Come viaggiare di più spendendo di meno

Destinazioni

Via Francigena: conoscere la Toscana in cammino

1 minuti di lettura

Questo articolo è stato aggiornato il Dicembre 2, 2013

francigena-toscana

Il viaggio a piedi è uno dei modi più autentici e diretti per entrare in contatto con un luogo, perché permette di sentirne ogni singolo rumore, percepirne i profumi e i colori più vivi. Il camminare di per sé implica un diverso approccio al senso di viaggio, più lento, introspettivo e riflessivo, ma soprattutto più sostenibile.

Così, in un momento in cui i grandi cammini europei a carattere religioso sono fortemente rivalutati conferendogli un significato turistico, prima ancora che spirituale, diviene più che mai importante riprendere in mano la nostra realtà locale, l’antica Via Francigena, sicuramente meno frequentata e conosciuta rispetto al cammino di Santiago, ma per questo non meno interessante dal punto di vista paesaggistico e del patrimonio culturale che sa offrire. L’itinerario originale percorso da Sigerico, portava da Roma a Canterbury, attraversando la Francia, tra paesaggi collinari, montuosi, pianure e fiumi.

La Regione Toscana ha deciso di intraprendere un attento progetto di riqualificazione e valorizzazione del tracciato della Via Francigena, in modo da renderlo fruibile a tutti i pellegrini, con apposita segnaletica, strutture di supporto e ricettività disponibile in ogni tappa del cammino.

Partendo dal Passo della Cisa e Pontremoli, si attraversa l’intera lunghezza delle regione, per giungere a Radicofani, ultima tappa prima del confine con il Lazio, sfilando su mulattiere e strade sterrate, tra cipressi, vigneti, antichi borghi e colline coltivate, accompagnati sempre dall’incredibile varietà di colori della Toscana. Insieme percorreremo alcuni sentieri della zona di Pontremoli e il tratto che va da Buonconvento a Bagno Vignoni.

Un percorso che si snoda in totale per circa 390 chilometri, percorribili anche a piccole e piccolissime tappe; lungo e certamente faticoso in alcuni tratti, ma che permette di conoscere una parte di Toscana ancora poco conosciuta, inaspettata, silenziosa e solitaria. La Via Francigena prima ancora di essere un percorso religioso, è un’esperienza di viaggio, pura, autentica, che permette di riscoprire una diversa dimensione della “strada da percorrere”.

43 articoli

Informazioni sull'autore
Viaggia on the road da quando è nata, grazie alla grande passione trasmessa dai genitori. Laureata in turismo, culture e territorio a Milano, dal 2010 ha deciso di dare vita al blog dove raccoglie tutti i diari di viaggio e da spazio a luoghi fortunatamente ancora poco conosciuti dal turismo di massa. Emiliana doc, non viaggia per fuggire, ma per guardare con occhi nuovi, scoprire con interesse e alla fine, tornare. Esiste solo una regola: viaggia con l'anima, viaggia con il cuore, fatti guidare dalla curiosità.
Tutti gli articoli
Potrebbe interessarti anche
Destinazioni

Tre idee per un weekend a luglio in Italia

È arrivato il mese di luglio. Avete un weekend libero e non sapete come passare al meglio il vostro tempo? Non chiudetevi tra quattro mura, non visitate gli stessi posti nelle vicinanze di casa vostra. In questo articolo vi verranno fornite tre idee per trascorrere un weekend in completa serenità in Italia.
Come Muoversi

Perchè scegliere un viaggio on the road

Il viaggio on the road è uno di quei tipi di itinerari che bisognerebbe fare almeno una volta nella vita, poiché permette a chi lo fa di non saltare neanche una tappa e di scoprire ogni singolo angolo di un tour. In questo articolo andremo ad elencare le ragioni per le quali è meglio scegliere un viaggio on the road.
Destinazioni

I sacrari militari in Italia della Prima Guerra Mondiale

Venite a scoprire i tre sacrari militari che accolgono e commemorano le spoglie dei soldati morti in guerra: Pasubio, Cima del Grappa e Redipuglia.
Rimani aggiornato sulle news di viaggio.
Iscriviti alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.