Francoforte, cosa fare: 5 cose low cost

5 motivi per fare un viaggio a Francoforte

5 motivi per fare un viaggio a Francoforte

di , | Cosa Fare

Booking.com

Francoforte

Francoforte sul Meno, nel cuore della Germania, è una città particolare, a metà strada tra modernità e tradizione e tra metropoli e natura. La città si trova in una posizione centrale anche rispetto all’Europa: il suo aeroporto è, infatti, uno tra gli scali più trafficati del mondo.

Un viaggio a Francoforte vale la pena anche solo per scoprire il mix etno-culturale che la contraddistingue, oltre che per le cinque ottime ragioni che seguono.

1.Il suo cuore moderno e lo skyline mozzafiato
Il volto moderno della città è una sua parte indissolubile: dopo la quasi totale distruzione nella Seconda guerra mondiale, Francoforte è stata ricostruita in più riprese, ed ora possiede un cuore ricco di grattacieli ed edifici moderni. La città è scherzosamente chiamata dai suoi abitanti “Bankfurt” o “Mainhattan” (gioco di parole tra Main, il fiume Meno, e Manhattan, centro finanziario di New York) per le sue numerose banche: è infatti la sede, tra le altre, della Banca Federale tedesca e della nota Banca Centrale Europea. Di giorno si può passeggiare tra le larghe vie del centro, ben protetti da un paio di occhiali scuri: il riflesso del sole sulle vetrate dei grattacieli è abbagliante! Di sera, invece, la città cambia volto con le sue mille luci: il riflesso dello skyline nel Meno è davvero affascinante! Anche il panorama dall’alto delle torri toglie il respiro. La Main Tower è il grattacielo con la piattaforma panoramica più alta aperta al pubblico (200 m), ma il biglietto non è proprio economico: per vedere gratuitamente la città dall’alto si può salire al settimo piano della Zeil Galerie, un centro commerciale della zona pedonale con una bella vista sul centro storico.

2.Il centro storico con l’autentico quartiere di Alt-Sachsenhausen
Accanto alla parte moderna della città trova posto anche il bel centro storico. Anche se la maggior parte dei suoi edifici è stata fedelmente ricostruita dopo la guerra, si respira ancora un’aria di tradizione passeggiando lungo le Gassen (stradine) del centro. La piazza del Römerberg, con il bel
Municipio, la Alte Nikolaikirche (vecchia chiesa di S. Nicola) e la Paulskirche, sede della prima Assemblea Nazionale Tedesca nel 1848, raccontano anni di storia attraverso i loro stili, tutti diversi. Anche il Duomo merita una visita: dal 1562 al 1792 vi furono incoronati ben 10 imperatori del Sacro Romano Impero. Se dal Kaiserdom si attraversa il fiume, si giunge ad Alt-Sachsenhausen, il quartiere più tipico di Francoforte: tra gli stretti vicoletti e le originali case a graticcio si trovano tutti i locali tradizionali e numerosi pub per festeggiare alla sera.

3.La cucina tipica locale e l’Apfelwein
Anche il piatto tradizionale locale merita una visita alla città tedesca: il Currywurst con patate è davvero gustoso! Io consiglio di provarlo come street food: da “Hanz&Franz”, di fronte alla Paulskirche, si può assaggiare il Currywurst accompagnato con patatine o dal classico panino.
Naturalmente bisogna annaffiare il tutto con un bel bicchiere di Apfelwein, il sidro locale: si può assaggiarlo ovunque, ma quello più buono si beve nelle numerose trattorie tradizionali del quartiere di Alt-Sachsenhausen. Anche la Grüne Soße, una salsa verde molto cremosa, è tipica della città, così come i Frankfurter Bethmännchen (pasticcini di marzapane): questi dolcetti meritano decisamente un assaggio (o forse due!).

4.La vita lungo il fiume
Francoforte ha anche un polmone verde: i suoi parchi e giardini ricchi di fiori e fontane sono sempre molto frequentati dai tedeschi così come dai vari turisti. A una decina di minuti dal centro si trova il Palmengarten, il Giardino delle Palme, che ospita la flora di tante zone climatiche diverse. Mentre lungo le rive del Meno si può passeggiare, andare in bicicletta o starsene sull’erba a fare un pic-nic e a suonare la chitarra con gli amici: con l’arrivo della primavera è proprio l’ideale! Per chi ama navigare, ci sono tante associazioni che offrono giri in barca oppure in canoa, per vedere la città da un altro punto di vista.

5.Cultura e divertimento no stop
Per chi ama divertirsi, Francoforte offre locali più e meno chic, discoteche, pub e club in cui ascoltare anche musica dal vivo: gli amanti del jazz e del blues non possono perdersi una serata all’Orange Peel (Kaiserstraße 39, orange-peel.de), un locale su due piani che ospita spesso esibizioni di singoli artisti e di gruppi musicali. La città propone tante visite culturali: la famosa Mainufer è un susseguirsi di musei lungo la riva del fiume con mostre e collezioni di ogni tipo. C’è davvero l’imbarazzo della scelta: dal grande Städel alle curiose mostre dello Schirnhalle, dal museo della Caricatura a quello del Cinema, se il tempo è minaccioso, in città non ci si annoia di sicuro.

Per risparmiare, io consiglio il MuseumsUferTicket (prezzo 18 €, ridotto 10 €): con questo biglietto si possono visitare ben 34 musei durante due giornate. E proprio lungo la Mainufer ha luogo ogni estate uno dei festival più grandi d’Europa nel suo genere: si tratta della festa della Riva dei Musei (museumsuferfest.de), in programma quest’anno dal 29 al 31 agosto, in un connubio tra arte e cultura, musica ed enogastronomia.

Gli eventi non mancano mai in città: verso marzo-aprile è di scena la Luminale, una manifestazione di installazioni luminose e performances che accompagnano l’annuale “Fiera della luce”, mentre con l’arrivo dell’estate sono numerose le feste di strada che vengono organizzate in ogni quartiere. Naturalmente non mancano le bancarelle di street food e Apfelwein: per i tedeschi ogni occasione è buona per festeggiare.


Foto di Luca Galli

Booking.com

© 2014 - Riproduzione riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Booking.com

Mini guida

Berlino mini guida con i consigli low cost

Weekend a Berlino? Ecco cosa vedere in tre giorni

Berlino è una città innovativa, che cambia di continuo, ma soprattuto giovane. E' questo che viene in mente la prima volta che la si visita. Una...