Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Rocchetta Mattei: un castello da fiaba tra i colli bolognesi

2 minuti di lettura
La storia della Rocchetta Mattei, il gioiello vicino Bologna che l'Alhambra di Granada con i suoi dettagli moreschi. Nel post la storia, il costo dei biglietti e le visite guidate.

Rocchetta Mattei, come arrivare

Si arriva dalla strada che conduce da Tolè a Riola, frazione Grizzana Morandi.
Da Bologna, altrimenti, si imbocca  l’autostrada A1 fino a Sasso Marconi dove si esce per poi prendere la  SS64 fino a Riola; da Firenze autostrada A1 direzione Bologna fino a Pian del Voglio direzione Castiglion dei Pepoli quindi direzione Camugnano, Riola; Da Pistoia Statale 64 direzione Porretta Terme, qui proseguire per Riola.

Per chi viene invece alla Strada di Casigno, scendendo dall’ultimo tornante la si scorge già in cima alla collina, una parentesi di Vicino Oriente tra i colli bolognesi. Lo stile moresco è inconfondibile e regala la sensazione di avvicinarsi alla scenografia di una fiaba. La costruzione di questo luogo eclettico risale al 1850 e porta la firma del conte Cesare Mattei. Egli ricevette il titolo nobiliare nel 1847 da papa Pio IX per una donazione terriera che avrebbe aiutato lo stato pontificio a fermare l’avanzata austriaca.

La storia della Rocchetta Mattei

La vita del conte fu segnata dalla morte dell’amatissima madre, alla quale reagì con un odio profondo nei confronti della medicina classica, che non la seppe salvare: da qui nacque la sua idea di dedicarsi allo studio di una nuova disciplina medica, più efficace, in quanto dedita a curare lo spirito oltre che il corpo. Nel 1850 acquistò i terreni dove sorgevano le rovine dell’antica rocca di Savignano e il 5 novembre dello stesso anno iniziò la costruzione del castello che avrebbe chiamato “Rocchetta“: questo luogo divenne la sua casa, ne seguì personalmente la costruzione e qui iniziò ad accogliere i pazienti che chiedevano delle sue cure.

I suoi studi empirici lo condussero verso la via della cosidetta Elettromeopatia, la cura del male attraverso rimedi semplici dal punto di vista della composizione chimica, ma dallo straordinario effetto placebo. Molto giocava, nei pazienti, la suggestione della straordinaria clinica-rifugio del conte: ogni dettaglio dell’edificio rievoca luoghi straordinari, lontani, quasi magici.

La visita della Rocchetta Mattei

Il visitatore ha la sensazione di viaggiare nel tempo e nello spazio, spostandosi dai cortili moreschi della Alhambra di Granada, alle foreste dei tropici, all’Europa del liberty. Cesare Mattei rendeva unica la sua dimora con la suggestione e il simbolismo, certamente per gusto personale, ma anche per creare nei suoi pazienti una sensazione di incomprensibile mistero.

Dal 2005 la Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna (Carisbo) ha in mano le sorti del castello, lo acquistò e ne iniziò il restauro, rendendo fruibile al pubblico tanta meraviglia dell’architettura.
Per poterlo apprezzare al meglio, delle guide autorizzate accompagnano i gruppi lungo il percorso, cui si accede previa prenotazione.

Prezzi e biglietti, ingresso gratuito

Soltanto la prima domenica del mese l’accesso è gratuito (il biglietto d’ingresso ha invece normalmente un costo di 10€), ma in tal caso non è previsto accompagnamento. La nostra esperienza è stata entusiasmante, mi sentirei di raccomandare una visita a chiunque passi nei dintorni di Bologna.
Non dimenticate due accortezze: prenotate entro il venerdì pomeriggio del fine settimana in cui volete accedere al castello e presentatevi alla biglietteria almeno 10 minuti prima dell’orario previsto per confermare la vostra presenza.

20 articoli

Informazioni sull'autore
Sostenitrice del “bagaglio a mano sempre e comunque”, adora viaggiare leggera. Ha un debole per i paesaggi mediterranei, per la birra austriaca e per gli itinerari culturali. Archeologa di formazione, lavora oggi a Milano come guida turistica ed educatrice museale, ma ama uscire spesso dal traffico cittadino per lunghi percorsi in moto con Simone. Amante della natura, dell’arte e della buona cucina definisce il Viaggio “il suo unico vizio”.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Panzerotti pugliesi, la ricetta originale

La ricetta originale dei panzerotti pugliesi, da replicare dopo un viaggio a Bari o per ricordare una vacanza. La ricetta originale dei panzerotti con mozzarella e pomodoro è fritta, non al forno.
Dove Dormire

Casa nella natura, dove andare in vacanza in sicurezza

Casa nella natura è il portale olandese che arriva in Italia. Una selezione di alloggi come baite, case di campagna, yurte, glamping o trulli dove dormire in mezzo alla natura e sentirsi sicuri in vacanza e lontani dai centri abitati.
Ricetta

Fregola sarda, la ricetta con il pesce e i frutti di mare

La ricetta perfetta della Fregola sarda, un piatto tipico della Sardegna. Tutti gli ingredienti e il procedimento spiegato passo dopo passo per realizzare anche a casa un buon piatto di fregola sarda con il pesce o i frutti di mare.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!