Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Myanmar, 5 cose da vedere

2 minuti di lettura
Cosa vedere in Myanmar, 5 consigli di viaggio per la prima vacanza low cost in Birmania, da Golden Rock a Yangon, fino a Bagan e Mandalay, leggi il post.

Questo articolo è stato aggiornato il Marzo 3, 2017

La Birmania ha aperto da poco le sue frontiere al turismo. Si tratta di un Paese che ha ancora molte zone inaccessibili ma quello che ha da offrire è immenso e tutto da scoprire. Siete pronti per qualche consiglio su cosa vedere in questo luogo magico? Vi porto in Myanmar, il Paese dorato che vi riempirà gli occhi e il cuore.

1. Yangon

Ex-capitale della Birmania, è una città che si sta sviluppando in fretta. Situata sulle rive dell’omonimo fiume è la città che offre la pagoda più spettacolare del Paese: la Shwedagon Paya. Con i suoi 100 mt. d’altezza è un vero e proprio spettacolo architettonico. Completamente ricoperta di foglie d’oro e circondata da numerosi edifici complementari, è il principale luogo di preghiera del Paese.
Sempre nella zona della principale pagoda troviamo altri due templi che meritano la visita: la Chaukhtatgyi Paya, dove si può ammirare una splendido Buddha disteso di ben 65 metri. Poco più avanti, sull’altro lato della strada c’è la Ngahtatgyi Paya, dov’è custodito un Buddha seduto di 14 metri.
Dopo questa immersione nella cultura religiosa vi consiglio una rilassante passeggiata sulle sponde del lago Kandawgyi. Il momento migliore è sicuramente il tramonto, dove nelle sue acque si rispecchia la magica Shwedagon Paya.


Trasferiamoci verso il centro della città: la Sule Paya, con i suoi 46 metri fa da spartitraffico in una rotonda lungo l’arteria principale di Yangoon. Proseguendo verso le rive del fiume per visitare la più piccola ma affollata Botatung Paya.

2.Golden Rock

Duecento km ad Est di Yangoon si trova un altro importante luogo di pellegrinaggio per i buddisti: la Golden Rock. Si tratta di un grande masso in bilico su un’altura, ricoperto di foglie d’oro. La leggenda narra che sia sorretto da un capello del Buddha.

3. Lago Inle

Ci spostiamo verso nord, dove la natura la fa da padrona. Se andate in Birmania non potete non trascorrere qualche giorno sulle tranquille acque del Lago Inle e una gita in barca è d’obbligo. La potete organizzare tramite l’albergo dove alloggiate o recandovi direttamente al molo e contrattare con i proprietari delle barche. L’escursione è molto “turistica” ma scoprirete un sacco di cose di questo Paese. Inoltre, essendo il lago molto grande, non incontrerete molte persone.

4. Bagan

Ovviamente se si viene in Bimania la Valle di Bagan è una tappa d’obbligo. Noleggiate un motorino elettrico o se siete sportivi una bicicletta e perdetevi per le stradine della Valle alla ricerca del tempio che più vi piace. Se avete abbastanza soldi regalatevi un giro in mongolfiera alle price luci dell’alba, lo spettacolo è garantito. Per godersi una bellissima vista della Valle, molto più economico, salite sul tempio che preferite e godetevi le splendide luci del tramonto.

5. Mandalay e dintorni

Mandaly ospita lo splendido Palazzo Reale. Si tratta di un imponente complesso cinto da spesse mura di 3,6 chilometri per lato. All’interno molte zone sono interdette agli stranieri. La parte che i turisti possono visitare è il Palazzo dove un tempo vivevano i reali. Questo luogo si trova ai piedi della Mandalay Hill: una collina disseminata di templi, dalla quale si gode di un’ottima vista sulla città, soprattutto al tramonto.
Mandalay è il punto di partenza ideale per visitare la zona intorno alla città che offre delle attrattive molto interessanti. Tra queste un luogo assolutamente da non perdere è il ponte di Amarapura. Si tratta del ponte in teak più lungo del mondo. Il momento migliore per visitarlo è sicuramente al tramonto.
Un’altra attrattiva della zona di Mandalay è il villaggio di Mingun. Qui si può ammirare l’inizio della costruzione di quello che doveva essere il tempo più grande del mondo. Entrambi i posti si possono visitare con un tour organizzato o noleggiando il motorino. Mingun la si può raggiungere anche con un breve tragitto in barca, con partenza dal molo del fiume a Mandalay.

49 articoli

Informazioni sull'autore
Ormai entrata negli “enta”, ma con la stessa voglia di fare, scoprire e soprattutto viaggiare di un decennio fa. Nata a pochi passi dal Lago di Garda, precisamente a Riva, sono cresciuta con la passione di girare il mondo che mi è stata trasmessa già in tenera età dai miei genitori. Crescendo ho iniziato a visitare il mondo con le amiche e poi finalmente il grande volo da sola: Nepal, Tailandia e Australia sono stati il mio trampolino di lancio e di crescita e vi assicuro che una volta lasciato il nido è davvero difficile tornare alla vita di prima. Così da questo viaggio in solitaria è partita l’idea di creare questo blog, per rendervi partecipi delle mie emozioni e cercare di farvi vivere le sensazioni che un qualunque posto nel mondo può regalare.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Yakitori, ricetta per preparare lo street food giapponese

Yakitori, la ricetta degli spiedini giapponesi anche per vegetariani. In Giappone sono cibo da passeggio (street food) anche per vegetariani con il tufo invece del pollo. Ecco la ricetta per rifarli a casa durante una cena con gli amici (magari dopo un viaggio in Giappone).
Ricetta

Laddu, ricetta indiana dei dolci delle feste

Laddu, i dolci delle feste per la tradizione indiana. Si preparano in poco tempo, sono gustosi e piacciono tanto ai bambini. Se vi trovate in India e siete invitati a casa di qualcuno, è buona norma portare una scatolina di Laddu.
Ricetta

Samosa, la Ricetta originale indiana anche a casa

La ricetta dei Samosa indiani, snack sfizioso di tanti paesi del mondo. Non solo in India infatti, ma anche in Nepal, in Iran e altre località del Mondo. Nell’articolo tutte le informazioni per prepararli a casa, anche quelli vegetariani.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno.
Iscriviti alla newsletter!