GoOpti, perché utilizzare un transfert per l'aeroporto - Viaggi Low Cost

GoOpti, perché utilizzare un transfert per l’aeroporto

GoOpti, perché utilizzare un transfert per l’aeroporto

Transfert per l'aeroporto da casa o transfert dalla stazione all'aeroporto o al centro città. La mia esperienza con GoOpti per i viaggi con la famiglia, la recensione per i transfert verso l'aeroporto da dividere anche con gli amici o per viaggiare da soli e risparmiare.

di , | Come Muoversi

Booking.com

Nei miei ultimi due viaggi, ho dovuto affrontare alcuni problemi logistici di trasferta per l’aeroporto. Niente di grave, ma gli orari degli aerei erano difficili da gestire con un bambino di 3 anni e le valigie e i passeggini sempre troppi. Così ho deciso di affidarmi a GoOpti per riuscire a gestire tutto.

Perché, cosa c’è da gestire durante un viaggio? Eh, diverse cose, soprattutto se hai un figlio e devi portarti dietro almeno una valigia e un passeggino. Ma soprattutto se gli orari delle compagnie aeree non sono sempre felici, incidendo pesantemente sull’orario di partenza da casa tua che non è vicinissima all’aeroporto.

GoOpti mi ha dato la possibilità innanzitutto di non prendere l’auto, risolvendo così la questione guida di notte o con il buio, ma anche ricerca o prenotazione del parcheggio e guida quando si è stanchi morti al ritorno di un viaggio. Inoltre, il transfert mi è sembrato comodissimo per una ragione precisa, ho potuto prestare la massima attenzione a mio figlio durante tutto il viaggio. Questo cosa vuol dire? Che anche partendo alle 4 di mattina da casa, sono riuscita ad essere presente, senza il problema della guida, a stare con lui, a giocare, a vivere insieme l’attesa della partenza e dell’arrivo in aeroporto, senza dover cercare la strada o guardare il navigatore.

I transfert GoOpti sono di due tipi, quelli privati e quelli condivisi. In entrambe le situazioni ho preso un transfert privato, perché eravamo in tre con diverse cose da portarsi dietro. Immagino che una persona che viaggia da sola possa tranquillamente prendere un transfert condiviso risparmiando sì, ma anche godendosi la comodità di un viaggio in van.

Come funziona concretamente il viaggio con il transfert GoOpri?
Innanzitutto la prenotazione. Appena effettuata la prenotazione, inserendo luogo di partenza, di arrivo (ed eventuale ritorno) per i giorni indicati e le persone, si riceve una mail con la conferma del transfert.

Il giorno prima della partenza, nel mio caso per l’aeroporto, arriva un messaggio per mail e anche per sms. Il messaggio comunica precisamente sia l’orario di ritrovo e il punto di ritrovo (nel mio caso avevo messo casa mia), sia il numero di telefono e il nome del guidatore. In questo caso, nella malaugurata ipotesi di un ritardo, entrambi, guidatore e ospite, possono comunicare per telefono. Durante il mio primo viaggio mi è capitato di svegliarmi tardi rispetto all’orario di sveglia che avevo impostato il giorno prima. Insomma, ho iniziato a vestirmi velocemente e il mio accompagnatore GoOpti mi ha telefonato per sapere se era all’indirizzo giusto. Uno scrupolo in più avere entrambi il numero di telefono che può sempre servire.

Il transfert arriva direttamente all’aeroporto, davanti all’ingresso e viene a riprendervi all’uscita. All’uscita, oltre al messaggio il giorno precedente l’incontro come per l’andata, è possibile che riceviate una chiamata o un ulteriore sms del guidatore che vi avverte di essere arrivato e vi indica il punto di incontro per il ritorno a casa.

I transfert che ho provato io erano entrambi due van, pulitissimi e accessoriati. Caramelle, aria condizionata e musica soffusa e per mio figlio anche il seggiolino in base al suo peso. Un servizio super efficiente che mi è piaciuto provare e che consiglio per un trasferimento in aeroporto o in stazione per la famiglia o gli amici, ma anche per chi viaggia da solo, vuole stare comodo e spendere meno condividendo il passaggio.

Booking.com

© 2019 - Riproduzione riservata

commenti

Non lo conoscevo, lo tengo in considerazione se scopro che può essere utilizzato su qualche tratta che percorro

Paolo

settembre 16, 2019 | Rispondi | report

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.