Granite catanesi: il gusto della tradizione siciliana per eccellenza

Le migliori granite catanesi

Le migliori granite catanesi

Se volete partire per un tour gastronomico alla scoperta della granita siciliana per eccellenza, leggete il post e preparatevi a raggiungere Catania.

di , | Dove Mangiare

Booking.com

Non esistono dibattiti e non possono sorgere dubbi sull’unicità della granita: è siciliana, dalle origini alle materie prime che la compongono, passando sul forte impatto che essa ha sulla tradizione gastronomica sicula. Per un siciliano non esiste un momento migliore per assaporarla: che sia colazione, pranzo o cena, la granita rappresenta il passepartout per ogni pasto, per gran parte dell’anno, e a maggior ragione quando il torrido caldo estivo non dà altre possibilità di scelta.

Come in tutto il resto delle specialità gastronomiche siciliane, “città che vai, granita che trovi” e, neanche a dirlo, il campanilismo la fa da padrone anche in questo caso e forse non lascia spazio a opinioni oggettive. Le consistenze, le varianti e l’equilibrio tra i vari ingredienti sono diversi tra le granite della stessa provincia, figuriamoci come tutto l’insieme possa cambiare tra una costa e l’altra.

La granita migliore della Sicilia

Bisogna però precisare che il primato per la granita più buona della Trinacria se lo contendono bar e gelaterie della costa orientale. Non ce ne vogliano i palermitani ma negare ciò sarebbe come affermare che le panelle a Catania siano buone come quelle di Palermo: eresia!

Ciò detto, anche la sottoscritta, nata e cresciuta all’ombra dell’Etna e spiaggiata perennemente sulle coste sabbiose della Playa catanese o arroccata sulle scogliere della riviera dei ciclopi, non fa eccezione al campanilismo gastronomico e afferma che la granita catanese sia la più buona della Sicilia!

Caratterizzata da una consistenza più compatta e cremosa di quella messinese, da un gusto più deciso e meno dolce di quella palermitana e da una gamma di scelte davvero unica.

Quali gusti scegliere

Se a Messina la granita per eccellenza è quella al caffè con aggiunta di panna, anch’essa diversa da quella che accompagna le granite etnee, a Catania i gusti di mandorla, pistacchio e cioccolato, sono quelli che vanno per la maggiore, sebbene, soprattutto se di stagione, non manchino le varianti alla frutta, gelsi su tutti, e i classici caffè e limone, la madre di tutte le granite.
Il tutto rigorosamente accompagnato da una fragrante e profumata brioscia “col tuppo”, anch’essa inimitabile, al di là dello stretto, anche se c’è chi non disdegna gustarla con del pane fresco!

Date queste premesse, capirete bene che, per una catanese come me, che da trent’anni mangia granite, elencare una top 5 fosse estremamente complicato e richiedesse uno sforzo mnemonico non indifferente. Quindi ho deciso di stilarne due di classifiche, una strettamente legata ai territori del centro e della costa e un’altra che invece considera le migliori granite della provincia etnea.

Le migliori granite del centro città e della costa

1. Al primo posto troviamo il Caffè Europa, sito in Corso Italia 302.
Per i miei concittadini questo luogo rappresenta un’istituzione sia nei dolci che nei salati e a parer mio tocca l’apice nei gelati e nelle granite. A ridosso del lungomare, e su uno dei corsi principali della “Catania bene”, il Caffè Europa offre una gamma di prodotti di altissima qualità e freschezza.

La consistenza delle granite è cremosa e il gusto molto deciso. Medaglia d’onore alla granita ai gusti di mandorla e pistacchio, quest’ultimo in particolare, in cui la percentuale della pasta pura di pistacchi è percepibile al palato e alla vista, presentando un colore che nulla ha a che fare con coloranti chimici. Un plauso particolare anche per i gusti fruttati. Insomma qui, qualsiasi gusto prendi, di certo sarà un piacere per i sensi. La brioscia anch’essa di ottima fattura, riesce a reggere il confronto con il livello della granita! Eccellente.

2. Sul gradino successivo colloco C&C-Cioccolato e Caffè, sul lungomare di Catania, esattamente in Viale Ruggero di Lauria 129. Menzione d’onore qui per la granita al gusto di cioccolato e rullo di tamburi…per quella al gusto di mandorla tostata, una chicca che non tutti offrono ma che per il profumo che emana evoca ricordi preziosi, per chi come me custodisce sapori e profumi della tradizione di famiglia.

Rispetto alla classica granita al gusto di mandorla, ottima nella maggior parte dei bar catanesi, la tostatura della frutta attutisce il peculiare gusto dolce e offre al palato una degustazione estremamente aromatizzata. La consistenza è più granulosa e meno cremosa di quella del Caffè Europa, e forse più gradita ai puristi della granita.

3. Gelateria caffetteria Calogero: rimanendo sul lungomare, un luogo meno noto ai più, senza troppe pretese, ma che rappresenta una valida alternativa alle istituzioni catanesi in ambito gastronomico. Si trova su Viale Alcide De Gasperi, sovrastante proprio il lungomare.

I gusti finora assaggiati sono caffè, pistacchio e cioccolato e, senza ombra di dubbio in zona, meritano di essere ricordati in questa speciale classifica. I prezzi sono modici e nettamente inferiori alla media, ma questo è dovuto soprattutto ai servizi offerti.

4. C&G, verso il centro città, vanta diverse location, la più famosa delle quali, quella sita in Piazza Abramo Lincoln offre un servizio eccellente. Gusto consigliato senza dubbio è il cioccolato, ma non potrebbe essere altrimenti, dato che a parer mio si parla della miglior cioccolateria della città. Se si è amanti del gusto amaro del cacao, questa granita è sicuramente da annoverare tra le migliori, per il sapore deciso ma al contempo non nauseante che a volte la granita al cioccolato può avere come difetto. Ottima anche la brioscia.

5. Gran Cafè Solaire di Aci Trezza, a pochi passi dai faraglioni. Rinomato per la qualità delle sue granite, il Solaire non tradisce mai le aspettative di chi vuole testare personalmente ciò che in giro si dice. Ottima fattura per la brioscia e altissima qualità per le granite, in particolare nei gusti di mandorla, pistacchio, fragola e in estate inoltrata per i gelsi neri. Gustare una granita con queste premesse, in riva al mare, poi, non ha eguali!

Granite della provincia

Allontanandoci dalla costa e dal centro città, se si ha la possibilità di spostarsi verso l’Etna, in un itinerario che dal mare porta alla montagna, dall’acqua spinge verso il fuoco, in un percorso in cui Nettuno cede lo scettro a Vulcano, raggiungiamo il bar che a parer mio occupa il primo posto indiscusso nella classifica delle granite catanesi:

1. Bar Alecci, in Via Gramsci 62, a Gravina di Catania.

Il gusto per cui Alecci è famoso tra noi amanti del pistacchio è appunto quest’ultimo, l’oro verde di Bronte, che nella granita in questa location è davvero insuperabile. Menzione d’onore anche per quella ai gelsi neri, per gusto, compattezza e presentazione visiva. Per la location e per i servizi il costo lo trovo un po’ troppo elevato, ma se questo è simbolo di buona qualità del prodotto servito, allora ben venga!

2. San Domenico di Acireale, sito nell’omonima piazza, vicina al Duomo. La motivazione che mi spinge a citare questa granita è senza dubbio alcuno la presenza di un gusto unico: la mandorla araba, un gusto mandorla aromatizzato all’anice e alla cannella che per gli amanti delle spezie non passerà inosservato. Ottima anche la brioscia.

3. Storico bar Condorell di Belpasso, Via Vittorio Emanuele III 532, emblema della tradizione siciliana nel mondo, dalle paste di mandorla ai torroncini, passando ovviamente per delle ottime granite. I gusti consigliati sono mandorla e cioccolato, quest’ultimo molto intenso. Un marchio che riesce a mantenere nel tempo altissimi standard qualitativi. Una garanzia che non tradisce mai i fedelissimi.

4. Nevaroli, la pasticceria artigianale acese, sita in Via J.F. Kennedy 56. Oltre ai tradizionali gusti presenti anche altrove, questa pasticceria ha il merito di osare e di riuscire a coniugare tradizione e innovazione, mantenendo alti standard di qualità. Tra le scelte più impopolari si colloca la granita alla nutella, con una base alle nocciole, e la granita ai fichi, in ottimo accompagnamento con la granita gusto mandorla e non.

5. Al quinto posto un ex-equo tra il Gran Caffè Urna, a Viagrande in Piazza Urna, figlio di una secolare tradizione pedemontana, che eccelle nella varietà del gelsi neri, e un luogo che dai più potrebbe essere definito ameno, quantomeno per la totale assenza di servizi e per l’aria, diciamo casalinga, che si respira varcando la soglia della porta d’ingresso delimitata a malapena da una tenda. Sto parlando de La Timpa, a Santa Maria La Scala, un borgo marittimo della costa acese.
Anche se definire bar tale luogo è davvero eccessivo, è anche vero che la miglior granita alla frutta della provincia catanese, io l’ho mangiata proprio qui. In particolare, ricordo un’ottima granita alla pesca, in cui il sapore di questo succoso frutto la fa da padrone su una minima percentuale di zuccheri aggiunti.

Adesso, a voi la scelta!

Booking.com

© 2018 - Riproduzione riservata

commenti

Ma guarda, anche Alecci! Alla mora di gelso veramente sublime!

Francesca

luglio 23, 2018 | Rispondi | report

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mini guida

Palermo: cosa vedere in 3 giorni

Palermo: cosa vedere in 3 giorni

Se Palermo si potesse descrivere in una sola parola, quella parola sarebbe “contrasto”. Contrasto tra vecchio e nuovo, tra antico splendore e...