Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Van Gogh Museum ad Amsterdam

2 minuti di lettura

Van Gogh Museum

Ad Amsterdam, siamo tutti concordi nel dire che ci siano mille cose da fare, delle più svariate, pazze, divertenti, ma scantonare una visita al museo di Van Gogh significherebbe farsi un autogol, un torto ai propri occhi e al proprio senso estetico. Ecco una breve scheda che ne riassume caratteri e peculiarità, a testimonianza che sia davvero un’attrattiva immancabile.

Cosa non perdere: Van Gogh Museum

Tempo di visita: 1,5/2 ore. Per chi pensasse sia un sacrificio assicuro che non lo è, anzi si tratta di piacevolezza data oltretutto dal ritmo lento che si acquisisce durante il percorso.

Costo: L’ingresso al museo è gratuito se in possesso dell’Amsterdam city card. Il biglietto di ingresso ha un costo di 15 euro sia che lo si acquisti in cassa che online, in questo secondo caso si ha però il grande vantaggio di saltare la coda, in quanto è prevista una fast lane dedicata.

Tempi di attesa: con l’acquisto del biglietto sul posto, si può passare tranquillamente una buona mezzora in coda (minimo), solo questo avvalora l’acquisto online e la scelta del giorno e dell’orario di ingresso.

Colore colore colore: la raccolta dei quadri di Van Gogh comunica soprattutto questo: la grande capacità di questo artista dell’Ottocento di utilizzare nei suoi capolavori colori molto vivaci e soprattutto tra di loro complementari, in grado di esaltare la forza evocativa già propria dei soggetti rappresentati.

Valore aggiunto: assoluta integrazione della realtà con il mondo digitale. Più e più volte durante la visita si viene invitati a scaricare l’app Touch Van Gogh da itunes oppure da Google Play  che consente di esaminare in profondità una serie di dipinti selezionati. Ciò significa che si possono scoprire i dettagli della tecnica di pittura volgarmente detta a multistrato, che si possono separare i vari livelli di colore e ricostruire cronologicamente le fasi di realizzazione dell’opera, che si possono vedere i dipinti nei loro colori originari grazie alla ricostruzione digitale che riporta in vita toni di rosso ormai persi, viola, blu e arancioni oggi sbiaditi, ecc. Per chi non fosse dotato di tablet o smartphone durante la visita, il museo mette a disposizione un tablet fisso in ogni sala per un’esperienza a portata di tutti.
Nel dettaglio, il software su cui si basa l’app era stato sviluppato affinchè venisse percepita la presenza di pigmento di colore e ipotizzata la concentrazione tratto per tratto arrivando a riprodurne un risultato plausibilmente simile all’originario.

Per i bambini e per approfondire: al secondo piano, una teca mostra gli strumenti del pittore dell’Ottocento, dalle tavolozze, ai piedistalli per dipingere all’aperto, dai tessuti ai frame base per i quadri. Molti dei materiali esposti sono originari e appartenuti a Van Gogh. Al terzo piano sono allestiti dei tavoli da laboratorio che consentono viste al microscopio di tele utilizzate per dipingere, di porzioni di dipinti riprodotti su tele differenti, di polvere di colore così come venivano utilizzate al tempo, al fine di approfondire gli studi sul colore e sulle tecniche sperimentate da Van Gogh stesso. Sempre su questo piano si trova un corner dedicato allo studio della prospettiva sia su touch screen sia su carta, grazie alla cornice realmente utilizzata da Van Gogh durante i suoi dipinti all’aria aperta nel periodo parigino.

La storia in un video: nel seminterrato è stata pensata una vera e propria sala proiezioni molto raccolta e silenziosa. Un film-intevista sulla vita del pittore completa la formazione del visitatore portandolo nei luoghi di Van Gogh dagli inizi in Olanda, a Parigi, al sud della Francia attraverso lo sviluppo per immagini del percorso formativo artistico che ha dato gli incantevoli risultati esposti ai piani superiori.

[vlcmap]

56 articoli

Informazioni sull'autore
31 anni, radici lombarde e una goccia di sangue austriaco nelle vene. Coordina la corporate communication delle filiali estere dell'azienda per cui lavora ed è in viaggio una decine di giorni al mese. Sa che la sua vita non potrebbe essere altrimenti. Ha una passione spiccata per i viaggi vissuti come apertura verso luoghi e culture che vanno a comporre inevitabilmente anche la sua. Ha un sogno nel cassetto: scrivere e raccontare di viaggi come opportunità per i più, a testimonianza che il viaggio e le sue emozioni possano davvero essere per tutti.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Curiosità

Il rito di Halloween in Irlanda

Halloween è una festa nata in Irlanda e non in America come crede la maggior parte delle persone. Tutto ebbe inizio nella Contea di Meath, a pochi chilometri da Dublino. Definita come “Capodanno celtico”, Halloween si festeggia il 31 ottobre e un tempo rappresentava un rito che segnava il passaggio dalla luce alle tenebre, poiché coincideva con la fine dei raccolti e l’inizio del periodo invernale.
Ricetta

Pissaladière, ricetta della Costa Azzurra arrivata in Liguria

Pissaladière, un piatto del sud della Francia arrivato anche in Liguria. Qui la ricetta con olive e capperi, ma qui anche il metodo di preparazione per un pasto che ricorda un viaggio in Francia o in Liguria!
Ricetta

Tortionata di Lodi, la ricetta del dolce di mandorle

La Tortionata è la torta della città di Lodi, famosa in tutta la Provincia con una storia antichissima e un nome curioso. Leggi come preparare la torta e come gustarla, inoltre dove trovarla a Lodi e in Lombardia.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.