Bouchon Lionese, dove e come mangiare a Lione e in Francia

Dove e come mangiare a Lione: Bouchon

Dove e come mangiare a Lione: Bouchon

Lione, una delle città francesi in cui si mangia meglio. Qui la cucina è fatta di tradizione, di accoglienza, è come sentirsi a casa. Le tovaglie a quadretti e i piatti preparati al momento sono una delle cose da provare assolutamente in un viaggio in Francia.

di , | Dove Mangiare

Booking.com

In ogni angolo del mondo vige un’associazione di idee comune per la quale dire Francia è dire Parigi, città simbolo e punto riferimento in molti ambiti della creatività, quali l’arte, la cultura, la moda e, ovviamente, la cucina.

Come accade in ogni paese, la fama delle capitali rischia però di distogliere l’attenzione dall’altrettanta eccellenza di città più piccole o meno conosciute, e se sposiamo l’idea che la Francia non è Parigi, scopriamo una varietà di concorrenti che non hanno nulla da invidiare alla Ville Lumière, come ad esempio Lione, sulle rive del fiume Rodano.

Lucy's Kitchen Notebook

Come potrei definire questa fantastica città a sud-est della Francia?
Lione, con i suoi duemila anni di storia alle spalle, è la città fondata dai Galli, antica terra romana dal 1998 patrimonio dell’UNESCO; regione industriale dalle inestimabili ricchezze architettoniche haussmanniane, con le sue piazze, i suoi musei, i suoi quartieri caratteristici di Traboules (passaggi nascosti scavati sotto gli edifici), la Festa delle Luci a Dicembre e i due fiumi, il Rhône e il Saône, che attraversano la città regalando panorami mozzafiato su ogni sponda.

Lione, quindi, capitale dei Galli ma, prima di tutto, capitale della gastronomia francese: quella delle Mères (le Madri) Lyonnaises, che abbandonarono le loro abitazioni per mettersi in proprio e dare vita a delle tradizioni culinarie ancora oggi in fermento; quella di Paul Bocuse e le sue tre stelle Michelin, ma soprattutto quella dei Bouchons, che citando le parole di Jean-Marie Fontenau “devono conservare la sincera tradizione della cucina Lionese, basata sull’autenticità dei prodotti, ma devono anche essere un focolare accogliente e caloroso di gioia e buon umore”.

Bouchon-Lyonnais_reference

In parole povere, un Bouchon Lyonnaise non si limita solo alle portate e alle tovaglie con i quadretti rossi e bianchi, ma è un universo, molto particolare, che troviamo solo a Lione: un luogo di convivialità tra amici, di condivisione e scoperta, con pasti generosi e buon vino, lontano da un luogo sgarbato e sfacciato come spesso si sente dire in giro.

La parola Bouchon letteralmente vuol significare “strofinare con un filo di paglia” ma, in questo contesto, l’appellativo deriva dall’abitudine dei vecchi padroni di casa di segnalare i loro ristoranti appendendo alla porta dei ramoscelli di erba secchi o un fascio di fieno, per avvertire cavalli e cavalieri che in quel posto avrebbero trovato ristoro.

mangiare-lione

Le specialità tradizionali sono la cervelle de canut, (nome derivante dagli operai tessili, i “canut”, che dopo il lavoro nel setificio si nutrivano nei Bouchons), un formaggio fresco all’aglio ed erbe; il tablier de sapeur (trippe marinate con vino bianco e senape), la tête de veau (testa di vitello) e la rosette de Lyon, il salame tipico accompagnato spesso dal Saint-Marcellin, famoso formaggio stagionale.
Tra i più frequentati Bouchon Lyonnaise, per fama storica e qualità, vi è il Café des Federations, nel primo arrondissement: si consiglia di seguire le dicerie popolari e prenotare giorni prima per non perdersi un’istituzione gastronomica di eccellenza, con un servizio rapido dalle porzioni più che generose e un menu fisso che permette un’ampia scelta di formaggi, il tutto immersi in un’atmosfera accogliente.

bouchons-lyon

Spostandoci leggermente un paio di km a sud troviamo la Mère Jean, in Place Bellecour, un bouchon non troppo turistico in cui è d’obbligo provare la Tarte au Citron Meringuée (la costata meringata al limone), con un ottimo rapporto qualità/prezzo e la cortesia dei proprietari sempre a disposizione per tradurvi il menu nel caso non foste pratici con il francese.
Giunti finalmente nella Vieux Lyon, centro storico della città dall’atmosfera rinascimentale e di grande tendenza, l’Amphitryon coltiva il suo spirito tradizionale in ogni dettaglio decorativo. In questo bouchons piccolo, ma caloroso, si consiglia di provare lo stomaco di mucca, le frattaglie di salumi e la specialità della casa: la zuppa di cipolle. Situato nel quartiere charmant della città, si consiglia vivamente di fare una passeggiata tra le viuzze e gli edifici di età rinascimentale per favorire la digestione.

Che Parigi sia la città più romantica del mondo è assodato, non vi resta che testare ciò che la Francia offre al di là della Torre Eiffel : una terra che vanta storia e tradizioni differenti in ogni regione, da scoprire e goderne con l’animo spensierato di un bambino.

Foto di kitchen-notebook.blogspot.iten.lyon-france.combouchonlyonnais-chezlouise.comwww.pepites-lyon.frblonde-gypsy.com

Booking.com

© 2014 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Booking.com

Mini guida

48 ore a Parigi, tour di 3 giorni low cost

Weekend a Parigi? Cosa vedere in tre giorni

Un weekend a Parigi è un sogno. Diciamoci la verità, Parigi è sempre una delle mete europee più belle. Per quanto i francesi possano più o meno...