Toilette e bagni pubblici, la mia personale classifica - Viaggi Low Cost

Toilette e bagni pubblici, la mia personale classifica

Toilette e bagni pubblici, la mia personale classifica

di , | Cosa Fare

Durante i miei viaggi mi è capitato di sfatare diversi luoghi comuni e di rafforzarne altri. Per mia esperienza personale è vero che i francesi sono un po’ scorbutici, sgarbati e non amano chi parla loro in inglese. I tedeschi sono freddi, molto silenziosi e mostrano poca confidenza, almeno all’apparenza. Le ragazze irlandesi si coprono da capo a piedi durante tutto il giorno ma il sabato sera, anche nelle serate d’inverno escono con dei vestiti cortissimi e senza calze.

L’unica cosa di cui mi sono davvero meravigliata in ogni viaggio fatto è la grande diversità dei bagni pubblici e privati in ogni nazione. L’argomento potrebbe sembrare bizzarro e anche un po’ delicato da affrontare ma tante volte ho pensato a questo post trovandomi in bar squallidi che avevano bagni degni di una suite all’Hotel Hilton.

A Bruxelles esistono bagni pubblici in giro per le strade, all’aria aperta, dedicati per lo più al genere maschile. Nella bella città del Belgio non ci si fa troppi problemi se andando nella toilette del bagno di un bar la donna deve passare davanti al bagno maschile, privo di porte, in cui si vedono uomini in piedi girati di spalle intenti nelle loro faccende.

A Dublino si sale di livello se si pensa che anche nel pub di periferia si possono trovare bagni organizzati e dotati di ogni comfort. Qui esistono vere e proprie sale d’aspetto prima di accedere alla toilette e degli accessori da importare assolutamente anche in Italia, le signore mi capiranno. Veri e propri kit di sopravvivenza in ogni bagno per superare tutti gli inconvenienti. Kit di spazzolino e dentifricio, box di condom, phon e addirittura piastra per capelli per non rimanere mai in disordine.

Ma le toilette che più mi hanno colpito sono in assoluto quelle di Berlino. Caratteristiche in ogni bar, pub, locale e ristorante, perfino nei centri commerciali e nei musei i bagni sono sempre pulitissimi. Fuori da ogni servizio le donne delle pulizie già con i prodotti in mano attendono l’uscita delle persone per dare una pulitina. Per il loro servizio chiedono un soldo, 0.50 centesimi, che spesso si è felici di dare per ricevere un tale trattamento e servizio. Di conseguenza ho notato che si è più disponibili a essere civili e a considerare il luogo pubblico quasi come uno privato. Oltre alla pulizia i bagni sono spesso colorati, provvisti di sapone e carta, profumati e spesso molto accoglienti, un bel 10+ ai bagni berlinesi.

E tu hai mai notato queste differenze in giro per il mondo? Quali sono i luoghi comuni che ti senti di sfatare e quali sono quelli che ritieni davvero veritieri?

© 2009 - Riproduzione riservata

Rispondi

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Iscriviti alla Newsletter di Viaggi Low Cost

Vuoi diventare un viaggiatore low cost e ricevere tutte le settimane in anteprima i consigli e i trucchi dei viaggiatori del Magazine per risparmiare in viaggio?Iscriviti alla Newsletter e unisciti agli altri 2000 viaggiatori che hanno scelto di viaggiare di più spedendo di meno!