Come viaggiare di più spendendo di meno

Dove Mangiare

La Fleur, il bar dei surrealisti a Bruxelles

2 minuti di lettura
La Fleur en Papier Doré a Bruxelles, il pub dove prendere una birra, dove i surrealisti si incontravano per discutere di arte e di vita, un posto unico da visitare assolutamente.

Cerchi un’assicurazione viaggio che copra le tue spese? (malattia o infortunio all’estero, compreso il Covid-19). Compra direttamente online la polizza viaggio Heymondo o fatti fare un preventivo con il mio codice sconto del 10%! Viaggi con la famiglia? Hai il 10% + il 15% di sconto se a viaggiare siete almeno in tre!

Questo articolo è stato aggiornato il Maggio 25, 2015

In Rue des Alexiens, oggi come allora c’è un locale dove gli abitanti di Bruxelles amano trascorrere le proprie serate, in compagnia di ottimi calici di birra belga, accompagnati da una cucina tipicamente locale. Dista solo 6 minuti a piedi dalla Grand-Place, fulcro della vita cittadina e centro della capitale europea, ma il locale situato nella tranquilla e silenziosa Rue des Alexiens sembra completamente un altro mondo.

belgio

Si chiama La Fleur en Papier Doré ed è a prima vista un vecchio bar, frequentato solo da belga: gruppi di amici o famiglie. In realtà, La Fleur en Papier Doré racchiude all’interno delle sue mura ormai scrostate e con un’infinita varietà di oggetti appesi, una parte importante della storia della città.

belgio-ingrsso

Questo piccolo, ma accogliente bar era infatti il luogo di ritrovo prediletto degli artisti belga della corrente surrealista. Poeti, pittori, scrittori si ritrovavano qui ogni sera, lasciando traccia del loro passaggio ancora oggi, proprio su quelle pareti scrostate e a prima vista rovinate. Lo stesso René Magritte, aveva utilizzato La Fleur come locale per la sua prima esposizione di dipinti, quando ancora doveva essere conosciuto in tutto il mondo.

Il bar offre un’ottima varietà di birre esclusivamente belga, oltre a quelle d’abbazia e quelle esportate anche all’estero, la vera specialità de La Fleur sono la Gueuze e la Kriek, le due tipologie preferite dai belga: la prima decisamente dal gusto molto acido, mentre la seconda più dolce, aromatizzata al lampone.

la fleur

La cucina, casereccia sia nelle porzioni, sia nella qualità dei piatti, offre alcune specialità di Bruxelles difficili da trovare altrove, come il bloempanch (salsiccia e mela caramellata), la tete pressée (un paté a base di carne di maiale ed erbe), le praline di cioccolato belga “La Fleur”, oltre ovviamente a taglieri di formaggi e salumi locali, zuppe con cipolle e crostoni, piatti a base di patate e polpette e infine, la carbonnades à la bruxelloise, il tipico spezzatino cotto nella birra.

Nel menù non appare il piatto tipico nazionale, conosciuto come moules et frites (cozze e patate fritte), per una precisa scelta gastronomica di proporre solo sapori tipici dell’antica cucina casalinga. Trascorrere una serata a La Fleur significa respirare una parte di storia della città, lasciandosi trasportare dalla magia delle sue pareti, degli oggetti, delle decorazioni, delle scritte, ma soprattutto significa poter ancora assistere a serate dedicate alla poesia e alle creazioni dei numerosi artisti belga che ancora lo frequentano.

la fleur bruxelles

È Maigritte che ancora oggi detta le regole per chi entra in questo locale: “Tout homme a droit à 24 heures de liberté par jour”, ed è con questo spirito che si deve vivere l’esperienza unica de La Fleur en Papier Doré.

Questo articolo ti ha messo voglia di viaggiare? Benissimo!
Vai su Booking e trova l’hotel, il b&b o l’appartamento ideale per il tuo viaggio!
Oppure inizia la tua ricerca proprio qui sotto :)

Booking.com

Trova l’Hotel per te!

 

Stai cercando un volo per questa destinazione? Prenota con Skyscanner e trova facilmente il volo più economico secondo le tue date e le tue preferenze di aeroporto. Oppure, inizia la ricerca qui sotto!

Trova il tuo volo!

 

43 articoli

Informazioni sull'autore
Viaggia on the road da quando è nata, grazie alla grande passione trasmessa dai genitori. Laureata in turismo, culture e territorio a Milano, dal 2010 ha deciso di dare vita al blog dove raccoglie tutti i diari di viaggio e da spazio a luoghi fortunatamente ancora poco conosciuti dal turismo di massa. Emiliana doc, non viaggia per fuggire, ma per guardare con occhi nuovi, scoprire con interesse e alla fine, tornare. Esiste solo una regola: viaggia con l'anima, viaggia con il cuore, fatti guidare dalla curiosità.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Come MuoversiFederchicca

Le città della bicicletta in Europa, quali sono

Ti sei mai chiesto dove è più facile e dove è più sicuro andare in bicicletta? Te lo svelo io perché secondo recenti ricerca in Europa le città sicure per le biciclette non sono tante, ma sono bellissime e vale la pena visitarle tutte. Vieni a scoprirle.
Destinazioni

Casa Batlló si trasforma in un palcoscenico natalizio: concerto di luci e musica gratis per tutti!

A Natale, Casa Batlló diventa un palcoscenico di luci e colori. A Barcellona la celebre opera di Antoni Gaudì, completata nel 1907, attrae gradi e bambini dal 17 novembre fino al 18 febbraio, con un’esperienza notturna unica. Leggi l’articolo e scopri di più.
Destinazioni

Natale a Helsinki: Mercatini di Natale e visita della città

Natale a Helsinki, consigli di viaggio per vedere i Mercatini di Natale, i maggiori musei ed esplorare la città tra piscine e saune, anche i inverno, e locali dove vivere la vera esperienza finlandese. Leggi qui.