Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Mundal: paradiso letterario norvegese

2 minuti di lettura
L'antico e suggestivo villaggio vichingo è oggi la destinazione perfetta per amanti di libri e letteratura: tutti i consigli nel post.

Qualche mese fa vi parlammo di Becherel, una piccola cittadina francese che contava più librerie che abitanti. Al mondo ce ne sono altri di posti che sono diventate delle vere e proprie città letterarie, e tra queste merita di essere citata Mundal.

La città norvegese più meridionale

Mundal è un piccolo villaggio della Norvegia dell’ovest: è la città norvegese più meridionale ed è bagnata dalle acque del Mare del Nord. La città – che ha ricevuto questo status nel 1921 – è conosciuta per le sue lunghe spiagge sabbiose, tra cui la più famosa è Sjøsanden (la sabbia del mare).

Per il suo clima mite Mundal è una famosa città di villeggatura estiva. È inoltre bagnata dal Mandalselva (fiume Mandal) ricco di salmoni che compaiono anche nello stemma comunale.
Essa inoltre, come ogni città norvegese, è caratterizzata da strade costeggiate da case bianche.

Il paradiso dei lettori

Il paradiso dei lettori ha origini vichinghe e anni fa basava la propria economia esclusivamente sull’agricoltura. Inoltre, era raggiungibile soltanto in barca. Dal 1995, quando ha accettato di entrare a far parte del progetto BookTown, ha accumulato ben 150 mila libri per solo 280 abitanti.

In questo piccolo villaggio denominato “The Norwegian Book Town”, meta perfetta per gli amanti dei libri e della letteratura, vi sarà possibile trovare libri ovunque: nelle varie caffetterie, nelle gallerie d’arte ed anche sulle bancarelle che sorgono lungo le rive dei fiordi.

Quando visitare Mundal

Il periodo perfetto per visitare questo paradiso letterario è sicuramente maggio o giugno, quando tra le sue strade si svolge il Solstice Book Fair, durante il quale i vari commercianti mettono in mostra e vendita su bancarelle i libri. Ma è anche un momento perfetto per visitare la città, il fiordo e il Parco nazionale e la Riserva naturale che la circonda.

Lo storico Hotel Mundel

Ma mi raccomando, se avete intenzione di soggiornare in questo piccolo villaggio affrettatevi, perché in esso è presente un unico hotel, lo storico Hotel Mundel, risalente al 1891, che è una costruzione completamente in legno. L’Hotel ha una buona posizione sul mare, si trova a 2,8 km da Museo dei ghiacciai norvegesi e a 10 km da luoghi d’interesse come Jostedalsbreen National Park e Fiordo di Sogne. Boyabreen si trova a 10,6 km di distanza.

Oltre a un ristorante, questo hotel per non fumatori dispone di un bar/lounge e un bar/caffetteria. Non mancano gli extra a costo zero come la colazione a buffet gratuita, il Wi-Fi gratuito nelle aree comuni e un parcheggio gratuito. Altri servizi includono una sala per riunioni, una biblioteca e supporto per la prenotazione di escursioni/biglietti.

Se invece vi sarà impossibile prenotare una stanza nel villaggio, potrete raggiungerlo in estate con il traghetto che collega Mundal a Balestrand e Bergen.

Ed è anche questo davvero un ottimo modo per poter visitare diversi luoghi durante lo stesso soggiorno.

7 articoli

Informazioni sull'autore
Roberta, 22 anni, napoletana di nascita, ma cittadina del mondo. Le sue due più grandi passioni sono la scrittura e viaggiare. Due passioni che combacia portando con se durante i suoi viaggi un quaderno e una penna nera, dando vita a storie e racconti.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Pissaladière, ricetta della Costa Azzurra arrivata in Liguria

Pissaladière, un piatto del sud della Francia arrivato anche in Liguria. Qui la ricetta con olive e capperi, ma qui anche il metodo di preparazione per un pasto che ricorda un viaggio in Francia o in Liguria!
Ricetta

Tortionata di Lodi, la ricetta del dolce di mandorle

La Tortionata è la torta della città di Lodi, famosa in tutta la Provincia con una storia antichissima e un nome curioso. Leggi come preparare la torta e come gustarla, inoltre dove trovarla a Lodi e in Lombardia.
Ricetta

Carciofo alla giudia, ricetta e storia del piatto

La ricetta ufficiale per assaporare il carciofo alla giudia, storico piatto romano che nasce nel quartiere ebraico della Capitale. Il consiglio è quello di fare una gita a Roma dove degustare anche questo piatto e poi riprodurlo con questa ricetta a casa.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.