Los Angeles Las Vegas in auto: consigli e tappe da non perdere

In auto da Los Angeles a Las Vegas: informazioni utili e tappe

In auto da Los Angeles a Las Vegas: informazioni utili e tappe

Ecco come pianificare il vostro piccolo on the road da Los Angeles a Las Vegas, le tappe migliori tra visite culturali, paesaggi e shopping. Viaggio adatto per chi sogna le grandi autostrade americane!

di , | Come Muoversi

Booking.com

Come organizzare il vostro on the road da Los Angeles a Las Vegas?

265 miglia (circa 426 km) separano Los Angeles da Las Vegas. Un viaggio in auto di poco più di 4 ore attraverso i paesaggi californiani e il deserto del Nevada, costeggiando anche il deserto del Mojave.

Los Angeles – Las Vegas: un piccolo on the road

Com’è affrontare questo piccolo on the road? Senz’altro faticoso, ma se si programma qualche sosta lungo la strada, decisamente divertente e fattibile. Prima di parlare di cosa vedere lungo la strada vorrei soffermarmi su alcuni aspetti più tecnici riguardo il percorso.

Consigli tecnici

Noi abbiamo noleggiato un’auto all’aeroporto di Los Angeles che ci permettesse di girare in autonomia la città e soggiornare al di fuori di Downtown, per la precisione a Venice Beach. Ovviamente sta a voi decidere, in base al vostro budget e al vostro gusto personale, quale modello preferiate. A noi è capitata una Nissan Sentra: nuova di zecca molto confortevole e comoda sia da guidare che da vivere come passeggero. Il cambio ovviamente sarà automatico, è molto difficile trovare auto con cambio manuale negli Stati Uniti. Se sarà la vostra prima volta non preoccupatevi, non c’è nulla di più semplice da guidare! Informatevi prima della partenza o chiedete qualche istruzione direttamente all’autonoleggio.

Come organizzarsi

Il nostro viaggio si è svolto a fine ottobre, le temperature erano sì calde ma non eccessivamente, con punte massime di 35 gradi lungo il percorso. Ciò nonostante siamo partiti con una scorta di acqua e qualche snack. Il mio consiglio è di fare lo stesso, ma se per un motivo o per l’altro non riuscite a fare provviste prima della partenza, non preoccupatevi, lungo il percorso ci sono piccole cittadine e pompe di benzina provviste di rivendite. Se il vostro viaggio si terrà in estate, prestate attenzione a non surriscaldare l’auto nei punti in cui si sale di altitudine.

Capitolo benzina: ovviamente non ritrovatevi nella situazione di doverla fare urgentemente lungo il percorso, vi consiglio di fare un bel pieno prima di partire. Per noi è stato sufficiente per arrivare a Las Vegas senza dover fare ulteriori rifornimenti, ma questo ovviamente dipende dall’auto. Sebbene si trovino delle cittadine, alcuni punti sono più desertici per molte miglia, pertanto fate rifornimento non appena possibile.
Ammetto che prima di partire non ho trovato molte informazioni sul percorso, quando siamo partiti avevo un po’ di timore e l’immaginazione galoppava verso strade deserte e il nulla assoluto del paesaggio. Non sono mai stata più felice di sbagliarmi.

L’autostrada Los Angeles Las Vegas, cosa aspettarsi

L’autostrada è sostanzialmente un rettilineo infinito a due corsie per senso di marcia che attraversa degli splendidi paesaggi, dall’orizzonte piatto del deserto fino a piccole catene montuose brulle da attraversare. C’è un solo passaggio di circa 16 miglia che troverete a 1 ora di distanza da Las Vegas con una discesa abbastanza importante, ma nulla di preoccupante, basta prestare la solita attenzione.
Come anticipato, lungo il percorso ci sono cittadine con negozi e ristoranti e la strada è trafficata, quindi non preoccupatevi, non vi ritroverete da soli in nessun tratto.

Se non avete accesso ad internet, assicuratevi di scaricarvi offline le mappe di Google Maps prima della partenza, come abbiamo fatto noi. Non avrete i dettagli aggiornati sulla situazione del traffico ma le indicazioni sono precise anche se volete fare qualche breve sosta o deviazione lungo il percorso.

Noi siamo partiti nel primo pomeriggio da Los Angeles poiché volevamo goderci la serata a zonzo tra i pazzi casinò di Las Vegas e abbiamo fatto una sosta per sgranchirci le gambe e una boccata d’aria a metà percorso, scegliendo di fermarci l’indomani lungo la strada del ritorno. Sta ovviamente a voi decidere come organizzarvi in base al vostro itinerario e il tempo a disposizione. Ultima cosa: non ci sono pedaggi da pagare poiché l’autostrada è gratuita.

Dove fare sosta

1. Seven Magic Mountains

La prima sosta è stata a 20 minuti da Las Vegas: Le Seven Magic Mountains. Un’opera artistica moderna nel mezzo del deserto. Incredibilmente astratta e interessante. Si tratta di 7 costruzioni costitute da blocchi di pietra coloratissimi che svettano contro il paesaggio quasi monocromatico e il cielo di un blu intenso.

Un luogo davvero molto pittoresco dove l’artista Ugo Rondinone ha voluto questa installazione artistica così pop, una critica di luoghi come Las Vegas, un mix di natura e artificiosità. La sosta non vi porterà via più di mezz’ora, tempo di fare un giro e qualche foto in mezzo alle coloratissime torri giganti.

2. Calico Ghost Town

La seconda e la terza sosta sono vicine tra loro, circa a metà strada tra le due metropoli. Per prima, arrivando da Las Vegas, si incontra la Ghost Town di Calico.

Un tempo sede di una cittadina costruita dai minatori di argento a fine 1800, è stata in seguito abbandonata a causa del crollo del prezzo dell’argento. Alla sua fondazione contava 100 abitanti, per raggiungere 1200 abitanti all’apice della sua grandezza.
Calico è stata recuperata e restaurata per renderla un interessante luogo turistico negli anni ’50.

Gli edifici sono in parte originali e in parte restaurati, la sensazione che si ha durante la visita è di entrare quasi sul set di un film, a metà tra un western e un horror. In particolare se la visitate a ridosso di Halloween quando è tutta decorata per l’occasione.

Cosa vedere a Calico

Si possono visitare molti edifici, tra i quali Lucy Lane Museum, casa di una delle più conosciute cittadine di Calico. Interessante oltre che per alcuni mobili originali dell’epoca e la struttura stessa della casa, anche per fotografie originali degli abitanti e delle attività che si svolgevano in città. Leggermente all’esterno della cittadina rispetto agli altri edifici, si trova la vecchia scuola. All’interno si trovano ancora la lavagna e i banchi.

Il negozio del barbiere, la prigione, oltre ad altri edifici che oggi contengono piccoli negozi, saloon o ristoranti meritano una visita anche se forse i luoghi più interessanti sono Maggie Mine, l’unica miniera visitabile e il giro sul trenino Calico Odessa Railroad con 10 minuti di curiosità e una splendida vista sul paesaggio circostante.

L’ingresso a Calico è abbastanza low cost e alcune attrazioni prevedono un biglietto a parte come Maggie Mine e il giro in trenino. Si può acquistare un pass che include Maggie Mine, Gold Panning e Mystery Shack e che permette oltre alla visita della miniera di vivere un’esperienza di ricerca dell’oro e di alcuni misteri naturali. Sono necessarie un paio d’ore per la visita completa della cittadina.

3. Designer Outlet Barstow

La terza e ultima tappa, la più frivola, è all’insegna dello shopping al Designer Outlet di Barstow. Qui è possibile acquistare alcuni dei marchi americani più famosi a prezzi a dir poco vantaggiosi tra i quali potrete trovare Nike, Michael Kors, Calvin Klein e molti altri. L’outlet è a 20 minuti di distanza circa dalla città fantasma di Calico. Non si tratta di un outlet grandissimo con molti negozi, ma è senz’altro una sosta interessante per tutti gli shopping addicted soprattutto perché le varie insegne sono davvero ben rifornite con un vasto assortimento e come già detto i prezzi dei prodotti sono incredibilmente scontati rispetto ai normali negozi.

Booking.com

© 2018 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mini guida

New York, la mini guida della prima volta, prima parte

Viaggio a New York cosa vedere in 7 giorni

Il mio viaggio a New York è stato un sogno. Era da quando ero piccola che desideravo vedere la città di New York e quando mi hanno regalato i...