Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Siti archeologici in Molise: la città romana di Sepino

1 minuti di lettura

Sepino

Immaginate una Ostia in miniatura, ma come questa in gran parte intatta. Immaginate che questa città, tutta contornata da mura, sia adagiata lì, in mezzo alla campagna e che si possa entrare liberamente. Siete arrivati a Sepino, il secondo sito archeologico molisano che mi ha profondamente colpito e di cui ignoravo l’esistenza. Siamo ai piedi dei monti del Matese, che separano Molise e Campania.

Sepino sorge nel punto dove passava un importante tratturo, quello che univa Pescasseroli a Candela. La città romana sorse non lontano da un precedente insediamento sannitico, e fu edificata in pianura secondo i principi classici dell’incrocio fra un cardo maximum e un decumanum. In seguito fu interamente circondata di mura, in gran parte ancora erette e intatte e bellissime, fatte di cubetti di pietra bianca posti in diagonale; bellissime anche le porte della città, di cu una, Porta Benevento,  resiste ai secoli con le sue belle torri circolari che la fiancheggiano.

Sepino è bellissima e magica: ci sono un anfiteatro, le terme, il macellum (ovvero il mercato), il foro con colonne ancora in piedi, fonti, tabernae cioé negozi. All’interno del recinto delle mura anche case coloniche dei secoli passati, fatta con la bella pietra bianca locale ma anche orribili casette di recente costruzione, ancora abitate, con la vigna a lato o altri annessi abbastanza impresentabili. Insomma Sepino è un luogo di una bellezza estrema, gestito con una leggerezza inconcepibile: tutto aperto, libero, anche ai vandali.

Dall’altra parte totalmente gratuito, si paga solo il parcheggio provenendo dalla statale; ci sono anche delle mostre allestite in alcuni edifici e un addetto alla saletta video che dice: qui da scavare ci sarebbe ancora molto, ma non ci sono i soldi. Turisticamente una bomba, ma ditemi se ne avevate mai sentito parlare…..

A proposito, il paese attuale, sorto in epoca medievale, si chiama Altilia: se cercate Sepino nei cartelli stradali, rischiate anche di non trovarlo.

[vlcmap]

192 articoli

Informazioni sull'autore
Per Francesca le vacanze sono sempre e solo viaggi, c’è tanto da vedere! Adora conoscere luoghi, parlare altre lingue, assaggiare i piatti del posto: cosa c’è di più bello? La bellezza la circonda sempre perché vive a Firenze e la Toscana è una grande regione che condividerà con voi.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Perché il New York Times ha scelto proprio il Molise

Escursioni, borghi incantevoli, storia e tradizioni popolari: il Molise è la regione meno conosciuta dell’Italia, ma merita tantissimo una visita, ecco perché è stata scelta dal New York Times come meta da visitare.
Dove Mangiare

Monticelli Sapere e Sapori a Campobasso: il Molise in tavola

Il Molise vanta una tradizione gastronomica antica e genuina: se siete a Campobasso non potete perdere l’esperienza di mangiare nel bellissimo e accogliente Monticelli!
Destinazioni

Venafro, Molise: patrimonio storico e cucina

Una cittadina accogliente immersa nella Pianura del Venafro: un patrimonio storico culturale da scoprire e tanti prodotti tipici da non lasciarsi sfuggire.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.