Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

New York e l’Uragano Sandy, il racconto di un’italiana

2 minuti di lettura

Questo articolo è stato aggiornato il Novembre 1, 2012

New York conosciuta anche come la città che non dorme mai si è dovuta fermare per cause di forza maggiore. Tutti quanti avrete seguito al telegiornale la vicenda dell’Uragano Sandy. Vi hanno riportato notizie un po’ alla rinfusa.

Io vi racconto la mia esperienza con il primo (e spero ultimo) uragano. Domenica ero come sempre a giro per Manhattan e per l’appunto mi sono incontrata con degli amici della mia stessa città. Il vento stava iniziando ad alzarsi ma nessuno si è curato di ciò più del dovuto… Finché non veniamo a sapere che l’aeroporto JFK aveva chiuso.

A quel punto prendo i miei amici e li porto a casa mia con l’ultima corsa della subway di quel giorno. Ci prepariamo a fare la spesa ma nemmeno grandi cose giusto pasta, sughi, schifezze varie, latte. “Prendiamo anche l’acqua?” mi chiede il mio amico e io di pronta risposta dico “no quella del rubinetto è buonissima”. Ore dopo capisco che c’era la possibilità che chiudessero pure l’acqua! Passiamo la prima serata in casa tra film horror e letto presto. Il lunedì sembrava un giorno di vento normalissimo e tra me e me sapevo di aver visto decisamente di peggio. Mi metto quasi a ridere pensando che avevano esagerato con l’allarmismo. Che sciocca!
Eppure il vento pian piano si fa sempre più forte.

Io esco un’ultima volta sul terrazzo per levare il tavolino con le sedie che goccia acqua da ogni lato e penso bene di mettermi a fare un video fin quando quasi non vengo portata via. Capisco finalmente che la situazione sta peggiorando. I vetri a una cert’ora hanno cominciato a vibrare pensavo esplodessero tutti per la forte pressione.

Ogni tanto aggiornavo tutti che stavo bene con la speranza di non perdere la connessione. Non è durato moltissimo il momento critico almeno nella mia zona e gia verso l’ una di notte la situazione stava migliorando, ma posso dire di aver passato nottate migliori. Il giorno dopo la conta dei danni! Nella mia zona di Brooklyn siamo stati davvero molto fortunati, a me non è nemmeno mai mancata la luce o elettricità e a parte la copertura del tetto tutto era al suo posto.

Girando però nelle zone limitrofe non mancano strade chiuse dove alberi sono caduti sulle macchine o case meno fortunate. Vedere Manhattan ancora allagata o posti dove la situazione è davvero grave come nel NJ o sapere di amici a Long Island e Staten Island senza acqua, riscaldamento, luce da 4 giorni mi fa davvero rendere conto di quanta fortuna ho avuto!

Quello che più colpisce adesso che il peggio è passato? La forza di ogni persona di ricominciare, la volontà di ripartire più forte di prima senza perdere tempo a piangersi a dosso, colpisce l’aiuto che ogni persona dà al proprio vicino e a qualunque sconosciuto gli si presenti vicino. Forza America siamo con te!

23 articoli

Informazioni sull'autore
23 anni, scorpione, nasce a Pietrasanta. Città troppo stretta per lei che sente l’esigenza di vedere il mondo. Studia lingue per essere più pratica nei viaggi per poi proseguirenel campo della moda. Quale scusa migliore se non viaggiare per prendere ispirazione nelle capitali europee? Viaggia in lungo e in largo fino a che non si stabilizza a New York City. Il sogno nel cassetto di una vita che diventa realtà e che ci racconterà esperienza dopo esperienza.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
News

Tornare a viaggiare negli Stati Uniti: ESTA e vaccini, cosa devi sapere

Tornare a viaggiare negli Stati Uniti dopo l’8 novembre 2021. Gli USA riaprono ai turisti, ecco cosa devi sapere per viaggiare, tra ESTA (come richiederlo e tempistiche), vaccino e Green Pass, cosa avere per essere ammessi negli Stati Uniti.
News

Gli Stati Uniti riaprono a novembre ai turisti vaccinati

Gli Stati Uniti hanno annunciato che da novembre il Paese riaperti ai turisti provenienti dall’Europa e da qualche altro Paese, se completamente vaccinati, con test negativo, senza fare la quarantena.
Destinazioni

Big Island, un'isola delle Hawaii da esplorare

Un road trip ricco di sorprese, tra panorami mozzafiato ed escursioni nei bellissimi vulcani dell’isola. Nel post tutti i consigli per organizzare la vostra visita su questa isola ancora poco conosciuta.
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.