Come arrivare a Denver: aeroporto, noleggio auto e motel

Denver, come arrivare

Denver, come arrivare

Ambientazione di numerosi film: Denver è una metropoli che riserva moltissime sorprese e piena di curiosità che la rendono unica!

di , | Cosa Fare

Booking.com

Denver è una di quelle città americane in grado di suscitare sempre una certa curiosità, soprattutto perché è stata spesso location di film. Tuttavia, essendo lontana dai classici circuiti turistici, non è meta di turismo di massa… invece la metropoli riserva moltissime sorprese e curiosità che la rendono unica.

Come raggiungere Denver

Denver è la capitale del Colorado, ed è facilmente raggiungibile grazie ai voli AirFrance che spesso fanno prima uno scalo a Atlanta, uno degli aeroporti americani più trafficati per numero di passeggeri.

Prima di partire per gli Stati Uniti però, occorre ricordarsi di compilare on line, sul sito dell’Immigrazione statunitense, il modulo ESTA che autorizza l’accesso sul territorio americano, oltre ad avere un passaporto elettronico valido per almeno altri sei mesi.

Un aeroporto particolare

L’aeroporto di Denver è uno dei più grandi degli Stati Uniti.

La grandezza sproporzionata, con una delle piste più vaste del mondo, non si limita solo alla superficie ma comprende anche le fondamenta disposte su diversi livelli.

Al suo interno ci sono anche una serie di particolari murales, la costruzione di questo aereoporto fu infatti un’opera molto ricercata e ambiziosa.

Forse il particolare più estroso che riguarda la costruzione della struttura è la statua di un enorme cavallo blu imbizzarrito che troneggia davanti all’aeroporto. Il suo aspetto è alquanto sinistro, sia per la muscolatura con la quale è stato riprodotto, sia per gli occhi rossi, che nell’oscurità si fanno notare anche da lontano.

L’architettura esterna dell’aeroporto è caratterizzata anche dalle cupole bianche che simboleggiano le montagne rocciose innevate dello Stato del Colorado, qui si trova infatti Aspen, una famosa località sciistica conosciuta mondialmente.

Denver è chiamata Mile High City, poiché si trova su un altopiano a  1600 metri. Proprio per la sua posizione, alle spalle delle montagne rocciose, il clima è mite ma soggetto a bruschi cambiamenti di temperature in determinate condizioni.

Il centro di Denver è organizzato con una pianta stradale a scacchiera, per cui è facile orientarsi, ed è caratterizzata dalla downtown con i grattacieli scintillanti che si stagliano nel cielo azzurro, per il resto gli edifici sono di pochi piani.

Noleggiare un’auto a Denver

Come spesso accade, quando ci si reca negli Stati Uniti è facile decidere di noleggiare un’automobile, in tal caso la patente italiana è più che sufficiente.

Se si decide di riportare la macchina in un luogo diverso da quello del prelievo, spesso, viene calcolato anche il Drop Off, una cifra supplementare. È consigliabile accertarsi prima se viene applicato: magari al momento della prenotazione online, molto più comoda, veloce e economica.

Nel caso di ritiro a Denver e riconsegna a San Francisco, la cifra può aggirarsi sui 300 euro.

Quando si arriva a tarda notte, specie nei fine settimana, è consigliabile prenotare una sistemazione con un certo anticipo, per non incorrere poi in brutte sorprese tipo hotel pieni o prezzi esorbitanti.

Negli Stati Uniti è facile sapere se ci sono o meno camere libere grazie alle insegne che indicano Vacancy o No vacancy ben visibili già dalla strada, senza neppure fermarsi.

Alloggiare in un Motel

Caratteristici sono i Motel: uno nelle vicinanze dell’aeroporto di Denver è il Motel 6, con la classica disposizione delle camere che si vede nei film americani, con tutti i servizi basilari necessari.

Quando si scelgono le camere si possono avere letti:

Queen size larghi 152 cm per 200 cm di lunghezza.

King size larghi 198 cm per 200 cm.

Full size/full twin o double larghi 137 cm per 190 cm di lunghezza.

Colazioni e brunch

Dopo una notte di riposo e prima di andare alla scoperta di questa metropoli, è possibile recarsi in un Delectable Egg, una catena di ristoranti specializzati in breakfast, brunch, e lunch.
I  menù sono veramente ricchi e sostanziosi e fra le varie specialità si possono trovare French Toast e Waffle. È possibile assaporare dei deliziosi pancakes con sciroppi e accompagnati da mirtilli e panna montata, bere dei mega cappuccini alla maniera americana…

Se si preferisce invece mangiare salato, una vasta scelta di omelette accompagnate con ogni tipo di verdura, funghi e pancetta croccante, tacos e quesadillas costituiscono delle buone basi per entrare in sintonia con la nuova avventura americana.

Naturalmente ad ogni angolo è possibile scovare ristoranti adatti ad ogni gusto e necessità come sempre succede negli Stati Uniti.

Booking.com

© 2019 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mini guida

New York, la mini guida della prima volta, prima parte

Viaggio a New York cosa vedere in 7 giorni

Il mio viaggio a New York è stato un sogno. Era da quando ero piccola che desideravo vedere la città di New York e quando mi hanno regalato i...