Come viaggiare di più spendendo di meno

sport-estremi-in-italia-bungee-jumping
CuriositàDestinazioni

Sport estremi in Italia, dove provarli

3 minuti di lettura
Se ami lo sport, l'attività fisica e anche un'alta dose di adrenalina, non perderti questo articolo dove ti spiegheremo dove poter provare gli sport estremi in Italia. Dal rafting con il più elevato livello di difficoltà, al ponte più alto da dove lanciarsi per provare bungee jumping. Continua a leggere.

Questo articolo è stato aggiornato il Settembre 1, 2022

Negli ultimi anni gli sport estremi sono diventati sempre più conosciuti e ci sono sempre più persone che curiose, decidono di provare alcune di queste attività.
Per sport estremi infatti si intendono quelle attività sportive accomunate da un intenso impegno fisico unito ad una percentuale di pericolo.
Già da tempo la Nuova Zelanda si è guadagnata la fama di Capitale Mondiale degli sport estremi e dei viaggi avventurosi. Ma se non hai modo di partire per un viaggio dall’altra parte del mondo e hai
comunque voglia di provare alcuni di questi sport, non perderti questo articolo dove ti spiegheremo dove poter provare gli sport estremi in Italia.

Sport estremi in Italia: rafting

Il rafting è una pratica sportiva che consiste nella discesa di corsi d’acqua, resa difficile dalla presenza
di massi e di rapide, che viene effettuata su gommoni particolarmente robusti.
Uno dei luoghi più conosciuti dove poter praticare questa attività è in provincia di Terni.
In questa zona infatti si trovano le famose rapide del Nera, che si estendono per oltre 3km e sono di livello 4, su una scala che va da 1 a 6 in base alla difficoltà.

Se poi vuoi aumentare la dose di pericolo, devi raggiungere la valle d’Aosta dove si trova la Dora Baltea, un importante fiume che si trova ai piedi del monte Bianco.
Si tratta in tutto di ben 17 km totalmente navigabili con rapide che arrivano a livelli di difficoltà 6+. Un vero spasso se ciò che cerchi sono le emozioni forti, combinati alla grinta e alla passione per questo sport.

sport-estremi-in-italia- rafting

Sport estremi in Italia: bungee jumping

Il bungee jumping ha origini molto antiche, pensa che questa disciplina è nata nelle isole “Nuove Ebridi” al largo dell’oceano Pacifico, che ora formano la Repubblica di Vanuatu. La leggenda narra che una giovane donna di Vanuatu perseguitata dal marito geloso, nella disperazione si arrampicò su un albero molto alto e si lanciò. Il marito fece lo stesso ma la donna senza farsi vedere, aveva legato alcune viti della giungla alle caviglie che la salvarono dalla morte.
Per migliaia di anni infatti, i nativi di questi territori si sono lanciati nel vuoto da torri di 25 metri legati alle caviglie con una liana. Per loro era considerato come un rito d’iniziazione che segnava il passaggio dei giovani dall’età dell’adolescenza a quella adulta.

Verso la metà degli anni ottanta poi Alan John Hackett si tuffò dalla Torre Eiffel e da lì ci fu la nascita mediatica del bungee jumping.

In pratica il bungee jumping è un’attività sportiva che consiste nel lanciarsi da un luogo elevato dopo essere stati imbracati con una corda elastica. Un’estremità della corda è fissata al corpo della
persona che si lancia e l’altra al punto da cui avviene il lancio.
Per provare questa esperienza ti basta raggiungere l’Abruzzo dove si trova il bungee center più grande del centro-sud Italia. Il ponte da cui si salta è quello di Salle, in provincia di Pescara all’interno del Parco Nazionale della Majella. Qua potrai provare l’emozione di lanciarti da un ponte alto ben 100 metri.

Un’altra località dove poter vivere questa esperienza è Vicenza, infatti dal ponte Valgadena che sorge tra Foza ed Enego si trova il ponte più alto da cui lanciarsi in Italia. Misura 175 metri dal fondo valle, permettendo di fare così un salto di 165 metri.

sport-estremi-in-italia-bungee-jumping

Sport estremi in Italia: lancio con il paracadute

Il paracadutismo invece è l’attività sportiva che consiste nel lanciarsi solitamente da un aereo o un elicottero, utilizzando un paracadute come strumento per rallentare la caduta e consentire un
atterraggio sicuro. Se però non si ha il brevetto, l’unico modo per provare questo sport è il tandem, ovvero un lancio eseguito insieme ad un istruttore. 
Una volta infatti raggiunta la quota, generalmente intorno ai 4000 metri di altezza, ti lancerai in un salto libero alla velocità di 200km/h per 60 secondi. Dopo di che una volta raggiunta la quota di
apertura intorno ai 1500/1700 metri l’istruttore aprirà il paracadute. A quel punto potrai goderti alcuni minuti di volo planato, ammirando uno splendido paesaggio sottostante e pilotando il paracadute insieme al tuo istruttore.

Il lancio in Tandem infatti è una fantastica introduzione al paracadutismo come sport e le località dove provare questa esperienza sono davvero numerose, tra le principali troviamo lo Skydive di Fano e quello di Cagliari.

sport-estremi-in-italia-paracadutismo

53 articoli

Informazioni sull'autore
Alice ama definirsi una viaggiatrice local, perché le piace entrare nel vivo di ogni paese che visita. E’ una grande amante dei roadtrip e dei viaggi zaino in spalla soprattutto oltre oceano.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
CuriositàDestinazioni

Guida ai più bei borghi e murales in Italia

Ami i borghi e la street art? Non perderti allora questo articolo dove ti verrà raccontata la storia di alcuni dei borghi più belli d’Italia, abbelliti da murales unici nel loro genere.
Destinazioni

Luoghi abbandonati in Europa oltre Chernobyl

Ti affascina il dark tourism e vorresti sapere quali sono i luoghi segnati dal sangue e dai tormenti? In questo articolo troverai diversi luoghi abbandonati in tutta Europa, a partire dall’Italia, alla Francia, passando dalla Germania fino alla Spagna.
Destinazioni

Prenotare da soli o tramite agenzia, i pro e i contro

Viaggiare è una delle passioni più belle ma quando non si ha tempo per organizzarlo a volte la soluzione migliore è quella di affidarsi ad un’agenzi. Allo stesso modo se si ama la libertà e la programmazione del proprio itinerario, organizzare il viaggio da soli è la risposta. Scopriamo quindi i pro e i contro del prenotare da soli e tramite agenzia.
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×
Destinazioni

Come diventare viaggiatori responsabili