Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Monte Kinabalu, in Malesia fino ai 4095 metri

3 minuti di lettura

Monte Kinabalu

Avete mai pensato di effettuare in un solo giorno 4095 metri di dislivello e salire sul 20º monte piu’ alto del mondo? Andate nella regione ‘Sabah’ situata nel Borneo, un isola appartenente alla Malesia ed Indonesia e situata ad est della peninsula malesiana. Sabah, per intenderci, è la terra di quella famosa mini serie TV ‘Sandokan la tigre della Malesia’.

Ci sono una serie di pacchetti per salire sul Monte Kinabalu che ti danno l’opportunita’ di scalare questo gigante; lo si puo’ fare in 2 o 3 giorni, come lo si puo’ fare seguendo un percorso di via ferrata, ma il piu’ avventuroso e dove la stamina va assolutamente portata con se e’ in un giorno solo. Se si decide di affidarsi ad un’agenzia, col costo di 180 euro circa sarà possibile scalare questo monte e non preoccuparsi di cercare mezzi di trasporto e guida.
Il monte, possiede diverse vette ma l’unica raggiungibile è la ‘Lows Peak’ che e’ situata a 4095 m. slm.

Caratteristiche eccezionali come la biodiversità di fauna e flora che è possibile trovare nell’intero parco nazionale che circonda il monte stesso, hanno dato l’accesso nel 2000 ad essere considerato Patrimonio dell’Unesco.

Se decidete di affidarvi ad un agenzia, potete effettuare la partenza direttamente dalla città Kota Kinabalu, situata di fronte al Mar cinese meridionale che vi da una certa scelta tra ostelli ed hotel di vario costo. La partenza solitamente viene fatta intorno alle ore 5.30 del mattino per arrivare al quartier generale intorno alle ore 7.30 dove l’agenzia sbrigherà i documenti per ottenervi il lascia passare per l’intera giornata e successivamente assegnarvi una guida e procedere col vostro taxi al Gate ‘Timpohon’ di partenza dove inizia la vera scalata.

Kinabalu viene considerato un duro percorso per via dei suoi scalini (alcuni alti circa 80 cm) che si distribuiscono lungo i 6 km, da un dislivello di 1.800 metri sino ad arrivare a 3.200 metri, dove si trova ‘Laban Rata’ un hotel dove è possibile pernottare a prezzi non esattamente modici. La prima parte del percorso sino ai 3.200 metri presenta un paesaggio pieno di fauna che varia da quella alpina per arrivare a quella tropicale ed è semplice vedere anche delle piante carnivore che la vostra guida vi potrà indicare. Essendo un monte abbastanza alto, la possibilità di intemperie in cima sono sempre alte e le variazioni del clima sono sempre dietro l’angolo, così il governo malesiano permette la scalata del monte se si arriva entro le ore 10.30 al ‘Laban Rata’ , entro le ore 12.30 in cima ‘Lows Peak’ ed entro le 17.00 al quartier generale.

Una volta arrivati ai 3.200 metri vi verrà dato modo di riposarvi per circa 15 minuti e salire gli ultimi 2,7 km sino alla cima che presentano una pendenza di circa 800 metri. Superato il punto di riposo, il clima e la vegetazione cambia radicalmente, l’assenza di fauna e flora fa notare la presenza di roccia calcare con colori che variano dal nero al grigio, smorzati da un bianco che rappresenta la corda che bisogna seguire sino alla cima. Gli ultimi km presentano tratti in cui bisogna letteralmente arrampicare ma sono abbastanza semplici, solo la fatica li rende difficili e la pressione legata ad un altitudine che si avvicina sempre piu’ ai 4095 metri. Il paesaggio dalla cima è a dir poco mozzafiato, tra la stanchezza e l’aria rarefatta, le parole saranno ben poco. La valle, i villaggi e il verde del Parco Nazionale, viene coperto ogni primo pomeriggio da delle nuvole che assalgono il monte e che fan calare le temperature drasticamente.

La discesa della montagna vi sarà più difficile della salita e vi terrà impegnati per un tempo uguale o maggiore della discesa. Arrivati nuovamente al quartier generale, vi verrà rilasciato un attestato che vi ricorderà quel faticoso giorno e di esser riusciti a scalare quel monte. Giornalmente in 30 provano a scalarlo in un giorno ma la media di 5 ci riesce, dunque se siete degli amanti dello sport e vorreste provare qualcosa di estremo durante il Vostro confortevole viaggio.. sapete che la selvaggia Malesia vi offre pure questo!

[vlcmap]

2 articoli

Informazioni sull'autore
Nato come progettista elettrico, diventato nel tempo Project Manager per ditte di impianti fotovoltaici, Danilo decide di rimettersi in gioco ed iniziare a scrivere un suo diario nel 2012 quando lascià l'Italia per il sogno Australiano. Lavoro e vacanze australiane, aggiunte al lavoro e vacanze neozelandesi, gli hanno permesso oggi di essere un viaggiatore curioso con lo zaino in spalla in giro per l'Asia...e nel futuro si vedrà.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Pollo thai con anacardi e verdure: ricetta originale

Una delle ricette thailandesi più amate da chi viaggia in Asia è senza dubbio il Pollo con gli Anacardi e le verdure. E` anche una ricetta relativamente semplice se seguita alla lettera. Ecco quindi gli ingredienti e come preparare la ricetta per una cena in perfetto stile thai, birra inclusa!
Ricetta

Ricetta Ramen, icona del Giappone moderno

Non sarà semplicissimo preparare il ramen in casa, ma gustare questa tipica ciotola di brodo caldo vi darà una grande soddisfazione. Ecco le regole e i consigli per preparare un gustoso ramen, il piatto simbolo del Giappone moderno.
Ricetta

Ricetta Takoyaki: icona dello street food giapponese

Una ricetta simbolo del cibo da strada giapponese, ormai disponibile anche nel nostro paese, ecco come fare per preparare anche a casa…
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.