Come viaggiare di più spendendo di meno

Dove Mangiare

La cucina di Natale in Abruzzo, il menù delle feste

2 minuti di lettura
Tutti i piatti delle feste di Natale in Abruzzo, per chi ha nostalgia di casa e vuole riassaporarli anche solo leggendone. I calcionetti, l'agnello arrosto e il bollito di manzo, ma non solo.

Un detto abruzzese recita così: “Dove ci magne ddu’ ci magne pure tre” (dove si mangia in due si mangia anche in tre). Ovvero in Abruzzo mangiare significa condividere il buon cibo stando in compagnia. Quale momento meglio rappresenta questo amore per la buona tavola se non il Natale, giorno in cui ci si riunisce per gustare i piatti tradizionali della proprio città. E allora seguitemi in questo tour gastronomico pescarese per conoscere la cucina del Natale in Abruzzo.

Zuppa alla santè tipica venafrana

Natale in Abruzzo: la cucina

Apriamo le danze con un piatto caldo e completo, la minestra di cardi, che tutte le nonne pescaresi preparano il giorno di Natale. In questo piatto il delicato sapore del cardo si unisce a un composto di uova, parmigiano e noce moscata su cui viene versato un brodo di carne e un soffritto di rigaglie di pollo e tacchino. Vi assicuro che il sapore è davvero unico.

Un altro piatto tipico in brodo sono le scrippelle ‘mbusse, il nome deriva dalle crepes francesi, è uno dei piatti più raffinati della cucina abruzzese. Le conoscete? Sono delle classiche crepes, spesso arricchite con prezzemolo tritato, ripiene di pecorino grattugiato, immerse in un brodo di pollo insaporito con carote e cipolla.

abruzzo-scrippelle-mbusse

abruzzo-ricette-natale

Si sa, gli abruzzesi amano la tavola ricca, quindi per accontentare proprio tutti arriva anche il timballo abruzzese, anche chiamato timballo di crespelle. Questo piatto infatti ricorda sì la lasagna ma al posto della sfoglia, vengono utilizzate le crepes. Un piatto ottimo e sicuramente molto originale.

Due varianti di carne

Per accompagnare tre primi, non basta un unico secondo, e allora le nonne pescaresi portano in tavola ben due varianti di carne: l’agnello arrosto e il bollito di manzo, accompagnato naturalmente da una abbondante insalata verde.

abruzzo-parrozzo

Dolci abruzzesi di Natale

Arriva finalmente il momento più atteso da tutti i golosoni, me compresa: il momento dei dolci! Le tradizioni variano di zona in zona: a Pescara non mancherà il parrozzo.

Nel passato si chiamava Pane Rozzo, ed era una pagnotta, fatta di granturco e cotta al forno a legna. Intorno al 1920, Luigi D’Amico, storico pasticcere pescarese, decise di ripodurre il Pane Rozzo in forma dolciaria. È così che nacque il Parrozzo: le uova riprodussero il colore giallo della mollica, le mandorle vengono tritate per la consistenza della pagnotta e una copertura di cioccolato rappresentava le parti bruciacchiate dalla cottura nel forno a legna. Un’ottima idea golosa, davvero da non perdere.

abruzzo-calcionetti

I calcionetti sono invece dolci preparati in tutta la regione e variano solo nel nome (nella provincia di Teramo sono chiamati caggionetti). Una cosa non cambia, il loro gusto ricco: la pasta, leggera e friabile, ha la forma dei ravioli ed è ripiena di un morbido purè di marroni. Diverse le varianti nel ripieno, li possiamo assaggiare con cacao e mandorle o con confettura d’uva. Vi consiglio di assaggiarli tutti, sono buonissimi e deliziosi anche da vedere!

Il pranzo è terminato, ora tutti a giocare a tombola!
Magari, con un pranzo così abbondante, prima di giocare consiglio un tonificante pisolino digestivo. Che ne pensate?

21 articoli

Informazioni sull'autore
Nata a Pescara, si è laureata in traduzione a Trieste per avvicinarsi a persone e luoghi che frequenta. Viaggia sull'Harley Davidson insieme a suo marito, alla scoperta dell'Italia e dei suoi piatti tipici. Ama il web 2.0 perché le permette di condividere i suoi viaggi con il mondo e di imparare dai viaggi di altri.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
News

Come viaggiare alle Canarie in tempo di Covid

Le Canarie in tempo di Covid si possono raggiungere con un biglietto aereo, un tampone negativo (no test rapido), effettuato 72 ore prima e la compilazione di un modulo richiesta dal Paese spagnolo: e la vacanza è servita!
News

L'Islanda se hai già avuto il Covid, è free

Islanda, se hai avuto il Covid e sei guarito, è free. Tutte le informazioni dettagliate in questo articolo per entrare in Islanda come normale turista. Se non hai avuto il Covid, con tampone doppio e quarantena, se hai avuto il Covid e sei guarito con certificazione e tampone.
Destinazioni

Il Museo dell'Alto Medioevo all'EUR

Il Museo dell’Alto Medioevo dell’Eur di Roma è un museo che vale la pena di visitare e in cui non troverete mai troppe persone. Qui si trova anche la Domus di Porta Marina trovata a Ostia nel 1949.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.