Isole Andamane, le meno conosciute della Thailandia

Thailandia: alla scoperta delle Isole Andamane

Thailandia: alla scoperta delle Isole Andamane

Una meta poco conosciuta, per respirare un'atmosfera selvaggia e rilassante: le Isole Andamane thailandesi. Leggi il post e organizza un soggiorno di 3/4 giorni da integrare al più classico viaggio in Thailandia.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Le Isole Andamane sono tra le meno conosciute della Thailandia. Si tratta di un gruppo di isole protette e selvagge dove il turismo non è così diffuso come nelle più famose Phi Phi o Ko Samui. Sono perfette per un soggiorno di 3/4 giorni da integrare al più classico viaggio in Thailandia.

Dove si trovano le Isole Andamane thailandesi

Queste isole della Thailandia sono perfette per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni grazie alla bellezza del fondale.
Le isole Andamane si trovano in un’area dell’Oceano Indiano a sud-est della baia del Bengala, a sud della Birmania e a ovest della Thailandia.

Queste isole della Thailandia hanno spiagge bianchissime e sono circondate dalla barriera corallina dove si può trovare una grande varietà di flora e fauna marina.

Come raggiungere le Isole Andamane e quando andare

Per raggiungere le Isole Andamane si deve volare fino a Phuket; dall’Italia partono voli diretti con la compagnia Thai Airways, in alternativa si possono prendere voli con diversi scali a Bangkok.

Dalla località di Hat Khao Lak, 100 chilometri a nord di Phuket, si potrà prendere un motoscafo veloce che raggiungerà le varie isole. Spesso queste isole sono scelte solo per visite giornaliere, ma vale la pena soffermarsi qualche giorno per godere della loro bellezza.
Le isole Andamane thailandesi si possono raggiungere solo tra il mese di novembre e aprile; da maggio a ottobre si sconsiglia a causa dei monsoni che non permettono i collegamenti.

Quali isole visitare

Isole Similan

Le Isole Similan sono tra le più conosciute delle Isole Andamane, sono perfette per le immersioni ad ogni livello di esperienza, grazie ad acque dalla profondità variabile dai 2 ai 30 metri. Qui le spiagge sono color borotalco e le acque cristalline.  Le Isole Similan sono un parco marino con enormi massi che si inabissano nel mare: pensate che due isole dell’arcipelago, Koh Payan e Koh Huyong, sono abitate solo tartarughe marine e chiuse ai visitatori.

Isole Surin

L’arcipelago delle Isole Surin è il più lontano e difficile da raggiungere. Si tratta di una parco protetto ed è composto da 5 isole. Queste hanno un’importante foresta pluviale ed angoli di sabbia bianca ed acqua limpidissima.
Qui si può soggiornare in tenda oppure in bungalow, che devono essere prenotati con grande anticipo in quanto sono molto richiesti, ma davvero pochi. Le barriere coralline delle Isole Surin sono poco profonde e perfette per lo snorkeling, anche per chi non ha tanta confidenza con il mare.

Booking.com

© 2018 - Riproduzione riservata

Booking.com

Mini guida

Tokyo, cosa vedere nella metropoli del Giappone

Mini guida di Tokyo, cosa vedere in 5 giorni

Tokyo è una città che mi ha molto sorpreso, è enorme e comunque funzionale, i mezzi sono puliti e le strade farebbero invidia a qualsiasi altra...