta ci siamo mossi nuovamente verso la Finlandia meridionale sostando un giorno nella zona di Hamenlinna, cittadina di 60 mila abitanti circa, nota soprattutto per un grande castello a ridosso delle sponde del lago su cui si affaccia la città.

Poi ci siamo diretti verso ovest, esattamente a Turku, antica capitale finlandese quando la Finlandia era ancora Gran ducato di Svezia e Finlandia. Solo nel 1917 la Finlandia diventa indipendente.

Turku è veramente grande come città e da qui potete iniziare la vostra scoperta verso l’arcipelago che conta ben 25 mila isolette oppure potete scegliere di imbarcarvi con un traghetto verso le isole Aland.
Personalmente ho speso un solo giorno a Turku soggiornando nel vecchio quartiere dei pescatori in un B&B, il Pastella. Totalmente in legno, e con un design da innamorarsi. Un po’ strana la padrona di casa, ma alla fine una bella esperienza.

Cosa vedere a Turku

A Turku ho visitato la cattedrale con la torre campanaria di 100 mt, il Museo Aboa Vetus & Ars Nova, molto affascinante e consigliato se avete bambini al seguito. Qui ho scoperto che la città fu distrutta da un enorme incendio ai primi dell’ottocento e parte del museo sorge proprio sull’antica città medievale.

Turku d’estate è affascinante, ricca di eventi, festival e girandole: capisco perché nel 2011 è stata capitale europea della cultura. Lungo le sponde del fiume Aurajoki troverete decine di battelli ormeggiati trasformati in locali.

Ci siamo poi diretti verso una meta molto cara ai finlandesi di Turku, soprattutto in estate, la città di Naantali. Qui abbiamo guidato a lungo fino a Rymattila, tra distese di campi di grano e foreste affacciate sulle rive dell’arcipelago e trovando chiese che ricordavano le antiche dimore vichinghe. Potrei dilungarmi, ma credo di avervi dato già qualche spunto per la prossima estate.

Booking.com

© 2018 - Riproduzione riservata

Mini guida

Mini guida della Moldova per 5 giorni

Mini guida della Moldova per 5 giorni di viaggio

Quante volte vi è capitato di avere un ponte lungo e girare senza meta, di blog in blog, cercando qualche suggerimento su dove trascorrerlo? Non...