Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Frontino, piccolo borgo medievale nel Montefeltro

1 minuti di lettura

frontino

E’ una stata un’estate fitta di escursioni, e nel girovagare tra le valli appenniniche in mezzo alle Marche e la Romagna abbiamo fatto una piccola sosta a Frontino, delizioso paesino marchigiano a pochi chilometri da Carpegna.

E’ un vero e proprio borgo medievale, come ce ne sono tanti è vero, ma questo mi ha sempre colpito nel suo stare aggrappato su un cucuzzolo di montagna e per accedervi è necessario fare una breve salita che parte dalla strada che collega Carpegna a Pian di Meleto. Camminare tra i suoi vicoli, durante il primo pomeriggio estivo, da una sensazione di solitudine, ma è solo un’impressione. Nella nostra breve permanenza non sono mancati infatti tanti cicloturisti, tutti stranieri.

E’ infatti una meta nascosta ma alla fine conosciuta da un certo tipo di turisti, una piccola chicca dei nostri Appennini. Emozionante la torre dell’orologio sommersa di rampicanti che cambiano anche loro con il susseguirsi delle stagioni. C’è un albergo nel centro del paese, la Rocca dei Malatesta che non ho ancora avuto modo di provare, ma non è detto che non lo faccia a breve per osservare il Montefeltro in inverno. Infatti partendo da Rimini in meno di 45 minuti si arriva a destinazione.

Per chi volesse soggiornare nella tranquillità di questo borgo nella stagione estiva sappia che è ottimo punto di partenza per escursioni giornaliere verso Urbino o la repubblica di San Marino. Se volete poi degustare qualcosa di tipico le soluzioni non mancano, infatti il paesino si visita in una mezza giornata e se si volesse cercare qualcosa di interessante da mangiare vi consiglio l’Hostaria di San Girolamo a fianco dell’omonimo convento, a due chilometri neanche dal centro e di fronte al paese di Frontino. Impossibile sbagliarsi ed impossibile dimenticare una escursione del genere.

[vlcmap]

149 articoli

Informazioni sull'autore
Nelle sue vene scorre anche sangue finlandese, pertanto quando si muove all’estero é come se fosse a casa sua. Riminese, ama profondamente il suo territorio e specialmente il suo entroterra. Appassionato di enogastronomia, é sempre alla ricerca di un evento, una sagra, un ristorante, un vino da poter raccontare. Dopo la laurea Inizia a scrivere come collaboratore di redazione per alcune testate giornalistiche. Oggi é un freelance.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Tortionata di Lodi, la ricetta del dolce di mandorle

La Tortionata è la torta della città di Lodi, famosa in tutta la Provincia con una storia antichissima e un nome curioso. Leggi come preparare la torta e come gustarla, inoltre dove trovarla a Lodi e in Lombardia.
Destinazioni

Cosa vedere a Saturnia oltre ai centri termali

Sei alla ricerca di attività insolite da fare a Saturnia oltre ai classici centri termali? In questo articolo troverai tutte le informazioni che cerchi per rendere il tuo soggiorno in questo splendido borgo unico e suggestivo. Partiremo dalle attività più comuni ma anche imperdibili, fino a quelle più insolite e di nicchia.
Ricetta

Carciofo alla giudia, ricetta e storia del piatto

La ricetta ufficiale per assaporare il carciofo alla giudia, storico piatto romano che nasce nel quartiere ebraico della Capitale. Il consiglio è quello di fare una gita a Roma dove degustare anche questo piatto e poi riprodurlo con questa ricetta a casa.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.