Piave, cosa mangiare, itinerario gastronomico

Itinerario enogastronomico Piave

Itinerario enogastronomico Piave

Tutti i sapori del Piave per sapere quali piatti tipici assaggiare e quali vini non perdersi, per conoscere la gastronomia del territorio.

di , | Dove Mangiare

Booking.com

Il Piave è un fiume vivo, carico di storia e di storie. E’ il Fiume Sacro alla Patria, il protagonista di leggende, gesta eroiche, cambiamenti geografici, tradizioni e sapori unici.

CarneLocanda
Durante la settimana del blogtour #PiaveLive, organizzato dal Consorzio Bacino Imbrifero Montano del Basso Piave e l’agenzia di comunicazione Next Italia, abbiamo avuto modo di conoscerlo profondamente, alternando momenti di puro contatto con la natura, con altri di riflessione legati alla Grande Guerra, ai cambiamenti economici e sociali, ai legami con la popolazione del luogo e con i grandi nomi che lo hanno vissuto e amato, come Hemingway, Parise e Buzzati.

ConfraternitaValdobbiadene

C’è un aspetto, però, che ha fatto da filo conduttore al nostro viaggio di risalita, da Venezia a Belluno: quello enogastronomico.Un viaggio nel viaggio, alla scoperta di piatti della tradizione e di vini pregiati che hanno fatto la storia di questo territorio.

Enogastromia del Piave: i prodotti tipici dall’Adriatico all’entroterra

Siamo partiti dal mare e nello specifico da Jesolo, dove il Piave sfocia, gustando ricette di pesce, tra cui la tipica bosega, un tipo di cefalo, poco conosciuto, ma dal gusto davvero particolare. L’abbiamo provata insieme a delle erbe di laguna in un primo piatto speciale preparato dall’agriturismo La Barena di Jesolo.

FritturaEPolenta

Nel primo tratto del viaggio abbiamo mangiato tanto pesce: frittura, zuppa di cozze, tortini gamberi e zucchine e il classico baccalà alla vicentina, cotto nel latte. Una delizia!

Risalendo verso l’entroterra il pesce di fiume si trova a competere sulle tavole con formaggi e salumi tipici di una bontà unica. E’ qui che abbiamo avuto la possibilità di scoprire un’altra specialità di questa terra: il vino Raboso. Si tratta di un vitigno autoctono, dall’origine antichissima, che nella versione Bianca, detta anche Grapariol, è stato recuperato dall’azienda Barbaran di Zenson di Piave, in provincia di Treviso.

PolentaFunghiAffettati

Continuando il viaggio, lungo la Strada dei Vini del Piave che si snoda fino a Conegliano, altra perla della Marca Trevigiana, il bianco prende il posto del corposo rosso e i piatti vengono impreziositi dal Radicchio IGP di Treviso e dalla Casatella Trevigiana DOP, un formaggio fresco assolutamente da provare!

AntipastoBontajer

Lungo il corso del Piave i terreni sono alluvionali e per questo ricchissimi: le distese di viti si perdono all’orizzonte, e producono Raboso, Merlot e Cabernet nel primo tratto, mentre risalendo verso l’entroterra si arriva a Valdobbiadene, terra del Prosecco.

Prosciutto

Ci troviamo sulla Strada del Prosecco e Vini dei Colli Conegliano e Valdobbiadene, costituitasi nel 2003, e veniamo accolti in maniera davvero speciale dalla Confraternita di Valdobbiadene, che ci ospita nella “cella vinaria” a tutta volta in cui i confratelli si riuniscono nel corso dell’anno, e che ci fa conoscere e assaggiare il pregiatissimo Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG.

Dalle dolci colline del Trevigiano si scorgono già le prime cime delle Dolomiti Bellunesi; carne insaccata, erbe, miele, castagne, funghi, zuppe e grappe sono gli immancabili protagonisti delle tavole di montagna.

Barbaran

Qui la Strada dei Formaggi e dei Sapori delle Dolomiti Bellunesi offre prodotti di grande valore: tra questi sicuramente i formaggi, tra cui quelli di malga, il Piave DOP e lo schiz, che viene cotto secondo antiche ricette e servito insieme alla tipica polenta di mais sponcio (ovvero “che punge”), accompagnati da ottimi vini del feltrino.

Cefalo

Degna di nota anche la carne: l’abbiamo provata arrosto, allo spiedo oppure cruda, nella preparazione della Locanda alla Stazione di Ponte nelle Alpi. Quella più tipica è però sicuramente la carne tritata fresca e speziata che viene utilizzata per realizzare i gustosi pastin, che noi abbiamo assaggiato al ristorante Bon Tajer, cotti su un letto di fieno che ha regalato al piatto tutto il sapore di questa terra magica.

Booking.com

© 2014 - Riproduzione riservata