Alla scoperta del Molise: un viaggio lento, tra natura e tradizioni

Attraversando il Molise: camminando per le vie d’erba

Attraversando il Molise: camminando per le vie d’erba

Il Molise è una regione che ha molto da offrire: tutta da scoprire per chi ama un modo di viaggiare lento e consapevole, alla scoperta di storia e tradizioni.

di , | Cosa Fare

Booking.com

Il Molise è senza dubbio una delle regioni meno esplorate d’Italia, eppure nel suo piccolo, nasconde dei tesori davvero splendidi. Questo che segue è un breve racconto di un viaggio che potreste fare, zaino in spalla, ripercorrendo le antiche vie sulle quali si spostano le greggi, un viaggio tra i tratturi, le antiche strade della transumanza.
In piena era delle comunicazioni di massa può sembrare fuori del tempo parlare di vie d’erba, ma non lo è affatto. Le vie d’erba posso dare infatti un ottimo contributo a rallentare lo stress e la frenesia quotidiana dei giorni nostri, facendoci riscoprire il mondo attorno a noi.

Molise: le vie d’erba e i tratturi

Diverse sono le vie d’erba che attraversano la piccola Regione Molise offrendo itinerari unici, come quello che unisce il Parco Nazionale del Gargano a quello di Abruzzo, Lazio e Molise. I tratturi più importanti sono: il Tratturo CelanoFoggia che passa attraverso il Parco Nazionale della Majella e le zone archeologiche di Vastogirardi e Pietrabbondante; il Tratturo Castel di SangroLucera, che attraversa il ‘cuore’ della Regione Molise; e il Tratturo PescasseroliCandela che copre una distanza di circa 200 km.

Come potete immaginare sono percorsi lunghi che richiedono un modo di viaggiare lento e consapevole. Un viaggio attraverso natura e luoghi intatti, alla riscoperta di storia e tradizioni. Lungo i tratturi infatti, potrete vivere e rivivere la tipicità e le bellezze dei paesini molisani dislocati lungo il percorso, nonché la storia di questi luoghi, una volta casa del popolo Sannita.

Tratturo Castel di Sangro a Lucera

Se volete attraversare il Molise nel suo cuore, il tratturo che vi consiglio è quello da Castel di Sangro a Lucera, 79Km di cammino ben conservati.

Si parte dall’Abruzzo e si arriva in Puglia attraversando la Regione Molise con i comuni di: Rionero Sannitico, Forli del Sannio, Isernia, Roccasicura, Carovilli, Pescolanciano, Chiauci, Civitanova del Sannio, Duronia, Torella del Sannio, Castropignano, Oratino, Campobasso, Ripalimosani, Campodipietra, Toro, Pietracatella e Gambatesa.

Durante il cammino attraverserete la Valle del Volturno e il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise con paesaggi suggestivi e una natura verdeggiante. Inoltre, i paesini che troverete lungo percorso, durante il periodo estivo si animano di sagre e feste popolari; pertanto in una delle vostre soste potreste godere di un po’ di folklore.

Visita ad Isernia

Proseguendo lungo il cammino potrete fermarvi a far visita ad Isernia e al suo centro storico, nonché ai resti del Paleolitico che troverete nel museo della cittadina.

Continuando un po’ più avanti, troverete il paesino di Castelpetroso, con il suo splendido paesaggio montano, dove potrete approfittare di una visita al Santuario della Vergine SS. Addolorata (davvero splendido). Se avrete bisogno di rinfrescarvi dal lungo camminare, potreste fare un tuffo nelle sorgenti di acqua naturale una volta giunti presso Civitanova del Sannio.

Campobasso, il capoluogo

Passate le località di Cantalupo nel Sannio, dominata dall’imponente massiccio del Matese, e dopo Bojano e Guardiaregia, arriverete nel capoluogo, Campobasso, città che merita una sosta per la visita del centro storico e del Castello Monforte che domina la città dall’alto. Se poi avete tempo e riuscite a prenotare un tour, esplorate la Campobasso sotterranea e ammirate gli splendidi murales in zona San Giovanni. Proseguendo il viaggio, giungerete nell’area archeologica di Sepino, famosa per i resti di epoca romana.
Proseguite così nell’ultimo tratto della regione Molise passando per i comuni di Toro e Pietracalella, giungendo fino in Puglia ed arrivate a Lucera.

I sentieri sono tutti percorribili in autonomia, sta a voi scegliere quale percorrere.

Booking.com

© 2018 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Booking.com

Mini guida

Torino, cosa fare nel weekend

Cosa vedere a Torino in tre giorni

Un weekend a Torino di 48 ore è un weekend che va dal venerdì sera alla domenica pomeriggio. Il modo migliore per vedere la città al completo,...