Salento: 5 spiagge paradisiache ancora lontane dal turismo di massa

Salento, 5 spiagge quasi segrete

Salento, 5 spiagge quasi segrete

Le spiagge salentine sono fantastiche da sognare in ogni periodo dell'anno: specialmente quelle lontane dal turismo di massa, veri paradisi terrestri.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Negli ultimi anni il Salento è diventato una meta molto gettonata per le vacanze estive e il perché è chiaro a tutti: spiagge bianche, acqua cristallina, perché no, divertimento, ma anche tanta cultura e una fortissima tradizione che lega il popolo salentino alla sua terra.
Se da una parte, però, il grande numero di turisti ha portato tanta fama a questa terra, al punto di essere stata rinominata “la nuova riviera romagnola“, dall’altra sta rischiando di perdere l’unicità e la vera essenza che l’hanno sempre caratterizzata.

Con questo post voglio farvi fare un tuffo (ahimè, solo virtuale) nelle quattro spiagge del Salento tra le più belle e, ancora per il momento, lontane dal turismo di massa.

1. Torre Specchia Ruggeri

Ci troviamo nelle marine di Melendugno, più precisamente tra San Cataldo e San Foca, sul litorale adriatico. Torre Specchia vanta piccole e grandi cale interrotte da vasta vegetazione e scogliere a picco sul mare; è il luogo ideale per rilassarsi visto che le sue spiagge non sono mai troppo affollate (no, nemmeno ad agosto).
Proprio per questo motivo sono quelle preferite dai locali; non sarà difficile finire per fare amicizia con una famiglia salentina che ha l’ombrellone vicino al vostro. Torre Specchia è inoltre il paradiso degli amanti degli sport acquatici: qui, quando soffia il vento di tramontana e il mare è agitato, potete divertirvi facendo ‘’Kite Surf’’.

2. Baia di Santo Stefano

Otranto non ha bisogno di presentazioni; questa piccola perla dell’Adriatico è famosa per la bellezza del centro storico e dei suoi vicoletti; quello che in pochi sanno, però, è che a soli pochi chilometri a nord di questa cittadina si trova la Baia di Santo Stefano. Dopo una breve passeggiata in pineta, raggiungerete questa meraviglia che in veramente pochi conoscono. La spiaggia in alcuni tratti è molto stretta quindi arrivate presto al mattino per prendere i posti migliori e godetevi la sabbia bianca e il mare cristallino!

3. Baia di Porto Miggiano

Più a sud ma sempre sul litorale adriatico, nel comune di Santa Cesarea Terme, troviamo questa splendida insenatura alta 20 metri incastonata tra grandi pareti rocciose. La baia è costituita per lo più da scogli pavimentati e una piccola spiaggia di sabbia. Grazie alla sua forma a ferro di cavallo questa piscina naturale è accessibile sempre, sia che soffi il vento di tramontana che quello di scirocco.
A sinistra della spiaggetta è inoltre presente una graziosa grotta accessibile solo dal mare, a nuoto. Sia la parte rocciosa che quella sabbiosa, sono raggiungibili da due scalinate scavate nella roccia friabile ma, prima di percorrerle, è d’obbligo fermarsi e ammirare dall’alto questo spettacolo della natura ed i suoi colori indimenticabili.

4. Baia di Porto Selvaggio

Spostandoci sul litorale ionico, nel comune di Nardò, troviamo Porto Selvaggio. Questo parco è costituito da diverse spiagge, quella più bella è senza alcun dubbio la baia di Porto Selvaggio. Questo angolo di paradiso rimane lontano dalle ondate turistiche forse perché non è così semplice raggiungerlo: l’accesso al parco, infatti, è consentito solo a piedi e per raggiungere la baia si dovrà percorrere un sentiero di circa 20 minuti.

5. Baia di Uluzzo

Altra spiaggia degna di nota del parco, più difficile da raggiungere rispetto a quella di Porto Selvaggio, è la baia di Uluzzo. Il territorio che la circonda è caratterizzato da una scogliera alta e impervia e forse proprio per questo il panorama è ancora più suggestivo.

In conclusione, vi assicuro che la fatica che farete nel percorrere il parco, sotto il sole torrido delle estati salentine, verrà del tutto ripagata dallo spettacolo che si manifesterà davanti ai vostri occhi, una perfetta fusione di mare e natura incontaminata.

Booking.com

© 2019 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mini guida

48 ore a Rimini, tour di 3 giorni low cost in Riviera

Cosa vedere a Rimini e dintorni

Un Tour di 3 giorni a Rimini per 48 ore tra divertimento, storia e cultura è possibile. Rimini non è una città grandissima, si gira molto bene in...