Jerez de la Frontera e lo sherry di Tio Pepe - Viaggi Low Cost

Jerez de la Frontera e lo sherry di Tio Pepe

Jerez de la Frontera e lo sherry di Tio Pepe

di , | Cosa Fare

Booking.com

Jerez de la Frontera è Tio Pepe. Punto. Questa famosa azienda vinicola, produttrice di sherry, ha monopolizzato ogni angolo della città. Verrebbe da dire: “per fortuna”.

Una città alquanto anonima, lenta, quasi triste. Difficile orientarsi nel labirinto di stradine strette, desolate e tutte uguali che si ramificano a partire dal corso principale. Se per caso vi sfiorasse l’idea di percorrerle, portatevi una bussola: potreste avere serie difficoltà a ritrovare il punto di partenza; oppure affidatevi alla buona sorte: magari incontrerete qualche abitante del posto gentile e disponibile (come è capitato a me) che si offrirà di salvarvi!

Uniche note di colore nel grigiume di questa città sono le icone di Tio Pepe che sfioccano accanto ad ogni bar e le botti dello stesso che monumentalizzano qualche angolo altrimenti spoglio. Quasi di fronte alle cantine troverete la Cattedrale di San Salvador, in stile barocco, e, poco più avanti, l’Alcazar. Se ancora non siete stati a Siviglia, queste due attrazioni vi piaceranno sicuramente e vi faranno reputare un po’ meno inutile la tappa a Jerez. Se invece avete appena visto Siviglia e magari avete già visitato pure l’Alcazar di Granada, come spesso capita a chi intraprende un tour in Andalusia, la delusione sarà inevitabile.

Personalmente credo che vi convenga passare per Jerez solo se vi piace lo sherry e volete acquistare del buon vino liquoroso direttamente in cantina, magari dopo un giro turistico sul trenino che vi porta a spasso per l’azienda vinicola.

Booking.com

© 2013 - Riproduzione riservata

commenti

Non sono affatto d’accordo con chi ha scritto questo articolo! Ma ha visto bene Jerez? Tio pepe è un must non sono per gli amanti dello sherry, ma anche per un turista curioso, l’area è molto musealizzata e merita! Ma hai dimenticato che Jerez è la casa della famosissima scuola di cavalleria spagnola? assolutamente da visitare i musei ed assistere agli spettacoli, da prenotare con largo anticipo per trovare posti con buona visuale. Oltre Tio Pepe merita anche la famosa casa Sandeman, anch’essa produttrice di sherry. A me l’Alcazar non ha deluso, certo meno importante dell’Alhambra di Granada, ma merita una visita. Jerez è una città ricca della provincia di Cadice proprio grazie allo sherry (corrisponde un pò alla nostra Marsala!) e merita di essere vista per queste importanti attrazioni!

piccolo

agosto 13, 2013 | Rispondi | report

Perdonami ma anche io non sono assolutamente d’accordo.
Jerez è una città meravigliosa, ricca di storia e tradizioni e culla dello spirito andaluso autentico. C’è la scuola di flamenco, il vino, la feria de abril con i cavalli. E poi, certo, lo sherry. C’è un magnifico museo del tiempo (orologi fantastici) e del mistero (la storia del vino) e pure un bellissimo museo archeologico.
La zona gitana è meravigliosa (proprio vicino al museo archeologico) e pure l’alcazar è davvero carino e lo hanno arricchito grazie alla “camara oscura” da dove si può fare un volo d’uccello sulla città e i dintorni.
A Jerez si può mangiare benissimo, bere pure meglio e godere di cose bellissime!
Ti lascio il link ad un post che ho pubblicato proprio sulle mie impressioni sulla città.

http://elena-cittadinadelmondo.blogspot.it/2013/06/jerez-de-la-frontera-il-vero-spirito.html?q=jerez

Elena

ottobre 3, 2014 | Rispondi | report

Siamo stati a Jerez lo scorso novembre ed anche noi non condividiamo con quanto scritto in questo articolo, Jerez è ricca di storia e di cultura ed è assolutamente da visitare.
Oltre ai monument ed ai musei, lo sherry, la scuola di equitazione…il cibo e l’ospitalità aggiungerei una bella serata passata in uno dei diversi locali dove si possono gustare spettacoli di flamenco di altà qualità. Vi consigliamo Jerez dalla nostra esperienza.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Booking.com

Mini guida

48 ore a Barcellona, guida per 3 giorni low cost

Cosa visitare a Barcellona in 3 giorni

Barcellona è una delle nostre città preferite, non a caso abbiamo qui su Viaggi Low Cost tantissimi post consigli su dove dormire, cosa fare, ma...