Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Lecce: visita della capitale del Salento

2 minuti di lettura

piazza-soronzo

Lecce è una città d’arte conosciuta per la sua architettura barocca, con un centro storico tempestato di monumenti, palazzi e chiese di eccezionale bellezza artistica.
Piazza Sant’Oronzo, cuore pulsante della capitale salentina, è il punto ideale per cominciare un itinerario alla scoperta della meravigliosa Lecce antica.
La piazza, che prende il nome dall’omonima statua collocata al centro, accoglie anche il Sedile, momumento di epoca veneziana e l’Anfiteatro Romano, testimonianza dell’antica Lupiae, fondata dai Romani tra il I e il II secolo d.C.

E’ certamente davanti alla Basilica di Santa Croce che si resta estasiati per la particolarità dei dettagli che compongono la facciata barocca.
Colonne corinzie, sculture antropomorfe e zoomorfe, decorazioni simboliche, possenti portali e rosoni ornamentali sono elementi architettonici del Rinascimento e del Barocco perfettamente integrati in questo edificio di straordinario pregio.
Da vedere l’interno a croce latina con il soffitto a cassettoni in legno dorato, colonne con capitelli corinzi e numerosi altari abbelliti con pregevoli tele e dipinti.
Accanto alla Basilica si può ammirare il Palazzo dei Celestini, ex convento, ora sede della Prefettura della Provincia di Lecce.

Passeggiando tra le belle stradine piene di negozi, locali e ristoranti si arriva in Piazza Duomo, dove si trovano altri monumenti importanti quali il Duomo, il Palazzo Vescovile, il Seminario e il Campanile. La Cattedrale, in tipica pietra leccese, ha ben due ingressi: il primo con una facciata sfarzosa sulla piazza e il secondo posto sul lato, ma in realtà è il principale, con stile più sobrio e lineare. Notevole è la navata centrale dal soffitto ligneo a lacunari e l’altare maggiore in marmo e bronzo dedicato alla Maria Assunta. All’interno è possibile visitare anche la cripta medievale.
Accanto al Duomo vi è il Palazzo Vescovile, con il loggiato e l’orologio tra i più antichi del comune; segue il Seminario, che conserva nel cortile un pozzo riccamente decorato, opera dell’architetto Giuseppe Cino, maggiore esponente del Barocco Leccese.

Sul lato opposto svetta il Campanile del Duomo; alto 68 metri e suddiviso in cinque piani, risulta uno dei più alti d’Europa. La panoramica di Piazza Duomo è splendida e di sera con le luci soffuse lo spettacolo è di grande effetto. Da visitare anche il Castello di Carlo V, non distante da Piazza Duomo; risalente al 1500, è di forma quadrangolare con enormi bastioni e due porte d’ingresso monumentali.
Appena fuori la zona vecchia, a difesa della città, ci sono 3 antiche porte: Porta Napoli o Arco di Trionfo, Porta Rudiae e Porta S. Biagio.

Non si può lasciare Lecce, però, senza aver fatto tappa in uno dei tanti bar e pasticcerie e assaggiato una delle prelibatezze salentine: il pasticciotto leccese alla crema.
Una leccornia da gustare piacevolmente a qualsiasi ora della giornata, camminando tra l’arte, la storia millenaria e la vivace atmosfera di una cittadina definita la “Firenze del Sud“.

[vlcmap]

491 articoli

Informazioni sull'autore
Tutti i post scritti dai collaboratori di Viaggi Low Cost li trovate qui. Racconti di viaggio, consigli low cost, mete e tour insoliti per un viaggio davvero economico e i consigli degli insider. Segui tutti i canali social per rimanere aggiornato.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Dove vedere i fenicotteri a Comacchio

Se non hai la possibilità di andare all’estero ma vuoi comunque vedere i fenicotteri, a Comacchio potrai vivere questa bellissima esperienza. Attraverso diversi tour infatti potrai vederli in totale libertà e goderti una giornata in questa splendida zona dell’emilia romagna.
Dove Mangiare

Guida ai migliori street food di Palermo

Arancina, stigghiola, frittola, panino ca’ meusa, panelle e crocchè. Chi più ne ha più ne metta. Non basterebbe un trattato per elencare tutte le pietanze tipiche della cucina siciliana. Una cosa che probabilmente rende Palermo unica nel suo genere sono gli street food, nei quali è possibile consumare la propria merenda in piedi, in mezzo alla strada e agli odori tipici del capoluogo siciliano.
Ricetta

Tortionata di Lodi, la ricetta del dolce di mandorle

La Tortionata è la torta della città di Lodi, famosa in tutta la Provincia con una storia antichissima e un nome curioso. Leggi come preparare la torta e come gustarla, inoltre dove trovarla a Lodi e in Lombardia.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.