Come viaggiare di più spendendo di meno

Eventi

Shunga e l’arte giapponese al British Museum di Londra

1 minuti di lettura

Shunga

Premessa: se avete meno di 16 anni purtroppo vi sarà molto complicato riuscire a vedere questa mostra, in quanto il British Museum ha imposto una limitazione d’età ai visitatori.

Perché? Perché questa esibizione temporanea raccoglie stampe e dipinti erotici e sessualmente espliciti provenienti dall’arte giapponese che hanno ispirato nel corso del tempo artisti del calibro di Toulouse-Lautrec, Picasso e Rodin, che amavano collezionarli.

Prodotti in Giappone tra il 1600 e la metà del 1800, durante un periodo di chiusura totale del paese a tutto ciò che provenisse dall’esterno, questi dipinti erano visti con occhi completamente diversi da quelli che invece verrebbe spontaneo utilizzare oggi.
Shunga letteralmente significa “pittura della primavera” ed era indirizzata a uomini e donne di tutte le classi sociali, dai quali era riconosciuta come forma artistica a tutti gli effetti, non come “intrattenimento” per un particolare tipo di persone.

Il British Museum dà dimostrazione di saper regalare al pubblico un pezzo di storia della cultura e dell’arte giapponese che può aiutare chi osserva a capire la storia della cultura umana in generale, indipendentemente da quanto possa essere scomoda o controversa.
Andateci solo se siete pronti a vedere i dipinti e le tele con mente aperta e senza preconcetti, dato che in mostra si troveranno scene di sesso, masturbazione e genitali.

Artisti come Kitagawa Utamaro e Katsushika Hokusai erano celebrati da persone di tutte le estrazioni sociali, ed hanno influenzato anche forme d’arte contemporanea come ad esempio i manga, gli anime e l’arte giapponese del tatuaggio.
Questi 165 opere includono dipinti, stampe e libri illustrati e saranno in esposizione al British Museum dal 3 ottobre 2013 al 5 gennaio 2014.

Per maggiori informazioni riguardo i prezzi e le prenotazioni consultate il sito internet del British Museum.

31 articoli

Informazioni sull'autore
Federica, vive nella capitale britannica da tre anni ed è laureanda in Management turistico internazionale, ama l’arte in tutte le sue forme e viaggiare. Spende il suo tempo libero fra blog, tazze di thé, libri, lezioni di danza e camminate infinite per le strade di questa città che ama profondamente, Ipod sempre in tasca e volume al massimo. Nei suoi post racconta l’avventura che sta vivendo, la sua Londra. Mind the gap!
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Ricetta

Tortionata di Lodi, la ricetta del dolce di mandorle

La Tortionata è la torta della città di Lodi, famosa in tutta la Provincia con una storia antichissima e un nome curioso. Leggi come preparare la torta e come gustarla, inoltre dove trovarla a Lodi e in Lombardia.
Ricetta

Carciofo alla giudia, ricetta e storia del piatto

La ricetta ufficiale per assaporare il carciofo alla giudia, storico piatto romano che nasce nel quartiere ebraico della Capitale. Il consiglio è quello di fare una gita a Roma dove degustare anche questo piatto e poi riprodurlo con questa ricetta a casa.
Destinazioni

Les huîtres: le tre migliori ostriche in Francia

Vi siete mai chiesti da dove vengono le migliori ostriche in commercio e come crescono? Qui potete trovare elencate le tre città migliori in Francia sia per la qualità che per il metodo di produzione de “les huîtres”.
Rimani aggiornato sulle ultime news, le mete da sogno e i piccoli borghi italiani da visitare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.