Armenia senza più il visto d'ingresso da gennaio 2013 - Viaggi Low Cost

Armenia senza più il visto d’ingresso da gennaio 2013

Armenia senza più il visto d’ingresso da gennaio 2013

di , | Cosa Fare


A partire da gennaio 2013 verrà abolito il visto di ingresso per entrare in Armenia. In effetti, i visti possono davvero essere, spesso, delle formalità burocratiche noiose e, diciamocelo, anche dispendiose. Talvolta è necessario attivarsi molto tempo prima del viaggio per riuscire ad ottenere il visto, oppure, se possibile farlo in loco, diventa una gran perdita di tempo e denaro.

L’Armenia, dal prossimo gennaio, non lo richiederà più e credo che questo potrà diventare un buon trampolino di lancio per aumentare il turismo in un paese che a me, personalmente, è piaciuto moltissimo. Prima di andare ricordo ancora i commenti di amici e parenti dov’è che andrai? In Armenia? E a fare che? E’ vero, non è un paese turisticamente “pubblicizzato” ma, credetemi, è di una ricchezza incredibile: non mi riferisco solo al patrimonio culturale e naturalistico insito nel luogo, forse ciò che più mi ha colpita è stata la genuinità della gente, il desiderio di interagire, di aiutare e di curiosare di fronte alla presenza di un turista che, ancora, sembra abbastanza rara.

Essere fermati lungo la strada, comunicare spesso a gesti o con disegni, essere invitati a casa delle persone a mangiare e a dormire, il calore umano e l’umiltà sono parte integrante del viaggio in questo splendido paese, dove la semplicità e l’ospitalità fanno ancora da padrone in un mondo costituito invece da apparenza e difficoltà relazionale.

La storia del paese mi ha affascinata da sempre, ma anche senza grandi approfondimenti credo che già la sola lettura di romanzi quali “La bastarda di Istanbul” di Elif Shafak o “La masseria delle allodole” di Antonia Arslan siano un ottimo punto di partenza per far decollare la vostra curiosità e interesse rispetto alle sorti del popolo armeno.

© 2012 - Riproduzione riservata

commenti

interessante articolo per un paese ancora non conosciuto a livello turistico: r.

ron

dicembre 4, 2012 | Rispondi | report

interessante articolo su un paese ancora poco conosciuto a livello turistico R

ron

dicembre 4, 2012 | Rispondi | report

ciao

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

riceverai una notifica via email non appena ti risponderemo

Mini guida

Kyoto, cosa fare in tre giorni

Kyoto, mini guida per 3 giorni in Giappone

Dopo aver visitato Kyoto in inverno ho pensato a quanto potrebbe essere incredibilmente meravigliosa in primavera. Kyoto mi è piaciuta da impazzire,...