Venezia, itinerario fondamenta degli Ormesini

Fondamenta degli Ormesini e della Misericordia a Venezia

Fondamenta degli Ormesini e della Misericordia a Venezia

Cosa fare a Venezia in Fondamenta degli Ormesini e in Fondamenta della Misericordia. Itinerario nell'altra Venezia, dove andare per vedere qualcosa di diverso e non scontato, dove mangiare low cost e vedere il veneto in tutte le sue sfaccettature.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Questa volta ho deciso di parlarvi di una zona di Venezia, o meglio ancora, di una fondamenta in particolare, una delle mie preferite. E’ uno di quei luoghi di questa città in cui chiunque, anche se di passaggio, riesce a sentirsi “a casa”, avvolto da un’atmosfera allegra, in cui i veneziani si mescolano ai (non molti a dire il vero) turisti ed agli studenti.

Fondamenta Ormesini

A fondamenta degli Ormesini si può arrivare attraversando il Ghetto ebraico, dopo aver passato il ponte di ferro che uscendo da Campo del Ghetto Novo termina tra due casettine, a questo punto si può andare sia a sinistra che a destra. La parte che interessa a noi però è quella che procede sulla destra proprio qui, guardando verso il canale si vede uno dei “punti fotografici” più scenografici della zona: un grande spazio tra due edifici, separati da un canale, attraversato da decine di fili per il bucato, solitamente pieni di panni stesi ad asciugare.
Proseguendo si arriva ad un sotoportego molto basso che termina su un ponte, da questo punto si è in Fondamenta della Misericordia, lunghe fino al prossimo ponte.

Di certo questa zona è una delle più vive di Cannaregio, spesso solo qui si trova ancora un locale aperto dopo le 23 e una buona scelta di ristoranti e barettini in cui fermarsi. Questo però è anche uno dei luoghi che in certi momenti riesce ad essere tranquillo, silenzioso e avvolto nella magia veneziana in cui si sente solo il rumore dell’acqua che si muove ed i propri passi.

Dove Mangiare

Uno dei miei locali preferiti di tutta Venezia si trova proprio in Fondamenta degli Ormesini ed una sorta di istituzione: Al Timon. Qui ho fatto alcuni i migliori aperitivi degli ultimi due anni, piccolo e tutto in legno, con pochi tavoli all’interno e un assembramento perenne davanti al bancone. Con 2,50€ si prende uno spritz e con pochi euro un’ombra o un buon calice di vino, la cosa migliore però sono i cichetti: piccoli crostini con baccalà, formaggi, soppressa, verdure, salumi e tanto altro, quando si è fortunati si trovano anche le patate al forno e delle polpettine buonissime. Il mio preferito? Ricotta affumicata con lampone e qualche goccia di balsamico. Purtroppo costano 1€ l’uno e ce ne vorrebbe un vassoio per saziarsi, ma un paio da affiancare alla bevanda prescelta non possono mai mancare. La particolarità di questo posto però è anche che, oltre ad i tavoli dentro e fuori, sul canale c’è anche una barca, coperta da assi di legno, su cui ci si può sedere per bere il proprio aperitivo e chiacchierare. Qui si può anche cenare, ho sempre detto che avrei voluto provare ma non si è ancora presentata l’occasione, comunque ho sempre visto passare enormi taglieri di verdure e tagliata di carne, decisamente invitanti!

Spitz e cichetti

Gli amanti della birra soddisferanno la loro sete Da Aldo, a pochi metri dal Timon, dove si trovano bottiglie provenienti da tutto il mondo. Il locale è di quelli frequentati soprattutto da veneziani, molto spartano e con alcuni tavolini sulle fondamenta.
Poco più avanti si trova il Mariner, qui una volta sono rimasta un po’ delusa da un pranzo non particolarmente “interessante” perciò non ve lo consiglio particolarmente per mangiare, però devo dire che d’inverno è una buona soluzione per rimanere al caldo all’ora dell’aperitivo, nulla di eccezionale ma la tipica osteria veneziana.

Passando a Fondamenta della Misericordia si trova il Paradiso Perduto, un altro immancabile luogo di ritrovo. A questo locale è legato un ricordo speciale: il mio primo pranzo a Venezia, con un’amica che vive in zona da tempo e che mi ha “iniziato” alla città! Qui con una decina di euro si può prendere un piatto misto di tante cose buone che sono esposte sul bancone in grandi teglie: l’ultima bacarata con i compagni di corso si è conclusa qui con un enorme piatto di baccalà mantecato e un cestino di pane da dividere dopo mezzanotte. Qui si può venire sia all’ora del pranzo, ma anche nel pomeriggio per un aperitivo e a cena. Ambiente rustico, spartano e “onto” come direbbero qui, ma allegro, spesso c’è anche musica live. Di certo non il luogo migliore per una cenetta romantica, ma più adatto ad una serata con gli amici, magari seduti sulle fondamenta, visto che i tavoli sono pressoché sempre pieni.

Fondamenta Misericordia
Novità di quest’anno è invece VinoVero, un localino piccolo piccolo con molte bottiglie esposte ai muri. Perfetto per l’estate quando ci sono all’esterno dei grandi tappeti su cui sedersi e tre amache appese alle bricole. Ogni tanto vengono anche proposte serate di degustazione in cui vino e buon cibo sono accompagnati da musica dal vivo.

Cosa Fare

Su questa fondamenta non si trovano grandi musei o chiese di grande importanza, ma non per questo è meno interessante di tanti altri luoghi della città, anzi, proprio qui da alcuni anni viene organizzato uno degli eventi più divertenti e che riesce a coinvolgere tutti con la sua particolarità: parlo ovviamente di Fondamenta 3.0 (che per la verità lo scorso anno era 2.0) organizzata da Purospaziocomune. Un pomeriggio e una sera in cui negli angoli più nascosti, nelle calli laterali, nei piccoli campi, sulla fondamenta e nel canale adiacente si sviluppano iniziative artistiche, di animazione e le attività più varie: dalle pignatte da distruggere a forma di nave da crociera agli oggetti musicali, passando per itinerari in battello a remi ed una grande battaglia navale disegnata e tanto altro.

L’ultima fotografia è di Rui Ornelas

Booking.com

© 2014 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Booking.com

Mini guida

48 ore a Venezia, mini guida per un weekend low cost

Cosa vedere a Venezia in 3 giorni

Venezia è una delle città italiane che tutto il Mondo ci invidia. Venezia è la città dell'amore, la città dell'acqua alta, la città degli...