Come viaggiare di più spendendo di meno

Eventi

Shunga e l’arte giapponese al British Museum di Londra

1 minuti di lettura

Questo articolo è stato aggiornato il Ottobre 9, 2013

Shunga

Premessa: se avete meno di 16 anni purtroppo vi sarà molto complicato riuscire a vedere questa mostra, in quanto il British Museum ha imposto una limitazione d’età ai visitatori.

Perché? Perché questa esibizione temporanea raccoglie stampe e dipinti erotici e sessualmente espliciti provenienti dall’arte giapponese che hanno ispirato nel corso del tempo artisti del calibro di Toulouse-Lautrec, Picasso e Rodin, che amavano collezionarli.

Prodotti in Giappone tra il 1600 e la metà del 1800, durante un periodo di chiusura totale del paese a tutto ciò che provenisse dall’esterno, questi dipinti erano visti con occhi completamente diversi da quelli che invece verrebbe spontaneo utilizzare oggi.
Shunga letteralmente significa “pittura della primavera” ed era indirizzata a uomini e donne di tutte le classi sociali, dai quali era riconosciuta come forma artistica a tutti gli effetti, non come “intrattenimento” per un particolare tipo di persone.

Il British Museum dà dimostrazione di saper regalare al pubblico un pezzo di storia della cultura e dell’arte giapponese che può aiutare chi osserva a capire la storia della cultura umana in generale, indipendentemente da quanto possa essere scomoda o controversa.
Andateci solo se siete pronti a vedere i dipinti e le tele con mente aperta e senza preconcetti, dato che in mostra si troveranno scene di sesso, masturbazione e genitali.

Artisti come Kitagawa Utamaro e Katsushika Hokusai erano celebrati da persone di tutte le estrazioni sociali, ed hanno influenzato anche forme d’arte contemporanea come ad esempio i manga, gli anime e l’arte giapponese del tatuaggio.
Questi 165 opere includono dipinti, stampe e libri illustrati e saranno in esposizione al British Museum dal 3 ottobre 2013 al 5 gennaio 2014.

Per maggiori informazioni riguardo i prezzi e le prenotazioni consultate il sito internet del British Museum.

31 articoli

Informazioni sull'autore
Federica, vive nella capitale britannica da tre anni ed è laureanda in Management turistico internazionale, ama l’arte in tutte le sue forme e viaggiare. Spende il suo tempo libero fra blog, tazze di thé, libri, lezioni di danza e camminate infinite per le strade di questa città che ama profondamente, Ipod sempre in tasca e volume al massimo. Nei suoi post racconta l’avventura che sta vivendo, la sua Londra. Mind the gap!
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Casa Batlló, la nuova esperienza immersiva a Barcellona

La nuova visita immersiva del capolavoro di Antonio Gaudi, parliamo di Casa Batlló e dei suoi nuovissimi 2000 mq dove sentirsi parte del genio e del capolavoro dell’artista spagnolo. Vola a Barcellona a vivere questa nuova esperienza e magia.
Destinazioni

Winchester, cosa vedere in un giorno

Winchester è una piccola città dell’Hampshire, in Inghilterra, che vale la pena di vedere almeno una volta nella vita. Continuate a leggere per scoprire cosa visitare in un giorno.
Curiosità

Regno Unito low cost: English Heritage Pass

L’English Heritage Pass è ciò che vi permetterà di visitare i siti storici ed archeologici più famosi del Regno Unito completamente low cost. Continuate a leggere per scoprire tutte le informazioni: costi, mappa e tanto altro!
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.