Come viaggiare di più spendendo di meno

Come Muoversi

Girare il mondo lavorando in fattoria, ti dico come

2 minuti di lettura
Decidere di partire per un anno o solo per pochi messi, ma farlo lavorando e soprattutto low cost. Questa è l'idea di Wwoof che permette ai giovani e non, che hanno voglia di mettersi alla prova di viaggiare il mondo continuando a mantenersi da soli.

E’ il sogno di molti girare il mondo, certo il costo spaventa un po’. E se dicessi che c’è un modo per farlo gratis? Certo ci vuole buona volontà e voglia di lavorare, ma in cambio si può ottenere vitto e alloggio per tutto il tempo di viaggio. Niente soldi e niente contratto solo uno scambio di favori per chi vuole viaggiare nel modo più facile e conveniente.

LARKSPUR, CO. - MAY 22:  (Photo By Manuel J. Martinez/The Denver Post)

Wwoof è un’organizzazione che mette in contatto le fattorie biologiche di tutto il mondo che danno ospialità ai viaggiatori in cambio di lavoro nei campi o con gli animali. Non ci vogliono particolari esperienze e nemmeno garanzie, solo la voglia di lavorare e mettersi in gioco. Qualità tra l’altro che hanno di solito tutti i giovani e le persone di buona volontà che vogliono cambiare la propria vita.

Il progetto nasce in Inghilterra nel 1971 soprattutto da una fattoria biologicha e se Wwoof in Italia non è ancora del tutto conosciuto, anche se presente e attivo, in paesi coma la Nuova Zelanda o il sud America è molto conosciuto e usato dai giovani che non vogliono spendere troppi soldi per l’alloggio e vogliono fare qualcosa di utile durante il viaggio. Si può rimanere nelle fattorie anche dei mesi purchè si contribuisca in maniera attiva all’andamento dell’azienda agricola.

WWOOF-mercato

Tanti sono i ragazzi, soprattutto oggi, che sono alla ricerca di un’occupazione, magari non troppo impegnativa ma certo faticosa, per spostarsi, trasferirsi e buttarsi in questa nuova avventura. L’Australia e la Nuova Zelanda riservano tantissime sorprese da questo punto di vista e solo chi ha il coraggio di andare non rimarrà deluso. La vita in fattoria è certamente dura, non è semplice e ci vuole tanta determinazione e forza per continuare.

Quello che è certo è che un’esperienza di questo tipo cambia la vita, non solo perché permette di vivere concretamente in un altro posto, in un altro paese e anche in un’altra parte del mondo, ma anche perché permette di conoscere nuove persone che sono come noi, e accomunate dallo stesso sogno pensano a un mondo diverso. Questa esperienza permette infine di vivere bene, di vivere con le proprie forze mettendo assieme il lavoro di tante persone non solo per fare qualcosa di concreto ma anche per mantenersi senza chiedere niente a nessuno. La cosa ancora più bella, inoltre, è che si fanno tanti amici, si conoscono persone nuove, persone che vengono dal nostro stesso paese o che si trovano in uno dei paesi che ci piacerebbe tanto visitare. Si fanno amicizie e si consolidano conoscenze, anche e soprattutto una volta tornati a casa… nel caso dovesse succedere!

wwoof-amici

Le fattorie in questione si trovano frequentemente in Australia e in Nuova Zelanda, spesso passando da una zona all’altra della Zelanda e dell’Australia ci si imbatte in cartelli che ricercano “contadini moderni“, persone che in cambio di un pasto e un posto dove dormire abbiano voglia di lavorare un po’ nei campi. Una bellissima esperienza per chi vuole la propria indipendenza lontano dall’Italia, perché non buttarsi? Io un pensierino fossi in voi ce lo farei.

2018 articoli

Informazioni sull'autore
Federica è autrice e fondatrice del magazine Viaggi low Cost. Viaggiatrice incallita ha iniziato il suo diario di viaggio nel 2008. Per Viaggi Low Cost scrive ogni giorno tutto quello che trova di economico nei suoi numerosi viaggi.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Curiosità

Il rito di Halloween in Irlanda

Halloween è una festa nata in Irlanda e non in America come crede la maggior parte delle persone. Tutto ebbe inizio nella Contea di Meath, a pochi chilometri da Dublino. Definita come “Capodanno celtico”, Halloween si festeggia il 31 ottobre e un tempo rappresentava un rito che segnava il passaggio dalla luce alle tenebre, poiché coincideva con la fine dei raccolti e l’inizio del periodo invernale.
Dove Mangiare

Guida ai migliori street food di Palermo

Arancina, stigghiola, frittola, panino ca’ meusa, panelle e crocchè. Chi più ne ha più ne metta. Non basterebbe un trattato per elencare tutte le pietanze tipiche della cucina siciliana. Una cosa che probabilmente rende Palermo unica nel suo genere sono gli street food, nei quali è possibile consumare la propria merenda in piedi, in mezzo alla strada e agli odori tipici del capoluogo siciliano.
Curiosità

I misteri della laguna: l'isola di Poveglia

Venezia è considerata una delle città più belle del mondo, ma anche la bellezza ha i suoi lati più nascosti e misteriosi. Uno di questi è certamente un piccolo isolotto situato al largo della laguna veneziana, oggi inaccessibile al pubblico: Poveglia o, a detta di molti, “l’isola infestata”.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

10 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.