Come viaggiare di più spendendo di meno

Copertina
Destinazioni

I luoghi iconici de “Il Signore degli Anelli” in Nuova Zelanda

4 minuti di lettura
Siete curiosi di sapere quali sono i luoghi più iconici della saga più famosa del mondo? Continuate a leggere!

Questo articolo è stato aggiornato il Maggio 30, 2022

Scritto tra il 1937 e il 1949, Il Signore degli Anelli è considerato un classico senza tempo, uno dei libri di genere fantasy meglio scritti al mondo. L’autore, J.R.R. Tolkien, professore di filologia germanica alla National University of Ireland, nato in Sudafrica e vissuto in Inghilterra, è una figura molto importante tutt’oggi nel mondo della scrittura fantasy e della linguistica inglese. Egli ha scritto molti testi, saggi, romanzi, ma l’opera senza dubbio più letta e venduta (oltre 150 milioni di copie tradotte in 38 lingue) è The Lord of the Rings, la trilogia fantasy costituita da La compagnia dell’Anello, Le due Torri e Il ritorno del Re. Ragazzi e ragazze di tutto le età leggono questa immensa opera letteraria e immaginano che esista veramente quel mondo, quei luoghi, quei personaggi.

Chi al mondo non ha mai pensato almeno una volta alla possibilità di esistenza di elfi, hobbit e orchi? Certo, magari non è propriamente possibile svegliarsi tutto ad un tratto e ritrovarsi a Gran Burrone o ad Hobbiton, ma sicuramente nel mondo reale esistono dei luoghi che hanno sia ispirato l’autore per la stesura dell’opera sia il ben noto regista, Peter Jackson, per la realizzazione dei tre film. Siete curiosi di sapere quali sono i luoghi più iconici della saga più famosa del mondo? Continuate a leggere!

Il signore degli anelli: trama

Impossibile riassumere in poche righe l’enormità della trama di questa trilogia. Pur avendo sacrificato alcuni passaggi del libro, Peter Jackson ha voluto omaggiare l’opera di Tolkien nella maniera più fedele possibile, anche a costo di arrivare ad una durata decisamente considerevole. Non a caso la durata della trilogia (versione estesa) è di ben 726 minuti, pari a circa 12 ore.

In poche parole, la storia narra la missione di nove compagni, la ben nota “Compagnia dell’Anello”, divisi tra elfi, uomini, hobbit e nani. Essi partono per distruggere il più potente Anello del Potere, un’arma che renderebbe invincibile il suo creatore Sauron se tornasse nelle sue mani, dandogli il potere di dominare tutta la Terra di Mezzo. Così, i nove compagni partono insieme da Gran Burrone fino al Monte Fato.

Pochissime parole se si considerano le 1200 pagine, no? Proprio per questo motivo, alla base di questo articolo c’è il consiglio di leggere la trilogia!

La Compagnia dell'anello

Foto di: Sentieri Tolkieniani

La location principale: Nuova Zelanda

Chiunque sa che la location che è stata utilizzata per l’ambientazione e le riprese è la bellissima Nuova Zelanda. Lo stesso Elijah Wood, l’attore che interpreta il protagonista Frodo Baggins, ha in passato affermato:

Credo proprio che non ci sia altro posto in cui avremmo potuto girare questo film senza dover viaggiare in tutto il mondo.

Infatti, la Nuova Zelanda è dimora di moltissimi paesaggi geografici diversi: montagne, boschi, paludi, zone desertiche, colline ondulate e mare. In pratica, tutto ciò che è descritto ne Il signore degli Anelli.

Orlando Bloom, che interpreta l’elfo Legolas, aggiunge:

La Nuova Zelanda è in tutto e per tutto il paese di Tolkien!

Per un intero anno prima di cominciare le riprese, Peter Jackson percorse da un capo all’altro l’Isola Settentrionale e l’Isola Meridionale, scegliendo le settanta località – dalla densa foresta di vegetazione lussureggiante agli imponenti vulcani – nelle quali ambientare la trilogia. Di tanto in tanto il regista si accorgeva di poter filmare dietro l’angolo di casa: la sequenza in cui gli hobbit si nascondono al sinistro Cavaliere Nero fu girata nei boschi che ricoprono le pendici scoscese del Monte Victoria a Wellington, la città natale di Peter Jackson.

Molte località erano a ragionevole distanza da Wellington, ma parecchie si trovavano in aree protette, sicché fu necessario procurarsi l’autorizzazione prima di potervi accedere con la troupe e l’attrezzatura. Alcuni luoghi importanti, per esempio i fianchi ghiacciati della montagna dove Frodo quasi perde l’Anello nella neve, erano irraggiungibili per via di terra, e si dovette ricorrere agli elicotteri per trasportarvi gli attori e i tecnici.

Il Signore degli Anelli è la storia di un viaggio che conduce i personaggi in molti luoghi, in città grandi e piccole abitate dagli uomini, negli antichi regni degli elfi e dei nani e, da ultimo, nella terribile terra di Mordor, la roccaforte di Sauron, e sono tutti essenziali alla trama.

Hobbitville

Hobbit

Matamata – Hobbiton

Come prima cosa sicuramente se volete rivivere un po’ l’emozione di essere nella città degli hobbit non potete non vistare il set dove è stato girato il film nella sua parte dedicata proprio alla casa di Frodo e dello zio. Si può visitare tramite un tour guidato che è costoso, ma assolutamente molto obbligatorio per chi è appassionato della saga. Il set si trova a Matamata. Per qualsiasi informazione, lasciamo il link ufficiale.

Tongariro National Park – Strada verso Mordor

La natura in Nuova Zelanda è talmente bella che non avrebbe bisogno di molte spiegazioni. E questa location scelta per girare le scene di Mordor ne è la prova. Un paesaggio affascinante e pauroso. Nel parco sono state girate anche le scene in cui Sam e Frodo vengono catturati, dove Smeagol (alias Gollum) cattura il pesce e anche la roccia dove viene tagliato il dito di Sauron. Il Monte Ruapheu è però il cuore pulsante delle location che raccontano Mordor. Per qualsiasi informazione, lasciamo il link ufficiale.

Tongariro National Park

Port Waikato – Collevento

Poco lontano da Auckland potete trovare quella che, in parte, è stata la location delle scene di Collevento. Dovrete lasciarvi alle spalle tutta la parte di abitazioni e quando proseguirete verso sud troverete il paesaggio naturalistico che avete visto nel film.

Harcourt Park – I giardini di Isengard

Se per qualche motivo siete affascinati dalla storia di Saruman con i suoi giardini di Isengard questa è la location che fa per voi! Un misto tra ansia, mistero e brividi lungo la schiena.

Putangirua Pinnacles – Sentiero dei Morti

Per sentirvi invece come Legolas, Aragorn e Gimli lungo il Sentiero dei Morti è il momento di visitare questa location. Spaventosa ma adrenalinica a mille. Merita di essere scoperta senza alcun dubbio.

Waiau River – Fiume Anduin

In ultimo, venite a scoprire questo bellissimo fiume che, nella trilogia, è diventato il fiume Anduin.

waiau river in the forest, southland, new zealand

Questa è solo una piccola selezione dei luoghi principali neozelandesi che hanno fatto da ambientazione principale per i luoghi della trilogia tolkieniana. Un tour all’insegna del fantasy che vi porterà direttamente catapultati nella Terra di Mezzo.

Questo è un viaggio dedicato e destinato a chi, durante la lettura della primissima pagina, non è riuscito a fermarsi, a distaccare gli occhi ed ha continuato a sfogliare il libro fino ad arrivare alla fine. Il mondo de Il Signore degli Anelli esiste, anche se lontano migliaia di chilometri!

Ricordate: nessun luogo è mai troppo lontano da casa e, come dice la ben nota canzone di Pipino Tuc, “casa è alle spalle, il mondo avanti”.

41 articoli

Informazioni sull'autore
Asia è una viaggiatrice classe '96. Amante di scrittura e studiosa di lingue, non ama stare ferma. Romagnola d'origine e veneziana di formazione, ha vissuto anche in Irlanda. Le piacciono i viaggi di ogni tipo e ama definirsi "cittadina del mondo”.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Come Muoversi

Perchè scegliere un viaggio on the road

Il viaggio on the road è uno di quei tipi di itinerari che bisognerebbe fare almeno una volta nella vita, poiché permette a chi lo fa di non saltare neanche una tappa e di scoprire ogni singolo angolo di un tour. In questo articolo andremo ad elencare le ragioni per le quali è meglio scegliere un viaggio on the road.
Destinazioni

Dove trovare i templi greci in Italia

Templi greci ne sono rimasti pochi, nel sud d’Italia. Le Valli di Agrigento e Paestum sono le più conosciute a livello internazionale, ma non sono le uniche. Venite a scoprire dove trovare i resti dei templi greci in Italia.
Destinazioni

Zaino o trolley con quale dei due è meglio viaggiare

Se stai organizzando un viaggio e non sai con cosa partire tra lo zaino e il trolley, hai trovato l’articolo giusto per te. Infatti in base al tipo di esperienza che andrai a fare, tra un viaggio in macchina, a piedi ma anche tra un volo per una meta europea o un viaggio intercontinentale, capiremo con cosa è meglio partire.
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×
Destinazioni

Le mete calde più adatte per viaggiare nei mesi invernali