Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Bosa, cosa vedere in Sardegna, non solo spiagge

3 minuti di lettura
Cosa vedere a Bosa, in Sardegna, da Bosa Marina fino ai paesini che si trovano nei dintorni della città sarda, ecco un post per capire cosa fare in vacanza in Sardegna.

Bosa si trova sulla costa ovest della Sardegna, forse la meno conosciuta e la più selvaggia, ma non per questo meno bella. Più precisamente a nord-ovest ad un’ora e mezza circa dall’aeroporto di Alghero.

bosa-spiagge

Attraversando in auto questa zona la varietà di paesaggi che si incontra è incredibile. Passando dalla strada costiera (SP105 e SP49) in alcuni tratti non sembra neanche che il mare sia così vicino, le strade sono strette e tortuose e si è circondati da alte montagne rocciose. Mentre arrivando dalla E25 la strada è più rettilinea ma anche più lunga. Qui si passa attraverso altopiani e le verdeggianti vallate della Planargia, zona intorno a Bosa rinomata per l’enogastronomia e per la produzione di vino.

bosa

Un altro buon motivo per visitare questa zona stupenda è la Guida Blu 2016, realizzata da Legambiente e Touring Club Italiano, che ha incluso Bosa tra le 19 località top in Italia ottenendo le 5 vele. Enogastronomia, cultura, arte e tradizioni, ma anche mare e natura selvaggia. Ecco tutti gli ingredienti per una splendida vacanza nei dintorni di Bosa.

Il borgo di Bosa

Bosa ha conservato le caratteristiche del borgo medioevale ed è racchiusa tra il castello Malaspina a monte e il fiume Temo a valle. La zona più antica, Sa Costa, è situata sulle pendici del colle ed è caratterizzata da alte case dai colori pastello e dalle sue strette e ripide stradine. La zona più moderna è invece più a valle e arriva fino alla costa e alla località balneare di Bosa Marina.

bosa-citta

Bosa Marina

Prendendo il Nuovo Ponte sul fiume Temo si raggiunge Bosa Marina da cui non passa di certo inosservata la Torre del porto, detta anche Torre dell’Isola Rossa: è la più importante torre aragonese della zona.

Ovviamente Bosa Marina attrae anche per la sua ampia e lunga spiaggia dalla sabbia dorata. Il mare è adatto alle famiglie perché non è subito profondo ed è molto tranquillo. Per chi cerca il comfort e il totale relax è il posto giusto. La spiaggia è attrezzata con lettini e ombrelloni ed altri servizi; non mancano bar, pizzerie, ristoranti e negozietti tipici.

bosa-Cane Malu

Piscina naturale di Cane Malu

Qui non ci sono stata personalmente, però ho visto alcune foto su internet e mi sono semplicemente innamorata. E’ una piscina naturale scavata dalla natura nella trachite bianca. Alla prima occasione possibile vorrei andare a vederla con i miei occhi, così nel frattempo mi sono informata ed ecco come arrivare. Bisogna parcheggiare alla fine della nautica (sulla strada Sas Covas) e poi proseguire a piedi per il sentiero basso sulla costa per circa 15-20 minuti.

Spiaggia Compoltitu

Questa spiaggia è un po’ nascosta e bisogna fare anche un po’ di fatica per raggiungerla, ma tutto sarà ripagato nel momento in cui la vedrete davanti. Si trova a circa 5 km da Bosa (dopo S’Abba Druche) sulla strada litoranea per Alghero. Dal parcheggio lungo la strada si scende a piedi verso la costa, seguendo un sentiero nella macchia mediterranea per 10-15 minuti. La piccola caletta è racchiusa dalla scogliera e quindi è riparata dal vento. L’arenile ha sabbia bianca ed è circondata da scogli piatti. Il mare è cristallino e trasparente, ideale per lo snorkeling. E’ necessario portare tutto ciò che serve perché qui non ci sono servizi.

bosa-strada-malvasia

Strada della Malvasia

La Malvasia è il vino più pregiato prodotto nella zona attorno a Bosa che ha meritato il marchio DOC. Proprio da Bosa parte un itinerario dedicato e raggiunge gli altri paesi limitrofi produttori di questo vino (Magomadas, Modolo, Flussio, Tinnura e Suni). La strada della Malvasia è un itinerario alla scoperta del territorio, delle aziende vinicole, delle cantine e dei vigneti aperti al pubblico. Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito.

I murales di Tinnura

Ad appena 10 km da Bosa c’è un paesino davvero imperdibile: Tinnura. Io sono passata da lì per caso, a causa di un intoppo durante il tragitto. Sono tuttora felice per quella strada bloccata, perché mi ha permesso di visitare questo gioiellino sperduto nella campagna della Planargia. La maggioranza delle case è dipinta interamente con murales raffiguranti principalmente antichi mestieri e scene di vita quotidiana. Sono veramente delle opere d’arte.

bosa-tinnura

S. Caterina di Pittinuri, S’archittu e Torre del Pozzo

Questi tre paesini si trovano uno di seguito all’altro ad una quarantina di minuti da Bosa in direzione sud (seguire le indicazioni per Cuglieri). Sono piccoli paesini dalle case colorate dove si respira tranquillità, anche perché sono un po’ fuori dal turismo di massa anche in agosto. Ogni paese è proprio di fronte a pittoresche baie protette da imponenti scogliere calcaree dal colore bianco. Il mare è molto tranquillo e il fondale è basso, rendendolo adatto alle famiglie.

Santa Caterina di Pittinuri: la spiaggia sorge proprio davanti al centro abitato all’interno di una insenatura naturale tra Punta Cagaragas e il promontorio della torre Pittinuri. Le pareti rocciose ai lati della baia creano delle grotte e piccoli anfratti molto suggestivi.

bosa-pittinuri

S’Archittu: procedendo verso sud ad appena un Km si trova S’Archittu: il nome è dato da un piccolo arco naturale alto 15 metri che si è formato dall’azione marina ed atmosferica. La scogliera calcarea dal colore bianco è la protagonista assoluta. Vicino all’arco c’è una piccola spiaggetta facilmente accessibile.

Torre del Pozzo: è il piccolo centro abitato che si incontra dopo S’Archittu. Dal nome si evince la presenza di una torre che è proprio sul promontorio di fronte al paese: da qui si ha una bellissima panoramica sulla baia. Ci sono due spiagge, una per entrambi i lati della torre e si raggiungono con una breve discesa.

14 articoli

Informazioni sull'autore
L'anno di studio in Germania ha rafforzato la sua anima vagabonda e la sua voglia di conoscere culture e paesi nuovi. Il suo sogno nel cassetto, la Polinesia. Chissà se riuscirà ad andarci prima o poi. Nel frattempo ci sono tanti altri posti da esplorare: la voglia di viaggiare non le manca mai!
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
News

Come viaggiare alle Canarie in tempo di Covid

Le Canarie in tempo di Covid si possono raggiungere con un biglietto aereo, un tampone negativo (no test rapido), effettuato 72 ore prima e la compilazione di un modulo richiesta dal Paese spagnolo: e la vacanza è servita!
News

L'Islanda se hai già avuto il Covid, è free

Islanda, se hai avuto il Covid e sei guarito, è free. Tutte le informazioni dettagliate in questo articolo per entrare in Islanda come normale turista. Se non hai avuto il Covid, con tampone doppio e quarantena, se hai avuto il Covid e sei guarito con certificazione e tampone.
Destinazioni

Il Museo dell'Alto Medioevo all'EUR

Il Museo dell’Alto Medioevo dell’Eur di Roma è un museo che vale la pena di visitare e in cui non troverete mai troppe persone. Qui si trova anche la Domus di Porta Marina trovata a Ostia nel 1949.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!