Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Londra e la Street art: i capolavori di Banksy nella capitale inglese

3 minuti di lettura
Opere di Banksy a Londra, ecco dove trovarle e non solo nella città inglese ma anche in altre città del mondo. Un itinerario che parte dall'arte e dai musei ad ingresso gratuito nella città di Londra e arriva alla street art per le strade di Londra e non solo, di Banksy.

Questo articolo è stato aggiornato il Luglio 15, 2019

Londra è una delle città più multietniche che io abbia mai visitato. Londra è una città di grandi contrasti, qui si trovano le tradizioni a confronto con le innovazioni più autentiche. Londra è anche un luogo dove l’arte prolifera, come tante altre capitali europee, certo, ma a Londra ancora di più. Ci avete mai fatto caso? Londra è sempre un passo avanti a tutto il resto.

Non solo i musei che tutti conosciamo, ma anche l’arte a cielo aperto, a Londra si respira aria di evoluzione (o di rivoluzione?) ad ogni angolo della città. Tra i musei di Londra gratuiti che più preferisco, consiglio:

Tate Modern: arte contemporanea sui cinque piani dell’edificio. L’ultimo piano ha una caffetteria con splendida vista sulla città e sul particolare ponte Millennium Bridge. La Tate Modern è sempre gratuita ed è aperta da domenica a giovedì dalle 10:00 alle 18:00 e venerdì e sabato dalle ore 10:00 alle 22:00.

British Museum: gratuito anche questo, il British Museum esplora la cultura del mondo intero. Un luogo da visitare per avere una panoramica della nostra storia, dall’Africa all’Europa, fino a le Americhe e l’Asia. Il museo è davvero grande, è possibile visitarlo anche a più riprese. Aperto ogni giorno dalle 10.00 alle 17.30 e il venerdì fio alle 20.30.

National Gallery: ad ingresso gratuito ad eccezioni di alcune esposizioni temporanee che però si trovano sempre in una sezione dell’edificio e sono ben segnalate. La National Gallery è un mondo, in cui trovare opere di Botticelli, Tiziano, Raffaello, Michelangelo, Caravaggio, Rembrandt, Cezanne, Van Gogh e molti altri ancora. L’orario migliore per visitarla è il venerdì dopo le 18.

Tornando al tema del post, quindi i capolavori di Banksy a Londra, ci sono sicuramente alcune opere specifiche che è impossibile perdere durante una prima (ma anche seconda) visita alla città inglese. Innanzitutto, quando parliamo di Banksy, di chi parliamo? Bella domanda, nessuno lo sa davvero. Banksy è un artista e writer inglese la cui identità (come nel caso di tanti writer) rimane ancora sconosciuta. Le sue opere sono famose in tutto il mondo, ed è impossibile non averne vista almeno una in qualche città del mondo, o se non altro non averne vista una in televisione o in qualche libro.

Qui di seguito mi limiterò ad accennare le 3 opere della sua carriera che ritengo più importanti. Per un approfondimento completo sull’artista, vi lascio invece questo link ad un post del redazionale di Expedia Explore che elenca i suoi 15 migliori graffiti londinesi. Banksy è considerato da sempre uno degli esponenti più importanti della street art.

Sweep it Under the Carpet: a Hoxton si trova una delle opere più interessanti di Banksy, la cameriera che nasconde lo sporco sotto il tappeto. L’opera è stata realizzata nel 2006 e si riferirebbe allo scarso impegno del Governo inglese nella lotta contro l’Aids.

I don’t believe in global warming: sempre a Londra e precisamente a Camden Town. Il colore rosso scritto a filo d’acqua lungo il Regent’s Canal è una protesta dell’artista a fronte del fallimento della conferenza sul clima di Copenaghen del 2009.

Balloon Girl: è il mio murales preferito di Banksy. La ragazza con il palloncino è stato realizzato nel 2002. Poco distante una scritta recita C’è sempre speranza. Nel marzo 2012, in occasione del terzo anniversario della guerra civile siriana e sull’onda della campagna #WithSyria a sostegno delle vittime del conflitto, l’artista ha pubblicato sul proprio sito un’immagine modificata della celebre “Balloon Girl”, in modo da fare assomigliare la bambina a una piccola profuga.

Le opere di Banksy non si trovano solo a Londra, tante sono sparse nel mondo, di recente a Venezia, ma anche a Gerusalemme, Brighton, Betlemme e Bristol. Se amate l’arte da museo, quella che si può ammirare seduti con un’audio guida in mano, sono certa che troverete super interessante anche la street arte che interpreta benissimo il nostro tempo e soprattutto un artista come Banksy che meglio di chiunque altro riesce a interpretare le necessità e le paure della generazione (qualsiasi sia la sua).

Una delle opere di Banksy più belle per me, che si trova fuori da Londra e anche fuori dall’Europa, è quella che si trova a Betlemme. In particolare, oltre al bellissimo murales la colomba e l’angelo, c’è anche il palestinese che lancia i fiori. Un’opera questa che secondo me racconta tutto e non ha niente da aggiungere. Il mio sogno è di fare un tour a Betlemme per vedere non solo una ma tutte le opere di questo artista indiscusso della street art.

2025 articoli

Informazioni sull'autore
Federica è autrice e fondatrice del magazine Viaggi low Cost. Viaggiatrice incallita ha iniziato il suo diario di viaggio nel 2008. Per Viaggi Low Cost scrive ogni giorno tutto quello che trova di economico nei suoi numerosi viaggi.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Le meraviglie d'Irlanda: scogliere, isole e castelli

Esiste il mal di mare, il mal di terra e il mal d’Irlanda. Un male che provano solo i fortunati che hanno avuto modo di passeggiare per i territori irlandesi. Un amore che nasce appena scesi dall’aereo. L’Irlanda è verde, è accoglienza, è semplicità, leggende e tradizioni. Tra costiere, isole e castelli, qui si può trovare un elenco delle meraviglie naturali d’Irlanda.
Ricetta

Ciceri e Tria, la ricetta originale salentina da rifare a casa

Ricetta originale salentina: Ciceria e Tria, ha una storia antichissima ed è conosciuta principalmente in Puglia e nel sud Italia. Qui trovi tutti i consigli e le indicazioni per realizzarla anche a casa, dopo la vacanza.
Ricetta

Ricetta sarda della zuppa gallurese

La ricetta della zuppa gallurese, ricetta sarda per chi ama la Sardegna e i viaggi tra spiagge e nuraghi ma anche la cucina. Non solo vacanza quindi, ma anche tutte le istruzioni per riprodurre queste ricette a casa.
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.