Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Taccuino di viaggio, come farlo e perchè

1 minuti di lettura

Fin dal mio primo viaggio ho sempre tenuto un piccolo taccuino di viaggio su ogni mio spostamento. Il primo taccuino, quello del 2005 a Barcellona, era un libretto di pelle rossa comprato in una piccola libreria sulla Rambla.

Il taccuino è un vero e proprio diario di viaggio, un’emozione che lega la persona al viaggio per mezzo di parole, disegni, oggetti e fotografie. Nei primi viaggi componevo il diario ogni giorno del mio cammino, con l’aumentare dei viaggi i taccuini li ho compilati tutti una volta tornata a casa, in modo un po’ diverso, dando il via a un piccolo rituale.

Personalmente compio sempre le stesse azioni una volta arrivata in una città straniera. La penna e il diario devono essere comprati necessariamente nel luogo dove mi trovo durante il mio viaggio. Tutto quello che fa parte della mia esperienza all’estero, o in patria, lo porto via con me. Questo comprende una serie infinita di oggetti e cose che possono sembrare quasi ingombranti alla fine di una giornata intensa.

Sottobicchieri, fazzoletti di bar, cannucce, foglietti di locali, mappe della metropolitana, biglietti di autobus o metropolitana, biglietti di musei, scontrini di qualsiasi genere e tutto ciò che può essere racchiuso in un quaderno.

Il mio taccuino non è classico, non disegno, non scrivo lunghi pensieri, ma adopero il quaderno come una patchwork di elementi che compongono il mio viaggio. Una volta in albergo/ostello catalogo tutto e divido tutti i miei preziosi reperti nelle varie giornate. Poi porto tutto a casa dove con calma in un paio d’ore ripercorro tutto il viaggio, dal primo minuto fino all’ultimo. Spesso dopo aver visto le foto ne stampo acune per avere un’idea complessiva del mio viaggio e inserirle nel taccuino.

Qualche giorno fa ho avuto la conferma di quanto questo sia un rituale personale. Mi è stato consegnato un pacco giallo contenente il diario del mio amico che attualmente si trova in Messico. Decine di pagine scritte fitte con disegni e riproduzioni di monumenti e chiese. Animali disegnati con colori a cera e tante conchiglie e piccole monete.

Ognuno ha il proprio modo di compilare il taccuino di viaggio e anche i miei quaderni si evolvono con me e in base alle esigenze del viaggio, di quello che l’esperienza mi ha lasciato. Ognuno a mio parere dovrebbe tenere o fare un piccolo taccuino di viaggio. E il tuo taccuino, com’è?
Foto Simona Capecchi

1992 articoli

Informazioni sull'autore
Federica è autrice e fondatrice del magazine Viaggi low Cost. Viaggiatrice incallita ha iniziato il suo diario di viaggio nel 2008. Per Viaggi Low Cost scrive ogni giorno tutto quello che trova di economico nei suoi numerosi viaggi.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Crumpled city map, le mappe stropicciate che piacciono

Esistono ormai da qualche anno queste Crumpled City Map, ma non passano mai di moda, perché simpatiche, divertenti e anche utili, diciamola…
Destinazioni

Un anno di Australia in low cost, si inizia

Greta Beatrice Sanvito all’anagrafe, Gretolina per gli amici e @gretyna su Twitter. Dopo la Laurea in Scienze del Turismo e poco più…
Destinazioni

Viaggio a Madrid, tutto in una mappa

Ancora una volta Donatella mi ha stupita e come per Siviglia (il nostro primo viaggio insieme) ha creato una mappa per il…
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *