Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

#AlbeinMalga 2014 in Trentino, nella Valle di Ledro

3 minuti di lettura
Il racconto del primo giorno di Albe in Malga 2014 in Trentino, nella Valle di Ledro. Un'esperienza a contatto con la natura per due giorni di relax e divertimento.

Anche quest’anno abbiamo partecipato alla nuova edizione di #AlbeinMalga, un progetto di valorizzazione turistica della regione Trentino che vede coinvolte una quindicina di malghe del suo territorio e che per un giorno aprono le porte delle loro stalle e caseifici ai turisti.


valle-di-ledro

Le previsioni meteo non erano delle migliori ed arrivando nella Valle di Ledro, la nostra meta, ne abbiamo avuto immediata conferma. Arrivati a Bezzecca, siamo comunque saliti in auto fino a Malga Trat e di lì, a piedi, abbiamo raggiunto il rifugio Nino Pernici.

La sorte ha voluto che smettesse di piovere per un momento proprio al nostro arrivo al rifugio. Col diradarsi delle nuvole ci è stato così possibile ammirare le montagne circostanti e le valli ai nostri piedi. Era possibile, addirittura, vedere una piccola porzione del lago di Garda.

mangiare-in-rifugio

Riva del Garda è a pochi chilometri dalla Valle di Ledro e non a caso la zona è definita come Alto Garda. Fatte le presentazioni e bevuta qualche birra assieme ai giovani gestori del rifugio prendiamo possesso della nostra camerata. La prima cosa che notiamo è che gli interni odorano di legno fresco, ed infatti ci informano che il rifugio è stato appena ristrutturato e gli elettricisti se ne erano andati da neanche un’ora.

Dopo aver guardato le tante foto incorniciate ed osservato i numerosi reperti della Grande Guerra appesi qua e la per il salone è arrivato il momento di metterci tutti a tavola. All’interno del rifugio è possibile infatti assaporare l’ottima cucina trentina ed è così che in un’attimo troviamo la nostra tavola imbandita di salumi e formaggi tipici, la famosa polenta di patate della Valle di Ledro, poi crauti, goulash e vino trentino. Immancabili a fine pasto le grappe, tutte rigorosamente fatte in casa.

cena-tipica-malga

Naturalmente dopo cena cosa vuoi fare se non stare a fianco della stufa accesa e chiacchierare con un bicchier di grappa in mano? E così facciamo fino a quando non è arrivato il momento di andare a letto anche perché la sveglia è puntata alle 4.30. All’alba siamo già tutti in piedi e grazie al pickup di Marco, il gestore del rifugio, raggiungiamo Malga Trat. Stefania, la guida che ci accompagnava era molto preoccupata che i turisti prenotati non si sarebbero presentati visto il tempo da lupi. Ed invece quasi trenta persone, nonostante la pioggia battente, hanno partecipato alla fase della mungitura, al momento del trasferimento del latte nel vicino caseificio fino alla colazione. Un successo. La cosa che più ci ha stupito è stato incontrare dei giovanissimi che gestiscono le attività della malga assieme alla famiglia. Stefania. 21 anni, nelle stalle segue la mungitura assieme al fratello più piccolo Gabriele, 7 anni. Matteo, 18 anni, si occupa invece con sapienza del caseificio.

mucca-trentino

Alle 10 ci incamminiamo di nuovo verso il rifugio Pernici e dopo aver messo i panni bagnati ad asciugare decidiamo di rispettare il programma del blogtour nonostante la pioggia. Ed è così che ci incamminiamo lungo i sentieri che portano lungo alcune trincee della Grande Guerra. Quello che colpisce non è solo una natura splendida ed un panorama mozzafiato, ma è anche l’architettura dei piccoli bunker militari scavati letteralmente nella roccia. Lungo le creste delle montagne che ci circondano se ne trovano a centinaia e gli appassionati del trekking storico a mio avviso devono fare un salto in queste zone. Ritornati al rifugio il tempo ci concede una tregua e torniamo a tavola. Questa volta ci concediamo giusto un piatto di Strangolapreti, piatto tipico davvero delizioso di grandi gnocchi con pane raffermo fatto riposare nel latte, poi spinaci, uova, Trentin grana e saltato nel burro.

canederli-trentino

Nel pomeriggio ci trasferiamo a Lenzumo, in vallata, per prender possesso della nuova sistemazione, ovvero il Garnì dal Mozàt,  una struttura ricettiva totalmente nuova e costruita interamente in legno, con camere ampie e comode. La giornata la concludiamo a cena presso la locanda Tre Oche, un albergo che svolge anche attività di ristorante in località Molina di Ledro. Qui devo ammettere che abbiamo toccato il massimo dal punto di vista gastronomico con una cena a base di pesce di lago. Ci siamo letteralmente fidati dell’oste, un campano che si è trasferito in valle nel lontano ’75 ed ha sposato una valligiana. Insalata di salmerino, poi ravioli ripieni di lavarello con pomodoro pachino e pesto di rucola, poi persico saltato ed impanato con le verdure, il tutto accompagnato da una bottiglia di Nosiola, una vino bianco Trentino ottimo. La cena si conclude poi con un dolce, lo gnocco boemo, una delizia della Valle di Ledro.

149 articoli

Informazioni sull'autore
Nelle sue vene scorre anche sangue finlandese, pertanto quando si muove all’estero é come se fosse a casa sua. Riminese, ama profondamente il suo territorio e specialmente il suo entroterra. Appassionato di enogastronomia, é sempre alla ricerca di un evento, una sagra, un ristorante, un vino da poter raccontare. Dopo la laurea Inizia a scrivere come collaboratore di redazione per alcune testate giornalistiche. Oggi é un freelance.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Dove vedere i fenicotteri a Comacchio

Se non hai la possibilità di andare all’estero ma vuoi comunque vedere i fenicotteri, a Comacchio potrai vivere questa bellissima esperienza. Attraverso diversi tour infatti potrai vederli in totale libertà e goderti una giornata in questa splendida zona dell’emilia romagna.
Ricetta

Pissaladière, ricetta della Costa Azzurra arrivata in Liguria

Pissaladière, un piatto del sud della Francia arrivato anche in Liguria. Qui la ricetta con olive e capperi, ma qui anche il metodo di preparazione per un pasto che ricorda un viaggio in Francia o in Liguria!
Dove Mangiare

Guida ai migliori street food di Palermo

Arancina, stigghiola, frittola, panino ca’ meusa, panelle e crocchè. Chi più ne ha più ne metta. Non basterebbe un trattato per elencare tutte le pietanze tipiche della cucina siciliana. Una cosa che probabilmente rende Palermo unica nel suo genere sono gli street food, nei quali è possibile consumare la propria merenda in piedi, in mezzo alla strada e agli odori tipici del capoluogo siciliano.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.